Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’EMG adotta un approccio collaborativo alle sfide tecniche e logistiche del Giro d’Italia

Dopo la notizia che RCS Sport ha nominato EMG come partner di produzione del ciclismo, i due hanno continuato la loro collaborazione con la consegna di successo del Giro d’Italia, che si è svolta il mese scorso. EMG è stata chiamata a gestire la produzione dell’evento, compresa la gestione della redazione e della logistica. Iniziato il 6 maggio a Budapest, il Giro d’Italia di tre settimane si è concluso a Verona il 29 maggio dopo 21 tappe impegnative.

“Per noi è un’enorme responsabilità che copre anche l’intero pacchetto delle nove gare in Italia. Per farlo, abbiamo stretto una partnership con EMG in Francia, Belgio, Olanda e Italia e faremo dei test”

Tutta la logistica è stata gestita da EMG Italia, guidata da David Furlan, Direttore Eventi Speciali Internazionali e Direttore Generale del Progetto Ciclismo, EMG Italia, insieme a Valentina D’Ala, la coordinatrice delle prenotazioni presso il complesso televisivo noto come “The Person Who Sleeps” il minimo in materia! Ha gestito una squadra di 129 persone in ogni fase della gara.

Dalia “Dai i numeri”

Come spiega D’Alia: “Il mio compito era coordinare la squadra di prenotazione per la logistica dell’intero gruppo di operazioni composto da italiani, francesi, olandesi e belgi. Tutta la logistica, trovare hotel vicino agli hotspot, organizzare il catering e spostare tutti i staff, è stato un compito immane, per un prodotto in onda da mezzogiorno fino alle 18:00 per ogni fase, per un totale di 106 ore di diretta.

In tutto l’evento sono stati percorsi circa 6.764 chilometri nel corso di 27 giorni; Nel 1958 furono riservate le camere d’albergo, esclusi gli equipaggi degli aerei e degli elicotteri, che potevano ospitare altre 8-10 persone; 20 autisti con 20 minibus sono stati utilizzati per le roulotte che hanno trasportato tutti i dipendenti negli hotel; Sono stati serviti 1.548 pasti tra arrivi e partenze; È stata condotta un’osservazione notturna di 60 ore.

Fabio Guadagnini, chief financial officer di EMG Italia e project manager al Giro, a cui è stato affidato il compito di coordinare i gruppi francese, italiano, olandese e belga, ha commentato: “RCS Sport ha fatto una scelta molto strategica e coraggiosa e si affiderà a EMG Group per tre anni, per diventare anche l’organizzatore della parte produttiva”.

“Per noi è un’enorme responsabilità che copre anche l’intero pacchetto per le nove gare in Italia. Per farlo, abbiamo stretto una partnership con EMG in Francia, Belgio, Paesi Bassi e Italia, e faremo dei test .

READ  Euro 2020: semifinali della partita tra Italia e Spagna - diretta | Novità Euro2020

In queste prime edizioni [starting with the Strade Bianche road race in March and the Giro] Non avevamo molto tempo tecnico perché eravamo così vicini all’inizio delle gare [when we were appointed]ma stiamo già lavorando a una strategia per i prossimi anni in cui proporremo nuove avventure con RCS Sport, è un hub molto ricettivo e questo è qualcosa di importante per noi.

“Abbiamo quindi deciso di mettere sulla buona strada quanto di meglio il gruppo potesse offrire a livello europeo per il ciclismo: il nostro grande know-how tecnologico, a cominciare dai servizi RF e la gestione dei segnali per EMG Belgio, Olanda e Francia, la nostra esperienza nel regione, oltre a gestire i mezzi tecnici e la produzione di OB truck gestiti in gran parte da EMG Italia”.

EMG ha sfruttato e combinato una serie di competenze internazionali per lanciare il primo Giro per RCS Sport

Per questa versione del Giro, EMG ha reclutato e accumulato una serie di competenze internazionali, segnando la prima volta che il gruppo ha portato in campo un progetto interaziendale del genere su un progetto così complesso.

Guadagnini aggiunge: “E’ stata una sfida molto importante che abbiamo affrontato con grande impegno. Sapevamo di non poter abbassare la guardia; sentirsi dire di fare dai 200 ai 270 km in cinque o sei ore di diretta porta molti rischi e pericoli”.

Secondo Bruno Coudyzer, Direttore di EuroLinX presso EMG Belgio, “non è stato difficile”, ma piuttosto “una grande sfida”. Continua: “Ogni Paese e città in cui ci siamo fermati ha avuto le sue difficoltà: basta guardare la dimensione del bacino televisivo dei telegiornali internazionali e nazionali, per capire che abbiamo dovuto affrontare esigenze logistiche e tecniche molto diverse, complessità e soluzioni pratiche.

“Mentre sulle tappe ‘piane’, come la Reggio Emilia, la gestione è più semplice; nelle tappe di montagna abbiamo meno spazio e margine di manovra per far funzionare tutto. Qui la squadra intermedia torna utile perché le montagne spesso impediscono la propagazione della linea di vista per passaggio di segnali RF.”

“Abbiamo vissuto 30 giorni di grande eccitazione con una vigorosa ricerca di dettagli tecnici sportivi, dettagli che erano andati perduti in passato, nonostante l’assoluta efficienza della RAI, che gli appassionati di bici amano vedere, il tutto in immagini 1080i di grande qualità, quindi con un’eccellente segnale”

L’allestimento per il Giro è simile a quello del Tour de France con 10 bici, di cui cinque monolaterali RAI, alcune per sospensione audio e una per Eurosport, più l’uso di elicotteri.

