Maggio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Europa meridionale lotta con il volto mutevole del turismo

Ci è voluta una sola bolletta dell’elettricità per schiacciare le speranze di Dimitris Diavatis che il suo resort estivo greco potesse tornare alla sua salute pre-pandemia quest’anno, anche se le prenotazioni si stavano riversando.

L’importo era più del doppio di quello che ho pagato in questo periodo l’anno scorso quando l’hotel non era nemmeno aperto. Dopo due estati pigre, non ha perso di vista l’ironia: “Non abbiamo intenzione di realizzare un profitto in un buon anno”, ha detto. “L’inflazione lo divorerà”.

La Grecia, come altre economie dipendenti dal turismo nel Mediterraneo, sta vedendo i segnali di un tanto necessario rimbalzo del numero di visitatori nel 2022 dopo due anni in gran parte perduti. Come in Spagna, Portogallo e Italia, il settore è un grande datore di lavoro e contribuisce alle entrate statali.

Ma in tutta la regione, la pandemia ha cambiato il volto del turismo. Gli hotel stavano già lottando con l’aumento delle bollette del carburante e dell’inflazione che l’aumento dei prezzi dell’energia sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina avrebbe causato il peggio.

La disintegrazione dei mercati del lavoro causata dal Covid-19 ha portato a una significativa carenza di personale, mentre i funzionari del turismo italiano riconoscono che la vacanza dell’era della pandemia – con il suo focus su pulizia, igiene e spazio – è una grande sfida per le sue infrastrutture che invecchiano.

Intanto si sta aprendo un mercato per piccoli e modesti vacanzieri: in Spagna e Portogallo, la riluttanza di molti turisti a percorrere lunghe distanze ha accentuato la tendenza a soggiornare nelle zone rurali in tende, campeggi o roulotte. Funzionari dell’industria e del governo in Grecia si aspettano che le entrate raggiungano l’80-90% del record stabilito nel 2019, quando 33 milioni di turisti hanno generato entrate per 18 miliardi di euro, equivalenti a un quinto del prodotto nazionale.

Tuttavia, è improbabile che una stagione eccezionale possa offrire molto sollievo alle società in difficoltà emerse da una crisi finanziaria decennale nel 2018 solo per vedere che la pandemia ha interrotto i viaggi globali due anni dopo.

Il problema dell’aumento dei prezzi del gasolio, del gas e dell’elettricità è stato così esacerbato che il capo dell’associazione turistica greca SETE, Yiannis Ritsos, ha scritto a gennaio ai ministri esortandoli a fornire sostegno finanziario, dicendo che era “oggettivamente impossibile” per gli hotel coprire i costi durante tutto l’anno, soprattutto dopo i mesi invernali più tranquilli.

READ  Powell: il declino economico "morbido" potrebbe essere fuori dal controllo della Fed | Agenzia di stampa

Anche i paesi indebitati dell’Europa meridionale si stavano preparando affinché la Banca centrale europea rimuovesse gli stimoli che mantenevano bassi i costi di finanziamento.

Sebbene la guerra in Ucraina abbia lasciato incerte le aspettative sui tassi di interesse, i margini meridionali hanno ancora un disperato bisogno che i loro settori turistici tornino al lavoro, dato il colpo economico che il conflitto dovrebbe produrre.

Parlando il giorno dopo l’invasione, che la Russia chiama “operazione speciale”, il greco Ritsos ha affermato che era troppo presto per valutare il suo impatto sul settore turistico.

A più di una settimana dall’inizio del conflitto, non c’è stato un aumento notevole delle cancellazioni in tutta la regione.

I turisti russi costituiscono solo una percentuale molto piccola di questo settore nell’Europa meridionale: il 2% delle entrate in Grecia nel 2019 e circa l’1% delle prenotazioni alberghiere notturne in Portogallo. La Turchia – al di fuori dell’Unione Europea – è una destinazione più popolare.

Ma con i prezzi del gas in Europa già a livelli record e che l’inflazione potrebbe essere alimentata a livello globale, paesi come la Grecia preoccupano che il conflitto non farà che esacerbare le già cupe aspettative, limitando il potere d’acquisto degli ospiti e aumentando i costi per i fornitori di servizi.

Babis Volgaris, presidente dell’Associazione dei proprietari di hotel di Corfù, ha affermato che anche gli hotel che sono stati chiusi durante l’inverno temono di non essere in grado di assumersi l’onere aggiuntivo, avendo già concordato tariffe con i tour operator la scorsa estate.

Il proprietario del resort Diavatis, che possiede anche un boutique hotel aperto tutto l’anno e un complesso di sport acquatici sull’isola, è d’accordo.

“Questa sarà una vera crisi per noi”, ha detto. Non direi che è peggio della pandemia perché almeno siamo aperti. Ma non abbiamo perso soldi dopo. Ora stiamo andando verso la perdita di denaro”.

Il governo greco ha speso oltre 42 miliardi di euro in misure di sostegno alla pandemia dal 2020 per mantenere a galla imprese e famiglie e quasi 2 miliardi di euro da settembre per sostenere le bollette dell’elettricità fino a marzo. Per gli albergatori il supporto non basta.

