Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le sanzioni prendono di mira l’economia russa: ecco chi è più esposto

Gli Stati Uniti e i loro alleati stanno aumentando le sanzioni contro Mosca in risposta alla decisione di Vladimir Putin di lanciare la guerra all’Ucraina, evidenziando i paesi con la maggiore esposizione commerciale e finanziaria all’economia russa.

Lunedì è sicuramente un giorno di shock e stupore in termini di risposta dei mercati finanziari alle sanzioni. rublo russo USDRUB,
-2,78%
È sceso al minimo storico e le autorità hanno deciso di chiudere il mercato azionario del paese per almeno due giorni dopo che gli Stati Uniti e i loro alleati si sono mossi durante il fine settimana per rimuovere più banche russe dal sistema di messaggistica interbancario di Swift, anche se con eccezioni per l’energia transazioni, targeting La capacità della Banca centrale russa di trarre vantaggio dalle vaste riserve estere che può utilizzare per difendere la propria valuta.

Le mosse hanno generato increspature nei mercati finanziari globali, poiché le azioni statunitensi hanno registrato una fine mista dopo una giornata di negoziazione volatile. Dow Jones Industrial Average DJIA,
-0,49%
Ha chiuso la giornata con una perdita di 166,15 punti o 0,5%, mentre l’S&P 500 SPX ha chiuso,
-0,24%
È diminuito dello 0,2%.

“L’economia russa potrebbe essere paralizzata se le aziende del paese non sono in grado di effettuare e ricevere pagamenti dagli stranieri”, hanno scritto lunedì in una nota gli economisti di Wells Fargo JH Bryson e Nicole Servie.

Ma hanno avvertito che i paesi con una significativa esposizione economica e finanziaria all’economia russa potrebbero incorrere in qualche sofferenza se la Russia dovesse cadere in una grave recessione economica. Nei grafici seguenti, descrivono in dettaglio il paese con la maggiore esposizione commerciale alla Russia in termini di dollari totali (a sinistra) e in percentuale del PIL (a destra):

Wells Fargo

Il grafico a destra mostra dove è probabile che provi più dolore, e sono per lo più costituite dalle ex repubbliche sovietiche, dove il commercio bilaterale tra Russia e Bielorussia è in cima alla lista con il 50% del PIL della Bielorussia nel 2019. Da allora Tanto è vero che è probabile che questo commercio riguardi petrolio e gas, e gli economisti hanno affermato che qualsiasi azione che alla fine prende di mira le esportazioni di energia della Russia, che finora sono state evitate, potrebbe avere gravi ripercussioni per la Bielorussia e altri importanti partner commerciali.

Ma hanno notato che il commercio bilaterale tra Ucraina e Russia è ammontato a soli 10 miliardi di dollari nel 2019, che rappresenta solo il 7% del PIL dell’Ucraina. In confronto, il commercio bilaterale tra l’Ucraina e l’Unione Europea è ammontato a quasi 45 miliardi di dollari, ovvero circa il 29% del PIL dell’Ucraina.

Questa intensificazione delle relazioni commerciali tra l’Ucraina e l’Occidente ha richiesto anni. Subito dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica, il volume degli scambi bilaterali tra l’Ucraina e la Russia era tre volte superiore al volume degli scambi tra l’Ucraina e l’Unione europea”.

Gli economisti hanno affermato che quando si tratta di esposizione finanziaria, l’Europa occidentale ha più di cui preoccuparsi.

Wells Fargo

I dati della Banca dei regolamenti internazionali mostrano che i sistemi bancari francese e italiano avevano ciascuno circa $ 23 miliardi di esposizione totale alla Russia alla fine del terzo trimestre del 2021 (grafico a sinistra), il che significa che le banche in Francia e in Italia potrebbero soffrire e ha affermato le loro perdite se i loro prestiti diventano Per entità e famiglie russe non operative.

Il sistema bancario austriaco occupa il terzo posto con 17 miliardi di dollari di esposizione totale, anche se questo è molto inferiore alle sue controparti francese e italiana, ma questi 17 miliardi di dollari equivalgono a circa l’1,5% delle attività del sistema bancario austriaco, rendendolo il più finanziariamente esposta alla Russia su base relativa, affermano gli economisti, mentre l’esposizione di 15 miliardi di dollari delle banche statunitensi alla Russia equivale a meno dello 0,1% delle attività del sistema bancario statunitense.

“Anche se tutta questa esposizione fosse negativa”, hanno detto, “il sistema bancario statunitense in generale non ne risentirebbe”.

READ  Il presidente del Consiglio italiano chiede la "normalizzazione" dell'economia libica dopo le elezioni di dicembre