Agosto 9, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’euro alla pari con il dollaro: implicazioni per l’economia globale

Ecologia

14 luglio 2022 • 9:40 ET

L’euro alla pari con il dollaro: implicazioni per l’economia globale

di
Hong trad

L’euro (€) è sceso alla parità con il dollaro USA (USD) per la prima volta in 20 anni, essendo sceso del 12% da gennaio 2022. Il declino dell’euro è il risultato di una serie di formidabili sfide che l’eurozona (EA) deve affrontare. , tra cui Le turbolenze economiche causate dalla pandemia di Covid-19 e la guerra della Russia contro l’Ucraina, il rafforzamento del dollaro USA rispetto a quasi tutte le altre valute. La forza del dollaro è stata trainata dall’aumento dei tassi della Fed e dall’inasprimento quantitativo imposto per combattere l’inflazione che ha raggiunto il 9,1% a giugno. L’effetto combinato di questi fattori impone un enorme onere economico a EA e al resto dell’economia globale.

Lo Spazio economico europeo, e l’Europa in generale, è stato duramente colpito dall’invasione russa dell’Ucraina e dalle successive sanzioni occidentali contro entità russe dalle quali le nazioni europee dipendono per le risorse. In particolare, l’embargo dell’UE sulle spedizioni di petrolio dalla Russia e la chiusura del gasdotto Nord Stream verso l’Europa occidentale, probabilmente oltre il periodo di manutenzione programmato di 10 giorni, hanno portato a un’apparente recessione economica. Le stime di crescita di EA erano Tagliare al 2,5% quest’anno e all’1,9% nel 2023.

Al contrario, l’inflazione di EA è accelerata fino a raggiungere un massimo pluridecennale dell’8,6% a giugno. La debolezza dell’euro ha complicato le aspettative inflazionistiche, rendendo ancora più difficili i compiti della Banca centrale europea (BCE). insieme a Primo rialzo dei tassi– 25 punti base probabili – prevista per la riunione del Consiglio direttivo del 20 e 21 luglio, la Banca centrale europea è stata considerata in ritardo rispetto alle altre principali banche centrali. La Fed ha già stretto di 75 punti base. Pertanto, la Banca centrale europea potrebbe dover intraprendere un’azione più incisiva per ripristinare la credibilità.

READ  City Square Steakhouse è un piccolo progetto per quest'anno

Oltre a ritirare lo stimolo monetario, le azioni della BCE hanno ampliato gli spread di rendimento dei titoli di Stato per i membri circostanti, come Italia e Grecia, rispetto ai membri principali come la Germania. Ad esempio, file Spread obbligazionari tra Italia e Germania a 215 punti base per ora, dopo essere rimasta al di sotto dei 120 punti base per gran parte del 2021. Di conseguenza, nella riunione del Consiglio direttivo di luglio, la Banca centrale europea esaminerà la relazione del Gruppo di lavoro sui meccanismi di protezione dei trasferimenti (TPM) volto a stabilizzare i margini delle obbligazioni terminali sottostanti. Tuttavia, non è chiaro come l’acquisto di titoli di stato periferici per stabilizzare gli spread periferici possa interferire con gli sforzi della BCE di inasprire la politica monetaria per controllare l’inflazione elevata. Le condizioni odierne sono molto diverse dal periodo 2010-11, quando la bassa inflazione ha permesso all’allora presidente della BCE Mario Draghi di promettere di “fare tutto il necessario” per stabilizzare gli spread tra l’EA e l’EUR. La lotta all’inflazione e la stabilizzazione degli spread periferici potrebbero, per il momento, diventare obiettivi incompatibili per la BCE.

Non è inoltre noto se eventuali condizioni verranno allegate utilizzando un tale meccanismo per supportare un membro sotto stress o se il TPM verrà utilizzato automaticamente quando le varianze terminali sottostanti raggiungono una certa dimensione. In quest’ultimo caso, la BCE si sarebbe trasformata da banca centrale dedita a mantenere l’inflazione bassa e stabile a una che mira a mantenere i rendimenti obbligazionari per il governo dei membri più indebitati vicini a quelli dei membri più meritevoli di credito con il debito più basso. La percentuale del PIL. Questo è qualcosa di difficilmente riconoscibile nel Trattato di Maastricht che dà mandato alla Banca Centrale Europea!

