Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le pressioni dell’ingente spesa pubblica forniscono poche buone notizie per l’economia globale

Dove sta andando l’economia globale? L’inflazione è dilagante e una recessione globale è quasi certa. Poi c’è il problema della crescita senza fine del governo, che sta minando le nostre libertà personali e la nostra vitalità economica. È una tendenza che non può continuare, quindi si fermerà.

Il problema è particolarmente acuto nelle democrazie, dove le persone hanno imparato che possono votare per se stesse “per cose gratis”. La crescente dipendenza dallo stato sociale governativo e dal datore di lavoro di ultima istanza crea dipendenza e i politici che predicano e tentano di esercitare vincoli finanziari vengono spesso eliminati.

La tabella allegata mostra la crescita della spesa pubblica nelle principali democrazie avanzate. Francia, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti hanno oneri del debito pubblico che ora superano il 100% del loro PIL e solo Svezia e Svizzera sono state in grado di mantenere il loro onere del debito sotto un gestibile 50%. (Nota: i numeri provengono dal Fondo monetario internazionale e le misure del PIL e le definizioni della spesa pubblica sono spesso incoerenti tra i paesi. I numeri del 2020 sono leggermente esagerati a causa della chiusura della pandemia, ma ciò che conta è la tendenza verso governi più grandi quasi ovunque .)

Nel 1900, gli Stati Uniti avevano un governo federale molto piccolo. Oltre a sostenere un esercito e una marina modesti, non fece quasi nulla. Non ci sono grandi sponsorizzazioni o programmi di pensionamento. Due terzi della spesa pubblica sono stati effettuati dai governi statali e locali. C’è stato un aumento significativo della spesa durante la prima guerra mondiale, ma subito dopo le dimensioni del governo e soprattutto dell’esercito sono state drasticamente ridotte.

READ  East Haven potrebbe ottenere il suo primo Taco Bell su Frontage Road

A metà degli anni ’30, sotto l’influenza dell’economista John Maynard Keynes, i governi aumentarono la spesa, da finanziare aumentando il debito, con il preciso scopo di ridurre la disoccupazione. Keynes ei suoi seguaci hanno sostenuto che i “programmi di occupazione” erano destinati ad essere temporanei e, una volta raggiunta la piena occupazione, i proventi fiscali aggiuntivi sarebbero stati utilizzati per ripagare il debito contratto. Le classi politiche di tutto il mondo amavano il modello keynesiano perché dava loro una scusa infinita per spendere più soldi e accumulare più potere, il tutto in nome di fare del bene e aumentare la prosperità.

Il socialismo era in aumento, soprattutto in Europa, e molte industrie furono nazionalizzate. Keynes non era un socialista, ma giustificando quello che divenne il welfare state, il socialismo divenne più rispettato, in particolare nella sua nativa Gran Bretagna. Alla fine degli anni ’70, divenne chiaro che le prescrizioni socialiste e keynesiane non funzionavano come pubblicizzato, ma la dipendenza dalla spesa pubblica era molto diffusa e i tentativi di leader come Margaret Thatcher e Ronald Reagan di abolirla hanno avuto solo un successo limitato.

Il grande governo non solo ha ridotto le libertà civili ed economiche, ma ha rallentato la crescita economica imponendo enormi costi aggiuntivi al settore privato. L’onere economico del governo è diventato evidente negli anni ’80 e l’evidenza empirica ha mostrato sempre più che man mano che il governo cresceva in proporzione al PIL, la perdita di peso morto da parte del governo continuava a crescere fino a quando la crescita non si fermava. Non sorprende che ciò sia particolarmente vero per i paesi con un debito molto elevato – in particolare Giappone, Francia, Italia e Stati Uniti – che sono finanziati dall’inflazione, dai tagli alla spesa limitati e/o dalle tasse più elevate – tutti ostacoli alla crescita. La crescita sembra essere già in stallo in questi paesi ed è probabile che altri paesi seguiranno nei prossimi mesi. La crescita quasi ovunque avrebbe dovuto essere molto veloce per uscire dalla pandemia. Tuttavia, l’impennata iniziale della crescita non è stata nemmeno sufficiente a compensare la perdita di posti di lavoro che ha subito durante la pandemia.

READ  All'orizzonte accordo Unione Europea sul successore di Alitalia - Commissione Unione Europea

Molte delle stesse persone che hanno sostenuto che l’inflazione fosse “temporanea” sono le stesse persone che ora sostengono che qualsiasi recessione sarà lieve e di breve durata. Affinché ciò accada, gran parte del debito dovrà essere affrontato rapidamente e gli ostacoli fiscali e normativi che soffocano gli Stati Uniti e l’economia globale dovranno essere rimossi. Vedi qualche importante leader politico che suggerisce specificamente cosa fare?

L’inflazione può aumentare significativamente l’aliquota effettiva dell’imposta sulle plusvalenze, sebbene non vi sia alcun voto legislativo per aumentare l’imposta. (Stati come la California e New York, che fanno molto affidamento sulle tasse sulle plusvalenze dei “ricchi” per una quota sproporzionata delle loro entrate, attendono un brusco risveglio il prossimo anno quando i “ricchi” iniziano a registrare enormi perdite di capitale piuttosto che guadagni.)

La buona notizia è che ci sono persone come Elon Musk che hanno l’immaginazione e la capacità di vedere e creare cose nuove per migliorare la vita. Intelligenza artificiale, blockchain, valute digitali sostenute da risorse private e altre cose che verranno inventate allevieranno parte della distruzione e del dolore causati dalla classe politica. Un sottile stelo di speranza, ma è meglio di niente stoppie.

• Richard W. Rahn è Presidente dell’Istituto per la crescita economica globale e MCon LLC.