Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Libro di storia – Medaglia d’oro Evangelista

Libro di storia - Medaglia d'oro Evangelista

Mary Richard, conduttrice: Oggi è martedì 18 gennaio.

Grazie per essere venuto a WORLD Radio per aiutarti a iniziare la giornata.

Buon giorno. Sono Mary Richard.

Nick Escher, Presentatore: E io sono Nick Escher.

vieni dopo Il mondo e tutto ciò che contieneLibro di storia del mondo.

A causa della vacanza di ieri in onore di Martin Luther King Jr… noi urtato Il libro di storia… Per quel giorno, un eccentrico pilota stabilisce un record, nasce un campione olimpico e il cattolicesimo romano torna a Roma. Ecco la corrispondente senior Katie Golney.

Musica: canto monastico

Katie Goltney, corrispondente senior: Roma è sempre stata la sede del papato. Ma ci fu un periodo di quasi sette decenni in cui il papato lasciò l’Italia per la Francia.

Poi il 17 gennaio 1377 – 645 anni – papa Gregorio XI restituì il papato a Roma da Avignone. Le sue ragioni erano in parte geopolitiche: iniziò a muoversi per proteggere le terre pontificie italiane dalle forze contrarie. Ma furono le suppliche di Caterina da Siena, italiana e laica membro dell’ordine domenicano, che alla fine lo convinsero.

La polemica ha segnato la mossa fin dall’inizio. Papa Gregorio fu costretto a fuggire da Roma per un breve periodo e morì solo due mesi dopo questo passaggio. Il trasferimento portò a quasi 40 anni di controversie note nella storia della Chiesa come lo Scisma d’Occidente, quando uomini a Roma e ad Avignone affermarono di essere il “vero papa”. La maggior parte di loro considerava illegittimi i papi residenti in Francia.

Oggi la Città del Vaticano a Roma ha una popolazione di circa 800 abitanti, tutti cattolici. La città accoglie anche migliaia di turisti e lavoratori ogni giorno.

READ  Zionfelix presumibilmente esce con mamma e figlio italiani

Ora dalle mosse geopolitiche… al record.

Musica: “Veicoli antincendio”

Centoventidue anni fa, il 16 gennaio 1902, nasceva l’atleta e missionario olimpico scozzese Eric Liddell.

La vita ispiratrice del campione di sprint dei 400 metri è stata catturata nel film del 1981 Veicoli antincendio.

CLIP: …credo che Dio mi abbia creato con uno scopo. Ma mi ha anche reso veloce. Quando corro, mi sento felice.

Sebbene scozzese di origine, Liddell è nato in Cina da missionari cristiani. Ha frequentato scuole in Inghilterra e Scozia, eccellendo negli studi e nell’atletica leggera. La sua reputazione di uno dei principali candidati dell’università gli rese una grande opportunità per ospitare le Olimpiadi nel 1924.

Ma durante i Giochi di Parigi, ha scoperto che doveva prendere posizione per le sue convinzioni cristiane. Domenica si sono svolte le manche per i 100 metri, che hanno spinto Liddell a ritirarsi dal suo evento più forte. Invece, si è concentrato sullo sprint dei 400 metri, vincendo una medaglia d’oro e stabilendo un nuovo record olimpico. Ha vinto una medaglia di bronzo nei 200 metri.

La personalità di YouTube Simon Whistler cita Liddell quando condivide la chiave scozzese per la vittoria.

fischio: Questa prestazione è solitamente attribuita al fatto che Liddell ha trattato la gara come un nemico morto, correndo i 400 m il più velocemente possibile. Per citare lo stesso uomo quando gli è stato chiesto del suo piano vincente, “Il segreto del mio successo nei 400 metri è che corro i primi 200 metri più forte che posso. Poi, nei secondi 200, corro più veloce con l’aiuto di Dio”.

Oltre alla sua forte convinzione che lo contraddistingue, gli spettatori hanno notato lo stile di corsa non convenzionale di Liddell. Mentre si avvicinava al traguardo, gettava indietro la testa, la bocca debole, come se stesse senza fiato.

READ  Italian Prez ringrazia i cittadini per il loro senso di responsabilità nel discorso di Capodanno

Un anno dopo il suo successo alle Olimpiadi, Liddell tornò nel nord della Cina per predicare. Lì sposò un missionario canadese e ebbe tre figlie.

Le controversie tra Giappone e Cina alla fine fecero precipitare la morte di Liddell all’età di 43 anni. Le forze giapponesi lo misero in un campo di concentramento. Ma rimase leale fino alla fine, servendo gli altri detenuti con giochi, studi biblici e lezioni scolastiche. Un’altra clip del film del 1981:

CLIP: E da dove viene la forza per vedere la fine della corsa? Se ti impegni nell’amore di Cristo, è così che corri una corsa retta.

Secondo un collega missionario, le ultime parole di Liddell furono: “È una resa completa”.

E per la nostra ultima voce di oggi, fare la storia dell’aviazione.

Suono: un aereo d’epoca decolla

Ottantacinque anni fa, il magnate degli affari e pilota Howard Hughes stabilì un nuovo record di volo, volando da Los Angeles a Newark, nel New Jersey. Il volo del 19 gennaio 1937 durò sette ore, 28 minuti e 25 secondi, battendo il record precedente di due ore. Chi era il precedente detentore del record? Hughes stesso. Da un’intervista alla stampa dell’epoca:

CINEGIORNALE: Bene, questo disco è di circa due ore migliore del tuo vecchio, vero? / … Sei più bravo in aritmetica di me adesso.

L’eccentrico miliardario aveva interessi unici, come la regia e la produzione cinematografica. Ma i suoi hobby nel campo dell’aviazione e dello spazio hanno avuto il maggiore impatto sulla sua salute fisica. Hughes è sopravvissuto a quattro incidenti aerei, almeno uno dei quali è stato semi-fatale.

READ  Cosa vedere alla Dallas Art Fair di quest'anno

CLIP: Howard, riduci il numero di motori a 1000! / Sto andando giù! Non lo farò!

Questo passaggio è dalla biografia di Hughes del 2005 “The Aviator”. Di conseguenza ha sviluppato dolore cronico e perdita dell’udito e il suo disturbo ossessivo-compulsivo è peggiorato.

Ha fatto di Los Angeles la sua base operativa di volo, imparando a pilotare un aereo da alcuni dei primi piloti.

Canzone: “Vieni, Josephine, nella mia macchina volante”

Ha persino fondato la sua compagnia aerea, sviluppando un aereo da terra noto come Hughes H-1 Racer. È stato questo aereo che lo ha portato a stabilire molti record, compresi quelli in tutto il paese. Questa è stata l’ultima volta nella storia che un aereo costruito da un individuo normale ha stabilito il record mondiale di velocità relativa.

Hughes è effettivamente morto su un aereo privato, ma non in un incidente. Stava viaggiando da Acapulco a Houston nell’aprile 1976 per cure mediche, quando morì in volo per insufficienza renale all’età di 70 anni.

Questo è il libro di storia di questa settimana. Sono Katie Golney.


Gli script di Radio WORLD vengono generati con una scadenza rapida. Questo testo potrebbe non essere nella sua forma definitiva e potrebbe essere aggiornato o rivisto in futuro. Precisione e disponibilità possono variare. La registrazione ufficiale della programmazione di Radio WORLD è la registrazione audio.