READ  Massicce proteste contro i permessi di viaggio per motivi di salute colpiscono la Francia per due giorni

Un altro problema che EA deve affrontare è il rallentamento economico in Cina dovuto a una serie di chiusure in risposta all’improvviso aumento dell’infezione con le varianti Covid-19 Omicron. La crescita della Cina Stime per il 2022 ribassate al 4,3% del target ufficiale a circa il 5,5%. Il rallentamento del principale mercato di esportazione di EA, unito all’aumento dei prezzi dell’energia, ha spostato drasticamente la bilancia commerciale di beni e servizi di EA. È passato da un avanzo di 71,7 miliardi di euro nei primi quattro mesi del 2021 a un disavanzo di 85 miliardi di euro nel corrispondente periodo di quest’anno.

Oltre alla debolezza e alla crescita dell’economia americana Stime per il 2022 ribassate al 2,3% Da parte del Fondo Monetario Internazionale, il rallentamento in Europa (dove l’UE rappresenta il 14% del commercio mondiale) e in Cina (15% del commercio mondiale) ha influito negativamente sulla domanda di esportazione in altri paesi. Particolarmente colpiti sono i mercati emergenti e i paesi in via di sviluppo. Allo stesso tempo, i tassi di interesse statunitensi più elevati e il rafforzamento del dollaro USA hanno portato a un deflusso netto di quasi $ 40 miliardi di capitali di portafoglio internazionali dai paesi dei mercati emergenti negli ultimi quattro mesi, secondo l’Institute of International Finance. L’afflusso netto di capitali ha inasprito le condizioni finanziarie in quei paesi che già registrano una crescita nettamente più lenta. È probabile che lo facciano i mercati emergenti e i paesi in via di sviluppo Soffrendo di perdite di produttività accumulate (Per i trend pre-Covid) 33 punti percentuali nel 2020-2024, a fronte di perdite di 22 punti percentuali per il mondo nel suo insieme.

READ  Il rivenditore svizzero Dufry acquista autogrill italiano

Particolarmente preoccupante è il fatto che molti paesi in via di sviluppo sono sul punto di raggiungere il livello “Serie storica delle ipotesi” Con un quarto di trilione di dollari di debito sovrano già in difficoltà. Oltre ai paesi che stanno negoziando la ristrutturazione del debito come Zambia, Ciad ed Etiopia; E quelli inadempienti, come Venezuela, Libano e Sri Lanka. L’attenzione del mercato si è concentrata su El Salvador, Ghana, Egitto, Tunisia e Pakistan. Questa ondata di insolvenze del debito sovrano avrà effetti di ricaduta negativi sui mercati emergenti e sui paesi in via di sviluppo, aggiungendosi alle enormi difficoltà che stanno già affrontando.

In breve, l’euro alla pari con il dollaro USA riflette non solo la serie unica di sfide difficili che l’EA deve affrontare, ma anche le ricadute derivanti dall’aumento dei tassi di interesse statunitensi e dalle azioni intraprese per rafforzare il dollaro USA e calmare l’inflazione statunitense. Questa combinazione rende difficile per EA e altri paesi, in particolare mercati emergenti e paesi in via di sviluppo, adottare le proprie misure politiche per contrastare la stagflazione e le minacce incombenti.


Hong Tran è un senior fellow non residente presso l’Atlantic Council, ex direttore esecutivo dell’International Institute of Finance ed ex vicedirettore del Fondo monetario internazionale.

All’incrocio tra economia, finanza e politica estera, Centro di Geoeconomia È un centro di traduzione con l’obiettivo di contribuire a plasmare un futuro economico globale migliore.

FOTO: Francoforte, Germania – 28 dicembre 2018: La Banca centrale europea in una giornata nebbiosa a Willy Brandt Platz a Francoforte, Germania.