Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Egitto avvicina la Russia. È tempo che gli Stati Uniti intervengano.

MENAFonte

28 giugno 2022 • 16:06 ET

L’Egitto avvicina la Russia. È tempo che gli Stati Uniti intervengano.

di
Shahira Amin

A giugno, la società statale russa per l’energia atomica Rosatom ha sorprendentemente annunciato che avrebbe iniziato a produrre apparecchiature per la prima centrale nucleare egiziana nella città nord-occidentale di El-Dabaa. Il nuovo sviluppo ha sollevato preoccupazioni negli Stati Uniti e in Europa, che sono risentiti nei confronti della Russia per la sua aggressione contro l’Ucraina e considerano la continuazione del progetto un segno del riavvicinamento dell’Egitto a Mosca.

L’annuncio, arrivato durante una visita a Mosca del capo dell’Autorità egiziana per le centrali nucleari, segna una ripresa della un accordo Egitto e Russia lo hanno firmato nel 2015 e da allora ha visto pochi progressi. La decisione di riprendere i lavori nel controverso impianto nucleare civile di El Dabaa ha sollevato alcuni sospetti tra gli osservatori negli Stati Uniti e in Europa.

Ad esempio, la Russia – che si è impegnata 85% di finanziamento del costo del progetto El Dabaa attraverso un prestito di 25 miliardi di dollari in ventidue anni – coinvolto in La guerra in Ucraina portato a sanzioni multilaterali Sanzioni economiche.

Nel frattempo, gli analisti sono del parere che l’Egitto non abbia urgente bisogno di un impianto nucleare. Il paese nordafricano ha surplus di energia Grazie ai crescenti investimenti nelle energie rinnovabili e alle enormi scoperte di petrolio e gas negli ultimi anni. produzione da Di ritorno—Uno dei più grandi giacimenti di gas del Mediterraneo (scoperto dalla compagnia energetica italiana Dove sei nel 2015) – ha raggiunto il record di 2,74 miliardi di piedi cubi di gas al giorno nel 2021. Aggiungi Due nuovi pozzi Il giacimento di gas dovrebbe aumentare la produzione nei prossimi mesi. Inoltre, 10 miliardi di dollari Impianto solare In costruzione nella città meridionale di Assuan, con il potenziale per produrre la stessa quantità di energia di El-Dabaa (a solo un terzo del costo di quest’ultima). Ciò rende la struttura di Assuan più conveniente e senza i potenziali rischi ambientali posti dalla struttura di El Dabaa.

Tuttavia, i funzionari egiziani insistono sul fatto che la futura sicurezza energetica del paese – e la crescita della popolazione – richiedono la diversificazione delle fonti energetiche, tra cui nucleare e carbone.

Vedono la costruzione della struttura di Dabaa come un modo per catalizzare la transizione del paese verso un’economia a basse emissioni di carbonio: energia nucleare a basse emissioni di carbonio e potrebbe fornire al paese più popoloso del mondo arabo elettricità pulita, affidabile e conveniente, un funzionario della sicurezza Dimmi. Egitto Strategia energetica integrata Mira ad aumentare la produzione di energia da fonti rinnovabili di oltre il 40% entro il 2035. Non sorprende che il progetto sia stato promosso dai media egiziani come un progetto che Miglioramento del tenore di vita degli egiziani. Il progetto è anche in linea con l’ambizione dell’Egitto di diventare un hub energetico regionale per l’Africa, il Mediterraneo e il Medio Oriente. A tal fine, l’Egitto sta attuando riforme finanziarie e costruendo interfacce energetiche (insieme al suo marcato spostamento verso lo sviluppo delle risorse energetiche rinnovabili).

READ  I voli sono regolamentati per viaggiare nell'era del Covid

Nel frattempo, la guerra russa in Ucraina e la conseguente pressione degli Stati Uniti e dei loro alleati europei affinché abbandonino l’uso dei combustibili fossili russi, offrono all’Egitto l’opportunità di intervenire e colmare il divario nelle forniture di gas all’Europa aumentando la produzione e le esportazioni. Sono già stati siglati accordi tra Eni e la Holding egiziana del gas naturale, EGAS, per fornire all’Europa, in particolare all’Italia, 3 miliardi di metri cubi di GNL nel 2022.