READ  Le famiglie abbracciano gli investimenti nell'ambiente, nella società e nella governance come opportunità di business e valore per la famiglia

“In estate, con i condizionatori accesi, i frigoriferi, la cucina, tutto, non vedo come andrà a finire”, ha detto Kostas Merianos, proprietario di un piccolo hotel a conduzione familiare sulla costa ionica di Corfù.

Dall’altra parte del mare in Italia, lockdown e prezzi dell’energia hanno costretto molti hotel a chiudere definitivamente, afferma Marina Lalli, presidente dell’associazione di categoria Federturismo.

Ha affermato che mentre Lalli sperava che il turismo si avvicinasse ai livelli del 2019 quest’anno, l’Italia deve affrontare l’ulteriore problema di essere una “destinazione turistica matura con strutture alberghiere mature che necessitano di ristrutturazione”.

“Nell’era post-Covid i turisti sono più attenti alla qualità, vogliono una garanzia di pulizia e vogliono sentirsi al sicuro”.

La Grecia ha dichiarato che aprirà la sua stagione turistica già dal 1 marzo di quest’anno per soddisfare la domanda, ma, come in Italia, Spagna e Portogallo, la stagione non inizierà sul serio fino alle vacanze di Pasqua di aprile, un test chiave prima del mesi estivi vitali.

La Grecia e l’Italia stanno gareggiando per colmare una carenza di posti di lavoro poiché la pandemia ha costretto i lavoratori all’estero a lavori meglio retribuiti o in vari settori con prospettive meno incerte.

In Grecia, il ministro del Turismo ha lanciato un appello ai rifugiati in fuga dall’Ucraina, offrendo loro permessi di soggiorno e di lavoro per colmare 50.000 lacune occupazionali nel campo dell’ospitalità.

La domanda di vacanze spagnole quest’anno è stata molto forte, secondo Jose Luis Zorrida, vicepresidente dell’Associazione dell’industria Exceltur, grazie agli alti tassi di vaccinazione della Spagna e all’allentamento delle restrizioni epidemiche nei suoi grandi mercati, Regno Unito e Germania.

“C’è un forte e accumulato appetito per i viaggi in Europa”, ha detto Zureda, prevedendo un'”esplosione” del turismo da Pasqua in poi, ma anche margini di profitto inferiori a causa dell’inflazione e dei prezzi dell’energia.

Tuttavia, Exceltur ha anche scoperto che i turisti cercano un’esperienza diversa. Nel 2021, gli affitti dei campeggi sono aumentati del 19,2%, gli affitti degli appartamenti sono aumentati del 16% e i cottage dell’11%. La fruizione alberghiera è diminuita dell’8%, decremento trainato anche da minori trasferte di lavoro.

A gennaio, le vendite di nuove case mobili e camper sono aumentate del 34,1% su base annua, secondo l’Associazione spagnola dell’industria e del commercio di caravan (ASEICAR).

READ  L'Italia ha generato ricavi musicali registrati per 392,4 milioni di dollari lo scorso anno e si è classificata al 10° posto nella lista dei primi 10 mercati del mondo.

“Il modello di vacanza “tutto in uno” è stato abbandonato”, ha detto a Reuters Yescapa, una società di noleggio di camper online.

Nico Aru, che ha noleggiato un risciò sull’isola di Tenerife, dice che non ha potuto goderselo da quando l’ha acquistato lo scorso marzo perché gli ordini sono in costante aumento da Italia, Francia e Belgio. Il suo problema più grande è che non riesce a trovarne un altro da acquistare perché è molto richiesto.

“Ho beneficiato dell’epidemia”, ha detto.

Il desiderio di un turismo “più lento” è cresciuto anche in Portogallo, poiché il settore ha svolto un ruolo cruciale nella sua ripresa dalla crisi del debito del 2010. Il turismo ammontava a circa il 15% del PIL nel 2019, ma è sceso all’8% nel 2020.

“Ci sono sempre più persone che cercano posti con meno persone”, ha affermato Helder Martins, presidente della Major Hotels Association dell’Algarve. “Non credo che torneranno solo per il sole e la spiaggia”.

I secolari “villaggi scisti”, costruiti sulla pietra di una regione montuosa ricoperta di pini, stanno prendendo vita dopo essere stati abbandonati negli anni dai giovani portoghesi in cerca di lavoro altrove.

“Questa estate si sta riempiendo velocemente”, ha detto Sonia Cortes, proprietaria di un motel di cinque stanze nel villaggio scisto di Janeiro de Cima, dove i costruttori stanno ricostruendo case tradizionali.

“L’inizio della pandemia è stato davvero difficile per chi vive di turismo”, ha detto. “(Ma poi) quelli delle grandi città cercavano villaggi come questo dove potersi sentire al sicuro”.

Bruno Ramos, che lavora per un’agenzia di promozione del turismo lì, ha affermato che c’è stato un aumento del 30% del numero di pernottamenti nei villaggi di Chisit dal 2019 al 2020-21.

Tuttavia, in Grecia, Merianos, proprietario dell’Hotel Corfù, aveva una visione più realistica dei mesi a venire.

“Sarei felice se alla fine della stagione non sono debitore al mio staff, devo allo stato, devo al fornitore di energia, anche se ho ancora 10 euro nel mio portafoglio”, ha detto. [Reuters]