Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Europa va a cercare gas in Africa

L’Italia potrebbe essere stata la più veloce nell’Unione Europea a guardare a sud verso l’Africa nei suoi sforzi per svezzarsi dal gas russo. I paesi occidentali impongono sanzioni economiche e politiche alla Russia, dopo aver invaso l’Ucraina a fine febbraio 2022. Anche l’Italia è la più colpita, con la Russia che vende circa 29 miliardi di metri cubi di gas naturale all’anno, oltre il 40% delle condizioni delle sue importazioni di gas .

Sostituire la Russia come principale fornitore di gas non sarà un’impresa facile. Nell’aprile 2022, Mario Draghi, il primo ministro italiano, ha firmato un accordo con il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune per acquistare più gas naturale.

Sonatrach, la compagnia petrolifera statale algerina, che già vende all’Italia circa 21 miliardi di metri cubi di gas naturale all’anno, venderà altri 9 miliardi di metri cubi di gas a Eni, la principale compagnia petrolifera mondiale italiana, a partire da settembre 2022.

L’Italia dovrà ancora procurarsi almeno 20 miliardi di metri cubi di gas naturale altrove, soprattutto perché l’Algeria dovrà produrre più velocemente. L’Egitto ha già accettato di fornire 3 miliardi di metri cubi di GNL entro la fine del 2022.

Ad esempio, l’insicurezza di lunga data nella regione del Sahel è un grave ostacolo al gasdotto tra Nigeria e Algeria. Il relativamente più costoso gasdotto offshore Nigeriano-Marocco deve affrontare una soglia elevata per ripagare a causa delle sue alternative immediate ed economiche.

Luigi Di Maio, ministro degli Esteri italiano, Roberto Cingolani, suo omologo al Ministero della Trasformazione Ambientale, e Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni, hanno effettuato spedizioni in Angola e nella Repubblica del Congo a fine aprile 2022 nel tentativo di colmare il divario residuo .

L’italiana Eni punta anche ad avviare la produzione di GNL dal suo impianto galleggiante in Mozambico entro la fine del 2022. Per il Congo, è previsto il lancio di un nuovo progetto GNL nel 2023 per produrre circa 4,5 miliardi di metri cubi di GNL all’anno. Insomma, l’Italia ha già nuovi accordi sul gas con almeno cinque Paesi africani, ovvero Algeria, Egitto, Libia, Angola, Congo e Mozambico.

READ  Speranza e paura nell'Unione europea come ministro delle finanze tedesco | Germania

Anche altri paesi europei cercano gas africano, visitando capitali simili a quelli italiani. Particolare attenzione sta ricevendo la Nigeria, che è il quarto fornitore di GNL in Europa, fornendo circa 13 miliardi di metri cubi di GNL nel 2021. A differenza delle sue controparti nordafricane, la Nigeria non ha un gasdotto verso l’Europa.

Nel quadro dell’agenda globale di trasformazione energetica finora, investitori e finanziatori hanno ridotto la loro esposizione alle transazioni di petrolio e gas.

Con una sorta di globalizzazione dovuta alla pandemia di Covid-19 e alla successiva invasione russa dell’Ucraina, poiché la Cina, la spina dorsale della maggior parte delle catene del valore globali, ha adottato una politica aggressiva di Zero Covid-19, l’Occidente ha cercato di tenere a freno la Russia per fermare la sua espansione e dissuaderà la Cina dall’invasione in natura di Taiwan.In futuro, c’è stata una revisione delle opinioni sulla transizione energetica, come considerazioni più urgenti come portare il gas per le escursioni invernali al bruciatore principale.

I produttori africani di petrolio e gas, le cui grida su come una transizione energetica precoce e aggressiva potrebbe pesare sulle loro prospettive di sviluppo, sembrano aver offerto ancora una volta un’ancora di salvezza dal destino.

