Agosto 7, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le scoperte a Pompei rivelano la vita della classe media e bassa Italia

Un tavolo d’accento a tre gambe sormontato da un baule, un ripiano per utensili in legno e ciotole decorative con il coperchio aperto. Queste sono tra le ultime scoperte degli archeologi che arricchiscono la conoscenza della vita borghese a Pompei prima che l’eruzione del Vesuvio seppellisse l’antica città romana in detriti vulcanici.

Il parco archeologico di Pompei, una delle principali mete turistiche italiane, ha annunciato sabato le ultime scoperte.

Gli scavi di un tomus, o camere in una casa scoperta per la prima volta nel 2018, hanno rivelato dettagli inestimabili sull’ambiente domestico dei normali cittadini della città distrutta nel 79 d.C., ha affermato il suo direttore Gabriel Zugtrigel.

Negli ultimi decenni, gli scavi si sono concentrati sulle lussuose ville riccamente affrescate dei residenti d’élite di Pompei. Ma l’attività archeologica nel vasto sito vicino all’odierna Napoli si è concentrata maggiormente sulla vita della classe media, della servitù e di altre persone ridotte in schiavitù.

A Pompei è stata scoperta una delle ciotole decorative meglio conservate. Foto: A.P

“Nell’impero romano, molte persone lottavano con il loro status sociale, non avevano altro che il loro pane quotidiano”, ha detto Zuchtriegel.

“Una classe vulnerabile durante le crisi politiche e la carenza di cibo, ma ambiziosa di scalare la scala sociale”.

Iscriviti alla prima edizione della nostra newsletter giornaliera gratuita – ogni settimana alle 7:00 BST

I reperti, rilasciati sabato, includono mobili e oggetti per la casa dei tomi, noti come la Casa del Laureum, la parte di una casa dedicata agli spiriti domestici nota come tane. Scavata nel 2018, la casa è nel cortile.

Nel cortile di Zuchtriegel c’era una cisterna eccezionalmente ben decorata, “chiaramente, [financial] Le risorse non bastano per decorare le cinque stanze della casa. Una stanza aveva pareti non verniciate e un pavimento di fango utilizzato come deposito.

Gabriel Zugtrigel in una stanza della casa 'Giardino Incantato' a Pompei il 6 agosto 2022.
Gabriel Zugtrigel in una stanza della casa ‘Giardino Incantato’ a Pompei il 6 agosto 2022. Foto: Cesar Abate/EPA

In una camera da letto, gli archeologi hanno trovato i resti di una struttura del letto con il tessuto del cuscino. Tre letti a forma di branda sono stati trovati l’anno scorso in una stanzetta di un altro appartamento che gli archeologi ritengono servisse da ripostiglio e camera da letto per una famiglia di cittadini ridotti in schiavitù a Pompei.

I ritrovamenti della camera da letto annunciati sabato includevano i resti di una capanna di tronchi con un coperchio aperto. Sebbene il peso delle travi e dei pannelli del tetto caduti dall’eruzione vulcanica avesse gravemente danneggiato il tronco, tra gli oggetti rinvenuti all’interno c’era una lampada a olio decorata con un bassorilievo raffigurante la trasformazione dell’antico dio greco Zeus in un’aquila.

Dalle rovine di Pompei i vasi sono separati dalle famiglie borghesi.
Dalle rovine di Pompei i vasi sono separati dalle famiglie borghesi. Foto: A.P

Lì vicino c’era un tavolino rotondo a tre gambe simile ai tavoli d’accento comuni oggi.

A esporre il ripostiglio c’era un armadio di legno, il cui fondo era ancora intatto, ma gli scaffali erano scavati all’interno. Gli archeologi ritengono che l’armadio avesse almeno quattro ante a pannelli e contenesse utensili da cucina e utensili nella cucina adiacente. Gli escavatori hanno trovato un cardine del recinto.

Altri oggetti trovati nella casa includono un piatto traslucido bordato in colori brillanti di blu cobalto e smeraldo e un bruciaincenso ben conservato a forma di culla.

READ  L'Italia inarrestabile pretende il titolo mondiale U20