Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lightsource BP collabora con Dourogás su progetti di idrogeno verde

Soutad Wattanakul | EyeEm | Getty Images

La società di energia solare Lightsource BP sta collaborando con la portoghese Dourogas su una serie di progetti incentrati sulla produzione di idrogeno verde.

In una dichiarazione rilasciata giovedì, Lightsource BP – in cui il colosso del petrolio e del gas BP detiene una quota del 50 percento – ha affermato che la partnership vedrà le due società “esplorare il potenziale di otto siti di idrogeno verde”.

L’idea alla base di questa collaborazione è che gli impianti di energia solare di Lightsource bp verranno utilizzati per alimentare l’elettrolizzatore sviluppato da Dourogas.

Lightsource BP ha affermato che l’idrogeno verde prodotto dalla partnership sarebbe stato iniettato direttamente nella rete del gas portoghese.

Il primo progetto di cooperazione ha beneficiato di una sovvenzione di 5 milioni di euro (5,65 milioni di dollari) dal Fondo Portogallo 2020 dell’Unione europea.

Maggiori informazioni sull’energia pulita da CNBC Pro

L’idrogeno, che ha una varietà di applicazioni, può essere prodotto in diversi modi.

Un metodo prevede l’uso dell’elettrolisi, con una corrente elettrica che divide l’acqua in ossigeno e idrogeno. Se l’elettricità utilizzata in questo processo proviene da una fonte rinnovabile, come l’energia eolica o solare, alcuni la chiamano idrogeno “verde” o “rinnovabile”.

“Abbiamo sempre creduto nell’energia solare come strumento vitale per la decarbonizzazione”, ha dichiarato in una nota Miguel Lobo, presidente di Lightsource BP in Portogallo.

“Quando viene utilizzato per generare idrogeno verde, diventa un kit completo di strumenti per la conversione dell’energia”.

“L’energia pulita intrappolata in queste molecole di idrogeno può ridurre istantaneamente l’impronta industriale, dei trasporti pesanti e del calore in modi che l’elettricità da sola non può”, ha aggiunto.

READ  Viva la carenza di manodopera!

L’idea di integrare l’idrogeno con le infrastrutture esistenti sta iniziando a prendere piede.

Già a luglio, Marco Alvira, amministratore delegato dell’italiana Sanam, ha delineato una visione per il futuro dell’idrogeno, affermando che la sua “bellezza” è che può essere facilmente immagazzinato e trasportato.

Parlando con CNBC, ha parlato di come gli attuali sistemi possono essere utilizzati per facilitare la consegna di idrogeno prodotto utilizzando fonti rinnovabili oltre ai biocarburanti.

“In questo momento, se accendi il riscaldamento in Italia, il gas scorre dalla Russia, fino alla Siberia, nelle condutture”, ha detto.

“Domani produrremo idrogeno in Nord Africa e nel Mare del Nord con risorse di energia solare ed eolica”, ha affermato Alvira. Questo idrogeno può viaggiare attraverso il gasdotto esistente.

Mentre in alcuni ambienti c’è entusiasmo per il potenziale dell’idrogeno verde, la stragrande maggioranza della produzione di idrogeno si basa attualmente sui combustibili fossili.

Di recente, alcuni leader aziendali hanno parlato dei problemi che ritengono stiano affrontando il settore emergente.

Ad ottobre, ad esempio, il CEO di Siemens Energy ha dichiarato alla CNBC che “non esiste alcun caso commerciale per l’idrogeno verde” in questo momento.