Vedendo un partner forte in Russia e grato a quest’ultima per il suo sostegno, l’Egitto ha rifiutato di cedere alle pressioni degli alleati americani ed europei per condannare francamente Guerra russa in Ucraina. L’Egitto scelse invece di restare neutro Nel conflitto ha respinto l’idea di imporre sanzioni alla Russia nonostante anche il Paese stesse soffrendo le ripercussioni della guerra in corso. L’Egitto – che prima della guerra aveva la maggior parte delle importazioni di grano dalla Russia e dall’Ucraina – ora deve rivolgersi a fonti di importazione di grano alternative come Romania, Francia e India, e sta anche pagando molto per le sue importazioni. Mentre l’Egitto lotta con un crescente disavanzo di bilancio e la carenza di riserve in valuta estera, il paese ne sta pagando. 480 USD per tonnellata per il grano importato – circa il 78 percento in più rispetto al prezzo originale (270 USD) pagato prima della guerra.

Il discorso del presidente Abdel Fattah El-Sisi al Forum economico internazionale tenutosi a San Pietroburgo dal 15 al 18 giugno lodato e lodato Le relazioni “distinte” dell’Egitto con la Russia. Ha osservato che i due paesi stanno attuando progetti “grandi” e “ambiziosi”, citando la struttura di El-Dabaa come uno di questi progetti. La Russia sta anche lavorando per rafforzare la sua cooperazione con l’Egitto attraverso la creazione di uno stato russo Area industriale Nel Canale di Suez, che dovrebbe attrarre investimenti per 7 miliardi di dollari e contribuire allo sviluppo della fatiscente rete ferroviaria egiziana.

godetevi i paesi relazioni strette nel corso dei decenni, ma le relazioni si sono rafforzate da quando il presidente Sisi è salito al potere nel 2014. Era allarmato dalle critiche degli Stati Uniti e dei leader europei in merito al “pericoloso” Violazioni dei diritti umani commesso dal suo regime, Sisi ha cercato di diversificare i partenariati globali dell’Egitto attraverso consolidare le relazioni Con il suo omologo russo, un despota che non è interessato alla democrazia e ai diritti umani.

READ  Nasce Gourmet Italian Food, il campione dell'asporto

Nel frattempo, Sisi rimane diffidente nei confronti degli Stati Uniti poiché questi ultimi gettò il suo peso Dietro gli attivisti pro-democrazia che hanno guidato la rivolta del 2011 contro il dittatore Hosni Mubarak e che in seguito sono stati disposti a dare una possibilità alla democrazia capitolando al governo dei Fratelli Musulmani. Gli Stati Uniti sono andati oltre, Sospensione Nel 2013, una parte degli 1,3 miliardi di dollari all’anno è stata assegnata all’Egitto in più disanguinosa repressione sui Fratelli Musulmani”, secondo un rapporto della CNN. Anche se gli Stati Uniti il petto Sospensione degli aiuti nel 2015, la sospensione ha già messo a dura prova le relazioni USA-Egitto.

Nel settembre 2021, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha annunciato l’intenzione dell’amministrazione Joe Biden di trattenere 130 milioni di dollari in aiuti militari all’Egitto fino a quando quest’ultimo “adotterà misure specifiche in materia di diritti umani”. Il ministero degli Affari esteri egiziano ha più volte descritto le accuse di violazione dei diritti umani come “interferenza negli affari interni del Paese” e disinformazione diffusa dall’opposizione.