READ  Il regolatore italiano afferma che la proliferazione non regolamentata delle criptovalute è una preoccupazione

“Oltre ai due velivoli in volo, avevamo un terzo elicottero in standby e anche un secondo elicottero – sempre in standby – utilizzato per i cosiddetti ‘stadi regina’ e ‘stadi lunghi'”, aggiunge Coudyzer.

“Non riuscivo davvero a contare a memoria quanti canali RF abbiamo utilizzato, ma in termini di frequenze utilizzate, ce n’erano circa 80, non solo per video ma anche per comunicazioni e dati, poiché le interconnessioni sono fondamentali in una configurazione così portatile”.

La maggior parte delle apparecchiature RF proveniva da Livetools, un marchio di proprietà di EMG, che ha le proprie aree di ricerca e sviluppo e che ha prodotto la piattaforma Fusion.

Trasmettitori, ricevitori, software e hardware aggiuntivo rendono possibile questa enorme configurazione su lunghe distanze e consentono al team di coordinare l’uso di tutte le frequenze coinvolte.

“Abbiamo inviato e ricevuto tutti i segnali attraverso le varie componenti Fusion che consentono collegamenti, anche a distanza di 120 km, fino ad aeromobili operanti ad altitudini comprese tra 6.500 e 8.000 metri, oltre a 12 sorgenti da trasmettere e innumerevoli canali audio e dati”, afferma Coudyzer.

“Per l’importanza dei segnali RF abbiamo utilizzato due velivoli perché uno era sempre pronto come scorta per evitare interruzioni; inoltre, in alcune fasi particolarmente lunghe dove si supera l’autonomia di volo (circa 6,5 ​​ore), il secondo velivolo possono interferire tra loro”.

Angelo Carusi è il principale allenatore del Giro d’Italia. EMG utilizza un gran numero di tecnologie di trasmissione e la sua gamma di competenze in tutta Europa per creare una produzione innovativa del primo Giro d’Italia di RCS come emittente ospite.

Passione per il ciclismo

Il Direttore del Giro Angelo Carosi afferma: “Quello che abbiamo mostrato qui in Italia non è solo la migliore tecnologia TV sul mercato, ma anche, da un punto di vista operativo, la migliore squadra che si possa desiderare. Anche i motociclisti e i cameraman sono molto appassionati, spesso campioni, per il ciclismo lo si vede dalle immagini in onda.

“Siamo andati alla ricerca dei dettagli estetici e la novità registica più importante è la scoperta del territorio italiano, grazie alla produzione di EMG per RCS Sport, dove il nostro impegno è stato quello di creare il giusto mix tra il panorama sportivo e quello regionale.

READ  Rassegna Anno Sportivo 2021: Le migliori prestazioni internazionali - il calcio arriva a Roma

“Siamo molto fortunati perché, a differenza di altri paesi, abbiamo una varietà di paesaggi che consentono al paese di valorizzarsi in termini di turismo ed è sorprendente”.

Guidare il Giro è un processo piuttosto complicato, che, a parte l’assoluta grandezza tecnologica, comporta molto impegno da parte di persone che devono montare e smontare tutto in poche ore.

“Chi guarda la gara in tv non è consapevole dello sforzo fisico che ci mettono tutti: dobbiamo coprire una diretta di sei ore per circa 30 giorni”, spiega Karusi. “Personalmente, tra le tante sfide che ho affrontato nella mia carriera, questa è una novità ed è la prima volta che il Giro d’Italia è prodotto da una società esterna piuttosto che dalla RAI.

EMG utilizza 10 moto per coprire il Giro, quindi non si perde nulla

“Tutte le persone che lavorano con me sono molto cariche ed entusiaste come può essere, altrimenti non avremmo trovato una formula così efficace in così poco tempo, come confermato anche dall’elogio dei candidati internazionali che hanno ricevuto menzioni .

“Il personale assunto da EMG è di altissimo livello. L’opzione vincente è stata anche quella di attingere a una dimensione internazionale, che include appassionati interni provenienti da Belgio, Francia, Olanda e Italia, e il supporto di persone con un alto livello di conoscenza.

“Abbiamo vissuto 30 giorni di grande emozione con una vigorosa ricerca di dettagli tecnici sportivi, dettagli che si sono persi nel passato, nonostante l’assoluta efficienza della RAI, che gli appassionati di bici amano vedere, il tutto in immagini 1080i di grande qualità, quindi con un’eccellente segnale.”

Karusi continua: “Quello che emerge nel modo in cui raccontiamo la grande storia del Giro è la nostra particolarità nell’impostare due palinsesti paralleli, uno narrativo della corsa su strada e l’altro per elicotteri e moto. Per valorizzare il territorio e i punti tecnici più importanti del gara, abbiamo creato due differenti tracciati dove alcune motociclette ed elicotteri si separano temporaneamente dalla gara e si dirigono verso i POI adiacenti al tracciato, quindi torniamo su una pista ben segnalata e riprendiamo la gara dal vivo.

“Ciò equivale alla creazione di due piani di produzione che vengono seguiti direttamente grazie a una mappa grafica live nel camion RF e vengono decisi sulla base del format mattutino iniziale, un incontro di produzione, organizzato oggi come risultato per una grande orchestra ”, conclude Karusi.