Maggio 26, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’esperimento sul coronavirus della Boston University rivela una nuova vulnerabilità in Omicron

Sospensione

Controverso Corona virus Un esperimento alla Boston University ha identificato una mutazione in una variante di Omicron che potrebbe aiutare a spiegare perché non è così probabile che si ammali o muoia come il ceppo originale emerso in Cina. Questa scoperta potrebbe fornire agli scienziati un nuovo obiettivo per la progettazione di trattamenti che riducano la gravità del coronavirus.

il Rapportopubblicato mercoledì sulla rivista Nature, arriva tre mesi dopo che i ricercatori hanno pubblicato una prima versione dello studio che ha innescato una tempesta mediatica, oltre a confusione su chi abbia finanziato esattamente il lavoro e se richiedesse una maggiore supervisione del governo.

In un esperimento di laboratorio, i ricercatori hanno combinato la proteina spike di un primo ceppo di omicron con la spina dorsale del ceppo originale emerso a Wuhan, in Cina. Lavoro di disegno, anche se non drammaticamente diverso da tante altre esperienze l’attenzione dei media E ha suscitato il timore che tale manipolazione del coronavirus potesse scatenare una variante più pericolosa.

I sostenitori del lavoro ribattono che questo esperimento era abbastanza di routine per la ricerca sui patogeni, che spesso comporta la creazione di virus “ricombinanti” che imitano ciò che accade in natura. L’esperimento è stato condotto da ricercatori che indossavano diversi strati di dispositivi di protezione all’interno del laboratorio di livello 3 di biosicurezza presso il National Emerging Infectious Diseases Laboratory altamente sicuro dell’università.

Lo scopo di creare un tale virus “chimerico”, che gli scienziati hanno chiamato Omi-S, era cercare di capire quali mutazioni nell’omicron potessero essere responsabili di farlo sembrare meno patogeno – cioè, meno probabile che causi malattie gravi – rispetto a il ceppo originario.

READ  Dopotutto, i mammiferi maschi non sono più grandi delle femmine: un nuovo studio

Il virus chimerico è stato coltivato proprio come l’omicron nelle colture cellulari. Si scopre che Omi-S era proprio questo Meno dannoso nei topi rispetto al ceppo ancestrale, con un tasso di mortalità dell’80% anziché del 100%. Era ancora più letale dell’omicron.

La ricerca ha dimostrato che la proteina Omicron gravemente mutata svolge un ruolo nel rendere la variante meno patogena rispetto al ceppo ancestrale. Ma il comportamento di Omi-S ha suggerito che il capo ricercatore Mohsen Saeed, assistente professore di biochimica alla Boston University, e altri coautori dello studio suggerissero che ci doveva essere qualcos’altro che contribuiva al fenomeno.

I ricercatori hanno continuato a sperimentare e ora affermano di aver trovato almeno un pezzo mancante del puzzle: una mutazione che coinvolge una proteina chiamata nsp6.

A differenza della proteina appuntita disseminata sulla superficie del coronavirus, nsp6 è una proteina “non strutturale”, Come suggerisce il nome. I ricercatori sottolineano che molte delle proteine ​​codificate da SARS-CoV-2 non fanno parte della struttura principale del coronavirus, ma interagiscono invece con l’ospite in modi spesso misteriosi.

ha affermato Ronald Corley, presidente del dipartimento di microbiologia presso la Tchobanian & Avedisian School of Medicine della Boston University.

“Questo rappresenta una proteina bersaglio per la terapia”, ha detto Corley, che non è un coautore del documento, ma è stato direttore del laboratorio fino a poco tempo fa.

La ricerca ha attirato l’attenzione diffusa in ottobre dopo che Said l’ha pubblicata Prima versione dello studio Sul server di prestampa bioRxiv, dove gli scienziati hanno messo Migliaia di prime bozze della loro ricerca sul coronavirus prima della revisione formale tra pari.

READ  Anche i destinatari del vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson avranno bisogno di un richiamo?

Critici della ricerca sui patogeni È stato a lungo affermato che questo campo manca di revisioni e supervisione adeguate sulla sicurezza e che alcuni studi sono troppo rischiosi per giustificare qualsiasi potenziale aumento delle conoscenze. L’esperimento della Boston University è stato visto come un esempio di ricerca sul “guadagno di funzione”, in cui un virus viene manipolato in modo da renderlo più trasmissibile o più patogeno.

Corley e altri sostenitori ribattono che l’esperimento ha reso il ceppo ancestrale meno letale nei topi.

A complicare il dibattito c’è l’incertezza sul fatto che il National Institutes of Health abbia finanziato il processo. Il preprint originale citava il National Institutes of Health come una delle fonti di finanziamento, ma l’università ha affermato che la ricerca è stata condotta in modo indipendente. Un portavoce del National Institutes of Health ha successivamente confermato che l’agenzia non ha finanziato il lavoro.

Robert F. Jarry, un virologo della Tulane University che non faceva parte dello studio, ha dichiarato in una e-mail che sono necessarie ulteriori ricerche su nsp6 per comprenderne il significato. Ha anche respinto le preoccupazioni secondo cui tale ricerca è troppo pericolosa.

“Il semplice fatto che abbia superato la revisione tra pari dovrebbe allertare tutti sul fatto che le precedenti ‘preoccupazioni’ sono esagerate e allarmiste”, ha affermato Gary.

Il National Institutes of Health ha assegnato a Comitato di revisione della biosicurezza All’inizio dello scorso anno con una riconsiderazione di tutte le linee guida e protocolli per la ricerca sui potenziali agenti patogeni pandemici, nonché quella che è nota come “ricerca preoccupante a duplice uso”, in cui anche la ricerca intesa a beneficiare la salute umana potrebbe essere armata.

READ  Il fisico afferma che i dati digitali possono modificare la massa della Terra di una piccola quantità

Il Consiglio per la biosicurezza ha indicato che raccomanderà un ampliamento della definizione Esperimenti che richiedono una revisione speciale. Il consiglio pubblicherà il suo rapporto nelle prossime settimane, secondo il National Institutes of Health.