Dicembre 7, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le false invasioni cinesi di Taiwan mostrano che Pechino è pronta per la guerra con l’Occidente

Gli esperti concordano sul fatto che il prossimo grande conflitto globale sarà provocato dalla Cina e il suo enorme esercito si è addestrato silenziosamente per questo diversi anni fa.

Nascosta all’interno di un enorme campo di addestramento al combattimento cinese, c’è una replica dei principali monumenti e infrastrutture della città.

Dall’alto, sembra qualsiasi altro quartiere degli affari centrale funzionante, con grandi edifici disseminati su strade intricate vicino a un enorme incrocio autostradale, sotto una pista di un aeroporto internazionale.

La Cina ha impiegato solo due anni per costruire una città fittizia che presentasse innegabili somiglianze con Taipei, la capitale di Taiwan.

Poco dopo il completamento dei lavori, è emerso un estratto della visione che mostra l’Esercito di Liberazione del Popolo (PLA) che conduce una grande esercitazione di invasione.

Mentre il fumo dell’esplosione delle bombe riempiva le strade della città finta, le truppe sono cadute dagli elicotteri in una corsa sul campo verso la residenza presidenziale mentre i carri armati sono scesi e i missili antiaerei sono stati lanciati nel cielo.

Iscriviti al nuovo canale NEWS.COM.AU su YOUTUBE

L’esercizio è stato condotto nel 2015, ma la visione non è meno agghiacciante se vista nel contesto attuale.

Mentre le tensioni tra Pechino e l’Occidente divampano per le crescenti attività della Cina vicino e nello spazio aereo di Taiwan, gli esperti temono che un grave conflitto sia inevitabile e imminente.

E con le esercitazioni di invasione in una replica di Taipei, l’Esercito Popolare di Liberazione è più che pronto.

Uno sciopero della Cina potrebbe innescare una reazione a catena di reazioni potenzialmente sanguinose, con gli Stati Uniti e i loro alleati, inclusa l’Australia, attratti dalla difesa di Taiwan.

Un vasto campo di allenamento

Le immagini satellitari che si sono intromesse nella base di addestramento al combattimento di Zhurihe nella Mongolia interna da fine marzo 2013 a metà marzo 2015 hanno datato la costruzione del fantasma di Taipei.

Un terreno incolto un tempo occupato all’interno della struttura di 1.000 chilometri quadrati è stato presto trasformato in un complesso senza precedenti, per esercizi che secondo gli analisti non sono altro che routine.

La residenza presidenziale è la caratteristica più importante della città controversa.

Sebbene non sia una replica esatta della cosa reale nel centro di Taipei, molte delle “sorprendenti somiglianze” secondo quanto riferito hanno il diplomatico.

READ  Cosa significa la bolla di viaggio dell'isola della Nuova Zelanda: Cook to Australia

“Entrambi gli edifici hanno una pianta rettangolare divisa, sono alti cinque piani – sei piani negli angoli – e hanno una torre centrale sopra l’ingresso principale”, si legge nel rapporto sullo specchio della città.

L’immaginario edificio è simile in lunghezza e larghezza, differendo in altezza solo di pochi metri, le due facciate sono progettate con finitura verticale alternata in bianco e rosso.

Dall’altro lato della replica presidenziale c’è una struttura a forma di L con un campo verde adiacente simile per prossimità e layout alla Taipei First Girls’ High School.

“Il suo campo sportivo è la più grande area vicino all’edificio degli uffici presidenziali che sarebbe priva di veicoli o alberi se gli elicotteri dell’Esercito di Liberazione del Popolo dovessero atterrare vicino alla sede del governo di Taiwan”, il diplomatico Ha sottolineato.

Sotto c’è un altro edificio che sembra molto simile al Ministero degli Affari Esteri di Taipei.

Tutti questi edifici si trovano nelle strade della città disposte a griglia, in uno stile simile al centro di Taipei.

“Accanto alla rete fittizia della città a Zhurihe c’è una replica di un incrocio autostradale a quadrifoglio, che sarebbe correlato a un intervento militare in un’area urbana moderna”, ha continuato.

Questa strada simulata assomiglia molto a quella di Taiwan occidentale, a circa otto chilometri a sud-ovest dell’aeroporto di Taichung.

E non lontano da una finta pista aeroportuale di 1200 metri, indicata dai titoli 04 che denotano 40 gradi, 22 gradi 220 gradi.

“Anche se i numeri di indirizzo sono posizionati alle estremità sbagliate della pista di atterraggio,” il diplomatico Ha sottolineato.

“Nel caso in cui gli indirizzi non fossero scelti a caso, e poiché si sarebbe potuto scegliere qualsiasi indirizzo per un aeroporto fittizio, è stata condotta una ricerca per gli aeroporti pertinenti nell’area con indirizzi 04/22, ottenendo la base aerea di Taitung di Taiwan … così come l’aeroporto sull’isola di Miyakojima, in posizione strategica…dove il Giappone ha annunciato l’installazione di missili antinave nel 2014”.

Nel 1999, la Cina ha costruito una replica dell’aeroporto molto simile all’aeroporto civile e militare di Taichung.

