Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L'industria cinematografica italiana si unisce per esprimere la propria preoccupazione per i ritardi nei finanziamenti pubblici che hanno bloccato la produzione

L'industria cinematografica italiana si unisce per esprimere la propria preoccupazione per i ritardi nei finanziamenti pubblici che hanno bloccato la produzione

Con una mossa senza precedenti, 21 sindacati e personalità di spicco dell'industria cinematografica italiana hanno unito le forze venerdì (5 aprile) per esprimere le loro preoccupazioni sulle sfide nell'accesso ai finanziamenti pubblici che hanno bloccato le produzioni cinematografiche e televisive di fascia alta in Italia . nazione.

“Mai nella mia lunga carriera ho visto un'unità come questa nell'industria italiana”, ha detto il veterano regista Marco Bellocchio sul palco di un evento gremito che ha riempito diversi auditorium del Cinema Adriano di Roma. Erano presenti anche registi come Paolo Sorrentino, Paolo Verzi e Fabrizio Givonni, oltre a numerosi attori e produttori. Tra i sindacati partecipanti vi erano l'Organizzazione 100 Autori Scrittori e Registi, l'Associazione Agenti ASA, l'Associazione Produttori e Distributori ANICA, l'Unione Attori UNITA e l'Arte Italiana Scrittori.

Le società di produzione attendono dall’inizio dell’anno che il governo emani moduli e linee guida per ottenere le esenzioni fiscali italiane sull’audiovisivo per l’anno 2024.

Il ritardo ha portato molte produzioni italiane e internazionali a rinviare le riprese principali o ad abbandonare del tutto i piani di girare in Italia.

Il ritardo nello sbloccare i fondi per la produzione è stato attribuito alla burocrazia e alla carenza di personale nell'ufficio che si occupa del cinema del Ministero della Cultura. Ciò è il risultato anche della riforma del governo italiano sul credito d’imposta sugli audiovisivi, che offre un credito principale del 40% per le produzioni e ha avuto molto successo nell’attrarre le riprese cinematografiche.

sospetto

Negli ultimi anni l’industria audiovisiva italiana ha lavorato a pieno ritmo sulla produzione nazionale ed estera grazie a generose agevolazioni fiscali. Ultimi titoli Netflix come Ripley E Il bellissimo gioco È tra le decine di servizi fotografici internazionali che verranno girati nel paese.

READ  Cani Proibiti o Italiani: recensione su Annecy | Recensioni

Ma a causa dei dubbi sul credito d'imposta, secondo i rappresentanti dei sindacati di produzione, la produzione internazionale si sta allontanando dal paese e molti lavoratori sono ora senza lavoro. Inoltre, il rallentamento della produzione globale ha contribuito ad una contrazione delle riprese cinematografiche in Italia.

Carlotta Casorzi, responsabile Business e Legale di Fandango, ha ricordato che “l'industria italiana è composta da 9.000 aziende e 65.000 dipendenti, che rappresentano il 10% dell'intero settore europeo con un fatturato di 13 miliardi di euro l'anno”, citando i dati di Casa. Depositi e Prestiti, divisione del Ministero dell'Economia.

Oltre agli sgravi fiscali italiani, le produzioni e coproduzioni italiane possono ottenere finanziamenti automatici e selettivi da parte del governo. I fondi automatici, del valore di 5 milioni di euro nel 2022, si basano sulla performance commerciale e artistica dei titoli precedenti di registi e società di produzione; I fondi selettivi del valore di 25 milioni di euro vengono giudicati in base alla sceneggiatura del film.

“Stiamo aspettando il nuovo quadro normativo e soprattutto di sapere quanti sussidi il governo concederà l'anno prossimo”, ha detto durante l'evento Andrea Occhipinti, amministratore delegato della società italiana di produzione e distribuzione Lucky Red.

Lucia Borgonzoni, responsabile del Dipartimento Cinema del Ministero della Cultura, ha affermato che 700 milioni di euro saranno la cifra massima che il governo spenderà per le agevolazioni fiscali nel 2024. Nel 2022 sono state concesse agevolazioni fiscali per un totale di 768 milioni di euro. le produzioni cinematografiche hanno beneficiato di 175 milioni di euro, le produzioni televisive di 254 milioni di euro, le produzioni internazionali e coproduzioni girate in Italia di 338 milioni di euro).

READ  La commedia 'Mafia Mama' di Toni Collette vende molto, l'italiana Cattleya si unisce - Deadline

I produttori indipendenti hanno anche pubblicizzato l'incontro di settore di venerdì come un'opportunità per chiedere al governo di frenare il potere di alcune delle più grandi società di media del paese.

I produttori si sono lamentati a gran voce del fatto che le società di media detengono troppo potere quando si tratta di investire nella produzione cinematografica. “I film italiani rappresentano il 24% del botteghino totale nel 2023, ma l’80% di questi ricavi sono generati da soli tre distributori: Medusa, Vision e 01 Distribution – ha osservato Simonetta Amenta, presidente dell’Associazione dei produttori indipendenti italiani (AGICI) ).

Medusa è di proprietà della rete televisiva Mediaset, sede di tre dei più grandi canali televisivi in ​​chiaro in Italia. Vision fa parte di Sky Italia; 01 Distribution fa parte dell'emittente pubblica RAI.

“Quando un piccolo produttore negozia un contratto con un'emittente che funge anche da distributore e può acquistare i diritti di vendita globali, è costretto ad accettare tutto ciò che è sul tavolo”, ha detto Occhipinti.

Le piattaforme di streaming internazionali così come le tre grandi aziende italiane sono al centro delle preoccupazioni dei produttori perché hanno il potere di bloccare il budget e quindi di stabilire le condizioni.

I produttori indipendenti hanno chiesto norme per impedire a queste società di essere distributori oltre che emittenti, o almeno per essere più trasparenti su quanto denaro reinvestire nei film.

L’obiettivo finale per i produttori indipendenti è riuscire a mantenere i diritti sulla proprietà intellettuale che sviluppano e vendono. “Non vogliamo essere produttori esecutivi”, ha aggiunto Occhipinti.