Se gli Stati Uniti vogliono rafforzare la loro cooperazione con l’Egitto, potrebbero dover fare ciò che ha fatto l’Unione europea: ammorbidire le critiche alla situazione dei diritti umani in Egitto e prestare attenzione ai suoi interessi. Finché Sisi argina il flusso di immigrazione clandestina dal Medio Oriente e Nord Africa verso l’Europa e prosegue il suo impegno nella lotta al terrorismo, l’Unione Europea è pronta a chiudere un occhio su eventuali eccessi e rafforzare l’arsenale dell’esercito egiziano attraverso Aumentano le vendite di armi in Europa in Egitto (Soprattutto dalla Germania e dalla Francia.) Questo accordo non dichiarato ha spinto l’Egitto a firmare un accordo di partenariato tanto atteso con l’Unione Europea da attuare nei prossimi cinque anni. Le priorità della nuova partnership includono aiutare l’Egitto a costruire un’economia sostenibile e resiliente attraverso la trasformazione verde e digitale, l’energia e lo sviluppo rurale e sostenere il paese nell’affrontare le sfide della sicurezza alimentare.

Ciò non significa che gli Stati Uniti e l’Unione Europea debbano ignorare i loro valori fondamentali di rispetto dei diritti umani, uguaglianza, libertà e democrazia. Invece, l’Occidente dovrebbe continuare a premere per le riforme politiche rafforzando il sostegno e aumentando la cooperazione per costruire la fiducia reciproca.

READ  Manchester United, Liverpool e Barcellona sono tra i club che sono entrati a far parte della Premier League europea

in Tabuk Al Forum di San Pietroburgo, Sisi ha riconosciuto che l’Egitto sta risentendo della crisi economica globale e ha chiesto “uno sforzo cooperativo di tutte le parti per affrontare la crisi”.

Gli Stati Uniti farebbero bene a dare ascolto alla chiamata continuando a fornire supporto al loro alleato nordafricano in questo periodo di turbolenze economiche e incertezza. L’amministrazione Biden non ha nascosto il suo piano di ritiro, o almeno Ridurre le dimensioni dell’impronta americana– In Medio Oriente. La decisione ha lasciato i paesi della regione vulnerabili—abbandonato Anche se i loro leader hanno cercato sostegno negli Stati Uniti durante gli effetti in corso della pandemia di COVID-19, la carenza di cibo e l’impatto del cambiamento climatico, solo per citarne alcuni.

Non sorprende che la Russia sia intervenuta per ripristinare la sua posizione in Medio Oriente e Nord Africa e per colmare il potenziale vuoto creato dal ritiro degli Stati Uniti dalla regione e spostare l’attenzione sulla guerra russa e sulla Cina. Mentre l’Egitto continua La guerra al terrorismo Nel Sinai e lottando per far uscire la propria economia dall’imminente recessione, gli Stati Uniti devono riconsiderare la propria politica nei confronti del Medio Oriente e del Nord Africa, in particolare l’Egitto, la cui stabilità è fondamentale per la stabilità della regione.

Sostenere l’Egitto è un vantaggio per entrambe le parti, in quanto assicurerà che gli Stati Uniti abbiano un partner affidabile con cui lavorare, soprattutto quando scoppiano conflitti nella regione. L’Egitto ha, in diverse occasioni, dimostrato la sua forza come a Mediatore tra Israele e palestinesi. Questo sostegno garantirebbe anche l’impegno del Cairo a continuare con le riforme economiche e politiche avviate nell’interesse sia degli Stati Uniti che dell’Egitto. Ora è il momento per gli Stati Uniti di cooperare di più con l’Egitto, non di meno.

Shahira Amin Giornalista freelance residente al Cairo. Amin è stato un ex collaboratore di Inside Africa della CNN e ha coperto gli sviluppi nell’Egitto post-rivoluzione per diversi punti vendita tra cui Index on Censorship e Al-Monitor. Seguila su Twitter @sheryamin13.

Foto: Il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi parla con il presidente russo Vladimir Putin durante la prima sessione plenaria nell’ambito del vertice Russia-Africa 2019 al Sirius Science and Art Park di Sochi, Russia, 24 ottobre 2019. Sergei Chirikov / Gathering tramite Reuters