Giugno 29, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’ho fatto bene! La musica nell’Opera di Kiev riaperta sostituisce il rumore dell’artiglieria russa | Ucraina

Le luci si sono abbassate, il silenzio è calato nella sala e l’orchestra ha emesso le prime note dell’introduzione. Questo rituale è stato eseguito migliaia di volte alla Grande Opera di Kiev nel secolo scorso, ma lo spettacolo di sabato pomeriggio è stato a dir poco straordinario.

In una città che da tre mesi è abituata alle sirene dei raid aerei e ai bombardamenti di artiglieria delle periferie, il pubblico è stato invece coccolato dalle morbide melodie di Rossini. Il Barbiere di Siviglia.

È stata la prima rappresentazione dopo l’invasione missilistica e missilistica di Vladimir Putin che ha sfacciatamente interrotto la stagione lirica – e tutto il resto in Ucraina – nelle prime ore del 24 febbraio.

Ora, a meno di tre mesi di distanza e con aspre battaglie ancora in corso nella parte orientale del paese, l’opera è tornata, anche se con alcune modifiche. Gli spettacoli si svolgeranno solo nei pomeriggi del fine settimana, vengono venduti un massimo di 300 biglietti e il pubblico dovrebbe essere preparato a spostarsi rapidamente nei servizi igienici nel seminterrato se le sirene suonano durante lo spettacolo.

Un uomo in uniforme militare si gode un pomeriggio all'Opera di Kiev.
Un uomo in uniforme militare si gode un pomeriggio all’Opera di Kiev. Fotografia: Alessio Mamo/The Observer

Il pubblico di sabato era un misto di coppie che si godevano la prima possibilità per settimane di vestirsi con i loro abiti più eleganti e soldati in uniforme che si prendevano una pausa dal servizio militare per un po’ di cultura alta.

Solo le cabine erano piene, con quattro livelli di balconi dorati sbarrati per garantire che l’evacuazione potesse avvenire più rapidamente, se necessario.

disse Volodymyr, un soldato che voleva solo dare il suo nome.

Molte opere rimangono all’estero e alcune combattono nell’orchestra in prima linea o prestano servizio nelle forze di difesa regionali.

I membri del pubblico si travestono per guardare Il barbiere di Siviglia
I membri del pubblico si travestono per guardare Il barbiere di Siviglia. Fotografia: Alessio Mamo/The Observer

Oleksii Potiomkin, la ballerina principale, si è unita al servizio militare e pubblica aggiornamenti quotidiani su Instagram.

Ma abbastanza artisti e personale tecnico sono tornati a lavorare per la compagnia per offrire spettacoli d’opera su larga scala.

Il soprano Ulha Fumichova, che sabato ha interpretato il ruolo principale di Rosina, ha lottato per trattenere le lacrime mentre parlava dei suoi sentimenti prima di salire sul palco.

“Stamattina ho avuto la sensazione che sarei venuto a cantare la prima, anche se ho cantato quel ruolo per anni. Mi sento come se stessi arrivando su questo palco, che conosco così bene, per la prima volta, ” lei disse.

Fomichova rimase per lo più a Kiev durante l’invasione, ma mandò suo figlio in salvo in Germania. Ha detto di averlo visto di recente quando si è recata lì per partecipare a un concerto di beneficenza per aiutare l’Ucraina, e la riunione di famiglia e il concerto sono stati commoventi.

“Quando porti la bandiera ucraina sul palco per una chiamata alla ribalta e ricevi una standing ovation di 10 minuti, non ho parole per descrivere la sensazione”, ha detto.

Il cantante Oleksandr Kirev nel backstage
Il cantante Oleksandr Kirev nel backstage. Fotografia: Alessio Mamo/The Observer

Negli ultimi tre mesi, i solisti sono stati in contatto in un gruppo di chat Viber, scambiandosi storie su come stava andando la guerra per loro, ha detto Natalia Nikolaishin, un soprano che è stato in teatro per 20 anni.

“Eravamo tutti molto legati prima, ma ora ci sentiamo come una famiglia”, ha detto. E domenica, Nikolachin canterà il ruolo del protagonista nell’opera Natalia Poltavka del compositore ucraino Mykola Lysenko.

“Volevamo aprire con spettacoli simbolici: prima un classico europeo e poi un classico ucraino”, ha detto il ministro della Cultura Oleksandr Tkachenko, che ha assistito allo spettacolo di sabato.

Il Teatro dell’Opera di Kiev ha visto molto nel corso degli anni, sia dentro che fuori dal palco. Inaugurato nel 1901 dopo che un incendio distrusse l’edificio precedente, un decennio dopo fu teatro di un drammatico omicidio.

Il primo ministro Pyotr Stolypin, che stava assistendo all’opera Rimsky-Korsakov con lo zar Nicola II, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco durante il periodo intermedio mentre si trovava in prima fila di platea.

Larisa Tarasenko, archivista del teatro, ha affermato che la pausa negli spettacoli durante l’invasione russa è la terza lunga interruzione dell’attività nel secolo scorso.

Il primo fu tra la fine dell’occupazione nazista e il ritorno della divisione sovietica evacuata. Il secondo è stato a causa del Covid. In caso contrario, le esibizioni sono continuate anche se i regimi, gli imperi e gli orientamenti ideologici sono cambiati.

Ora, con l’invasione russa, il teatro prevede di rimuovere tutte le sue munizioni russe, almeno per il momento.

Il pubblico osserva Il barbiere di Siviglia.
Il pubblico osserva Il barbiere di Siviglia. Fotografia: Alessio Mamo/The Observer

Tkachenko ha affermato che il Ministero della Cultura sta attivamente esercitando pressioni sui teatri d’opera all’estero per rimuovere le opere russe dalle loro collezioni, una questione che ha acceso il dibattito in molti paesi sul fatto che il patrimonio culturale russo debba essere separato dalle azioni del governo Putin.

“Stiamo cercando di discutere in tempo di guerra, è una mossa simbolica e dobbiamo sicuramente trovare il modo di celebrare i compositori francesi, italiani e ucraini”, ha detto Tkachenko.

Nikolachin ha detto di essere cresciuta con i classici russi e Tatiana canta in Tchaikovsky Eugenio Onegin Uno dei suoi primi e preferiti ruoli è stato nel solista.

Ma per ora, questo non è il momento per nulla di russo. “Forse un giorno sarà di nuovo possibile, non lo so”, ha detto.

READ  Né teschio né drago, un italiano si fa tatuare… un QR code per accedere alla sua tessera sanitaria