Agosto 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Indonesia vuole che i sottomarini AUKUS siano monitorati da un organismo di monitoraggio delle Nazioni Unite

Singapore: L’Indonesia vuole che l’acquisizione da parte dell’Australia di sottomarini a propulsione nucleare sia monitorata da vicino da un organismo di monitoraggio delle Nazioni Unite, affermando che richiede un “interesse molto serio” perché le sue acque saranno attraversate da tali navi.

Insieme alla vicina Malesia, nel sud-est asiatico, l’Indonesia ha espresso orrore per le ambizioni sottomarine dell’Australia da quando l’accordo AUKUS è stato rivelato lo scorso settembre.

Il sottomarino americano di classe Virginia, che potrebbe costituire la base della prevista flotta di sottomarini a propulsione nucleare australiana.a lui attribuito:Marina americana

Ora, Giacarta ha sollevato preoccupazioni significative sulla condivisione della tecnologia nucleare per scopi militari in un documento di lavoro per la Conferenza di revisione sulla non proliferazione nucleare delle Nazioni Unite di questa settimana a New York, in cui evidenzia le questioni di sicurezza relative al trasporto e all’uso dell’uranio altamente arricchito e del rischio che accada. Essere dirottati verso programmi di armi.

Tri Thuriat, direttore generale della cooperazione multilaterale presso il ministero degli Esteri indonesiano, ha affermato che la proposta dell’Indonesia di mettere in atto normative più severe sulla condivisione di materiali nucleari per il rifornimento di sottomarini ha il sostegno della Malesia.

“Come stato arcipelagico, che ci piaccia o no, [Indonesia] Passerebbe certamente attraverso sottomarini a propulsione nucleare, e quindi abbiamo un serio interesse a realizzare le nostre proposte”.

“La conclusione è che l’uso dell’energia nucleare per i sottomarini deve essere strettamente monitorato dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica [International Atomic Energy Agency]. Speriamo attraverso il nostro documento di lavoro che ci siano interesse e passi da parte dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica per l’ispezione e la non proliferazione”.

READ  Gli esperti di sicurezza nazionale mettono in dubbio il ritardo dell'Australia nella riapertura dell'ambasciata di Kiev

L’Indonesia è stata presentata alla conferenza la stessa settimana in cui il presidente Joko Widodo ha incontrato il leader cinese Xi Jinping.

Pechino non ha nascosto la sua opposizione all’acquisto da parte dell’Australia di sottomarini a propulsione nucleare dagli Stati Uniti o dal Regno Unito sotto la supervisione dell’AUKUS, sostenendo che costituirebbe un pericoloso precedente e una violazione del Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, meglio noto come il Trattato di non proliferazione.

Sebbene non abbia menzionato l’Indonesia o l’AUKUS nel suo documento di lavoro, l’Indonesia ha anche affermato che la condivisione di tecnologia e materiali nucleari per scopi militari potrebbe entrare in conflitto con lo spirito e lo scopo del Trattato di non proliferazione nucleare. Senza adeguate salvaguardie in atto, “queste disposizioni possono essere sfruttate per fornire uno scudo per la diversione di quei materiali [a] programma di armi nucleari.