Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’estrazione in acque profonde potrebbe iniziare entro due anni dopo che la nazione pacifica di Nauru ha emesso un ultimatum alle Nazioni Unite Nauru

Il via libera è stato dato per iniziare l’estrazione in acque profonde in due anni, dopo la piccola nazione insulare del Pacifico Nauru L’organismo delle Nazioni Unite che governa la nascente industria è stato informato dei piani per iniziare l’attività mineraria.

Lanciando la cosiddetta “regola dei due anni”, che alcuni hanno chiamato l’opzione nucleare, l’International Seabed Authority (ISA) ha ora due anni per porre fine alle controverse normative che regolano l’industria.

Se non è in grado di farlo, l’ISA è tenuta a consentire agli appaltatori minerari di iniziare a operare secondo qualsiasi normativa in vigore al momento.

Il presidente di Nauru, Lionel Njimia, ha notificato all’International Securities Commission (ISA) l’intenzione di Nauru Ocean Resources Inc (NORI), una consociata di una società canadese chiamata DeepGreen, di richiedere l’approvazione per iniziare l’attività mineraria entro due anni nel Zona Clarion-Clipperton (CCZ) nell’Oceano Pacifico settentrionale tra le Hawaii e il Messico.

La lettera di Aingimea, datata 25 giugno, chiedeva al Servizio di Sicurezza Interna di “completare l’adozione delle norme, dei regolamenti e delle procedure necessarie per facilitare l’approvazione dei piani di azione per la valorizzazione dell’area entro due anni” a partire dal 30 giugno.

La lettera di Aingimea affermava che Nauru riteneva che la bozza dei regolamenti sull’estrazione in acque profonde fosse quasi completa dopo sette anni di colloqui.

Polpo raro di pesce di mare profondo. Sir David Attenborough ha approvato gli appelli per fermare l’estrazione mineraria in acque profonde, che gli ambientalisti hanno avvertito del suo enorme impatto sulla fauna selvatica e sui cambiamenti climatici. Foto: Bureau of Ocean Exploration and Research/PA

I gruppi ambientalisti, il Parlamento dell’Unione Europea, diverse nazioni del Pacifico tra cui Figi e Papua Nuova Guinea e Sir David Attenborough, hanno chiesto una moratoria sull’estrazione mineraria in acque profonde, sostenendo che si sa poco del suo impatto.

La scorsa settimana, più di 350 scienziati provenienti da 44 paesi Ho firmato una petizione Chiedere una moratoria sull’estrazione in acque profonde “fino a quando non si otterranno informazioni scientifiche sufficienti e accurate”.

“Attualmente siamo nel bel mezzo di una crisi climatica e della biodiversità e sappiamo che gli ecosistemi di acque profonde sono tra i più importanti del pianeta e stiamo assistendo a questa corsa all’estrazione mineraria”, ha affermato Jessica Desmond, attivista oceanica per Greenpeace. Aotearoa, nonostante gli scienziati ci avvertano molto chiaramente che le conseguenze potrebbero essere disastrose”.

“È molto deludente, molto spericolato… e molto pericoloso”, ha detto Duncan Corey, un avvocato internazionale che ha lavorato nel diritto oceanico per 30 anni. Rappresenta la Deep Sea Conservation Alliance che sostiene una moratoria sull’estrazione mineraria in acque profonde.

Currie ha affermato che la regola dei due anni è stata progettata per essere utilizzata se un paese era disposto a minare e poi ha trovato il modo di farlo bloccato da alcuni paesi nell’Homeland Security Act, o se i progressi verso l’adozione di regolamenti che disciplinano l’estrazione mineraria in acque profonde si sono bloccati. , ma non è stato così.

“Ci saranno consultazioni molto importanti la prossima settimana”, ha detto Corey, riferendosi alla scadenza del 3 luglio per le risposte alle bozze di standard e linee guida. “Difficilmente possono lamentarsi che le cose non accadano quando accadono la prossima settimana.

“Se ci trovassimo in una situazione in cui l’azienda aveva testato tutte le sue apparecchiature ed era frustrata dall’ambiente normativo, potremmo aspettarci di vedere questo, ma non l’abbiamo fatto”.

DeepGreen sta cercando di estrarre noduli polimetallici dal fondo del mare. I noduli, che sembrano patate e si pensa che impieghino milioni di anni per formarsi, sono ricchi di manganese, nichel, cobalto e minerali di terre rare, i componenti principali delle batterie delle auto elettriche. DeepGreen sostiene che l’estrazione in acque profonde è un’alternativa meno dannosa per l’ambiente e la società all’estrazione terrestre ed è fondamentale per la transizione verso un’economia più verde.

Appaiono rocce con nome
Le rocce chiamate “noduli polimetallici” compaiono sul fondo del mare nella zona di Clarion-Clipperton nell’Oceano Pacifico. Foto: GSR/Reuters

DeepGreen è in procinto di fondersi con Blank Check Corporation, la Sustainability Opportunity Corporation (SOAC) per diventare la Minerals Company. La società metallurgica prevede di quotarsi al Nasdaq nel terzo trimestre.

Ma la SOAC ha dichiarato la scorsa settimana in un rapporto alla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti che non è ancora noto se l’estrazione del fondale marino avrà un impatto minore sulla biodiversità rispetto all’estrazione della stessa quantità di minerali sulla Terra.

“Non possiamo prevedere… se l’ambiente e la biodiversità sono stati colpiti dalle nostre attività e, in caso affermativo, quanto tempo impiegheranno l’ambiente e la biodiversità a riprendersi”, ha affermato.

DeepGreen ha accordi con Nauru, Tonga e Kiribati per i diritti di esplorazione della CCZ, che copre 224.533 chilometri quadrati, all’incirca le dimensioni della Romania.

DeepGreen non ha risposto alle richieste di commento per questa storia. In risposta alle domande sull’invocazione della regola dei due anni per una storia precedenteLa scorsa settimana, un portavoce di The Guardian ha affermato che la regola dei due anni era “disponibile solo per gli stati sponsor per utilizzarla, non per appaltatori come DG, che non possono invocarla” ma che era una “opzione praticabile disponibile per tutti gli stati membri dell’ISA”. “.

Il governo di Nauru non ha risposto alle richieste di commento.

con Reuters

READ  L'Australia è in trattative con la società francese Valneva