Ma costruire una finta Taipei e condurre esercitazioni di invasione è stato un nuovo passo importante, il diplomatico menzionato.

READ  Qantas prevede di riprendere i voli internazionali nonostante la perdita di $ 1,7 miliardi

Invasione della pratica su larga scala

A metà del 2015, i media statali cinesi hanno trasmesso un breve estratto da un’esercitazione di addestramento dell’Esercito Popolare di Liberazione nella città fittizia di Taipei.

Mostra una grande presenza militare nel sito, con truppe che escono dagli elicotteri, scendono in strada, sparano mitragliatrici e assaltano la residenza presidenziale.

Un fermo immagine dettagliato dell’invasione è apparso brevemente sui siti Web cinesi, ma è stato presto cancellato.

Taiwan ha reagito con rabbia, con il ministero della Difesa del paese che ha definito la costruzione di edifici falsi e gli esercizi di addestramento “totalmente inaccettabili”.

Pechino ha confutato l’attacco, dicendo che era un esercizio di routine che non aveva uno scopo specifico… nonostante l’ottica.

il diplomatico Ho detto che gli esercizi erano lontani dalla routine.

“L’assalto di formazione al falso edificio degli uffici presidenziali a Taiwan, che è stato rivelato solo brevemente nelle foto per gentile concessione del governo del Partito Comunista Cinese, può essere visto come un segnale di propaganda per Taiwan…

Ma le esercitazioni militari a Zhurihe erano più che propaganda. Era vero, ed era il primo. Aveva un valore pratico per l’Esercito Popolare di Liberazione in addestramento per l’invasione di Taiwan.”

Il popolo taiwanese ha vissuto la maggior parte di tre decenni di provocazioni militari cinesi e minacce di riunificazione forzata.

“Nella corsa alle prime elezioni presidenziali dirette di Taiwan nel 1996, (l’Esercito Popolare di Liberazione) ha condotto massicci test missilistici nelle acque vicino a Taiwan, che hanno fortemente suggerito la possibilità di un’invasione”, ha affermato Win Te Sung, docente presso il National University. Australian, libri per Conversazione.

Da allora, la Cina ha spesso condotto esercitazioni militari intorno a Taiwan, compreso il volo di aerei militari nelle vicinanze dell’isola.

“Questi hanno lo scopo di sottolineare i potenziali pericoli della guerra e avvertire Taiwan di non attraversare le ‘linee rosse’ di Pechino”.

La recente escalation di tensioni

La Cina ha trascorso le ultime settimane a mostrare la propria forza aerea con voli regolari attraverso lo spazio aereo taiwanese, sfidando gli avvertimenti di Taipei e degli Stati Uniti.

Alla fine di settembre, nella più forte dimostrazione di forza in più di un anno, 24 aerei militari sono penetrati nella zona di identificazione della difesa aerea (ADIZ).

READ  Caos all'aeroporto di Kabul mentre gli afgani si aggrappano all'aereo

Pechino invia aerei militari nello spazio aereo taiwanese non è insolito, poiché le violazioni di ADIZ si verificano quasi quotidianamente.

Ma le dimensioni di questo ponte sono importanti.

Le esercitazioni di volo sono continuate da allora, sollevando preoccupazioni per la sua posizione sempre più aggressiva da parte di Taiwan.

Il ministro degli esteri del paese, Joseph Wu, ha dichiarato la scorsa settimana all’ABC che Taiwan è pronta per la guerra.

“La difesa di Taiwan è nelle nostre mani e siamo pienamente impegnati in questo”, ha detto Wu in un’intervista al programma. Cina stasera.

Se la Cina farà la guerra a Taiwan, combatteremo fino alla fine, e questo è il nostro impegno.

Sono sicuro che se la Cina lanciasse un attacco a Taiwan, penso che anche loro soffrirebbero molto.

Gli analisti affermano che il presidente Xi Jinping si è messo nei guai quando si tratta della sua spinta per riunificare Taiwan.

“Xi è andato così lontano sulla strada della militarizzazione del Mar Cinese Meridionale e della promessa della grandezza della Cina, dell’ascesa all’egemonia della Cina nell’Indo-Pacifico, e essenzialmente del ripristino di Taiwan, che non può moderare seriamente… senza cascarci “, ha dichiarato Larry Diamond, senior fellow presso la Hoover Institution. Per la CNBC, “Larry Diamond”.

L’approccio schietto di Pechino ha incontrato resistenza, mentre l’era della diplomazia per i legami economici sembra volgere al termine.

Questo è particolarmente vero per l’Australia, che è stata a lungo un partner calmo e tollerante.

“Ritiro dell’Australia” [to a trade war] “La Cina ha sorpreso”, ha detto alla CNBC Doi Trinh del Niehouse Center for Globalization and Governance dell’Università di Princeton.

Così ha fatto l’affermazione del confine da parte dell’India. Penso che parli ad… alcuni elementi del Partito Comunista Cinese che la loro posizione dura negli ultimi anni è stata fermamente messa in discussione e messa in discussione da altri paesi. Non è qualcosa che possono fare gratuitamente”.

Leggi argomenti correlati:ChinaNewsroom spiega