I produttori africani di GNL come la Nigeria dovranno espandere la capacità degli impianti GNL esistenti e costruirne di nuovi. Gran parte del gas naturale attualmente bruciato dai CIO sarà convertito in GNL per l’esportazione in Europa bisognosa. Ciò significa che mentre molti paesi africani sono abbondanti, nonostante le loro riserve di gas naturale, non soddisfano ancora il loro fabbisogno di gas domestico per la produzione di energia, la cucina casalinga e una miriade di altri usi.

READ  Merkel mette in difficoltà l'economia tedesca

I contratti a lungo termine con i paesi dell’UE saranno fondamentali. Il Qatar, ad esempio, chiede contratti di 20 anni. I paesi africani attualmente trattati dovrebbero fare lo stesso. I gasdotti previsti per l’Algeria e il Marocco dalla Nigeria si baseranno su questo lungo programma, anche se ognuno avrà i propri rischi.

Ad esempio, l’insicurezza di lunga data nella regione del Sahel è un grave ostacolo al gasdotto tra Nigeria e Algeria. Il relativamente più costoso gasdotto offshore Nigeriano-Marocco deve affrontare una soglia di fruizione elevata a causa delle sue alternative immediate ed economiche. Le spedizioni di GNL sono affidabili e relativamente convenienti in assenza di gasdotti. Inoltre, investire in una maggiore capacità di produzione di GNL è una necessità ancora maggiore.

Tuttavia, le necessità dei tempi stanno alimentando lo slancio. Insieme alla Banca islamica di sviluppo e ai governi di Nigeria e Marocco, il Fondo OPEC per lo sviluppo internazionale ha contribuito al finanziamento della seconda fase del progetto FEED (Progetto di studio di ingegneria del gasdotto Nigeriano-Marocco) da 90,1 milioni di dollari nel marzo 2022, ad esempio . Il gasdotto Nigeria-Marocco da 25 miliardi di dollari sarà un’estensione del progetto del gasdotto dell’Africa occidentale che consente già di fornire gas nigeriano a Benin, Togo e Ghana, attraversando circa 13 paesi dell’Africa occidentale una volta completato.

Leggi anche: NIPCO: Guidare un futuro sostenibile attraverso un’attività innovativa nel settore del gas

Sono stati compiuti alcuni progressi anche sul gasdotto nigeriano-algerino da 12 miliardi di dollari con una capacità di 12 miliardi di metri cubi che dovrebbe raggiungere i 30 miliardi di metri cubi di gas ogni anno una volta completato, poiché la Nigeria e i rispettivi governi del Sahel hanno riaffermato l’impegno a progetto in un incontro regionale. nel febbraio 2022. Tuttavia, permangono ancora molti dubbi sulla misura in cui ciò andrà alla luce della difficile situazione della sicurezza nella regione del Sahel.

READ  Camera Della Moda aggiorna le linee guida sull'uso dei prodotti chimici nella moda - WWD

L’Europa è stata costretta a rivalutare il suo programma di transizione energetica dalla guerra russo-ucraina e dalle misure che le sono state imposte per prevenire un’altra guerra mondiale. Le banche globali, che hanno già iniziato a ridurre la loro esposizione alle transazioni sui combustibili fossili a causa dell’aggressiva campagna per l’energia verde da parte dell’Occidente, hanno iniziato a rivedere le loro strategie.

Tieni presente che i paesi africani hanno letteralmente invocato che una rapida transizione verso le energie rinnovabili interromperebbe le loro prospettive di sviluppo, soprattutto perché sarebbero necessari finanziamenti esterni per continuare a beneficiare delle loro abbondanti riserve di petrolio e gas.

Ora, all’improvviso, l’Europa è pronta a finanziare nuovi progetti di petrolio e gas? Le nazioni africane e i loro alleati occidentali dovrebbero sostenere un accordo più sfumato e accomodante sull’agenda globale a zero emissioni nette di carbonio che consentirebbe all’Africa più tempo per passare all’ambiente e finanziamenti adeguati per farlo comodamente.

Una versione rivista è stata originariamente pubblicata dall’Istituto italiano di studi politici internazionali. Vedi link vale a dire. https://www.ispionline.it/pubblicazione/europes-gas-rush-africa-risks-and-opportunities-both-35094