Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le esportazioni di olio d’oliva e agroalimentari aumentano anche se l’Italia scivola nuovamente in un deficit commerciale

Gli esportatori alimentari italiani hanno registrato una crescita significativa in tutte le aree chiave raggiungendo i 34,5 miliardi di euro.

Secondo l’Istituto dei Servizi dell’Agricoltura e del Mercato Alimentare (Ismia) l’ultimo RapportoLe esportazioni agroalimentari nei primi sette mesi del 2022 sono cresciute di quasi il 18% rispetto all’anno precedente.

Nonostante le significative battute d’arresto per gli agricoltori di tutta Italia, in particolare nella ricca pianura padana, le esportazioni di olio di girasole, olio di palma raffinato e olio extravergine di oliva hanno registrato una crescita significativa di valore, insieme a cereali, latte e vino.

Guarda anche:L’aumento dei prezzi rivela un potenziale non sfruttato per le esportazioni tunisine

Si dice che l’aumento delle esportazioni di olio d’oliva e vegetale sia stato in gran parte alimentato dalla carenza di olio di girasole causata dalla guerra in Ucraina.

Ismia ha affermato che i dati commerciali sono stati influenzati dal deprezzamento dell’euro rispetto al dollaro, che rende l’importazione di beni italiani ed europei più conveniente per gli acquirenti internazionali.

Tuttavia, un euro debole significa che le importazioni di prodotti agroalimentari costano di più per gli acquirenti italiani. Di conseguenza, Ismia stima che l’Italia tornerà a un leggero disavanzo commerciale agricolo poiché le importazioni sono aumentate del 29% a 34,9 miliardi di euro.

La bilancia commerciale agroalimentare è strutturalmente in deficit nel decennio dal 2010 al 2019, mentre nel 2021 si registra un surplus di 3,4 miliardi di euro”, ha affermato Ismia. Questo effetto è attribuito all’industria agroalimentare, che rappresenta l’85 per cento delle esportazioni e il 65 per cento delle importazioni.

READ  Focus su vendita al dettaglio, servizi digitali, pagamenti di bollette, turismo, tempo libero e intrattenimento e salute e benessere

Simile alla situazione in Spagna, le esportazioni di olio d’oliva hanno contribuito ad aumentare le esportazioni in valore, anche se i volumi sono diminuiti. Inoltre, l’aumento dei prezzi dell’olio d’oliva in tutta Europa ha contribuito all’aumento dei valori delle esportazioni.

Le esportazioni statunitensi sono aumentate del 15% in valore a 232 milioni di euro nei primi sette mesi dell’anno. Tuttavia, la quantità di olio extra vergine di oliva esportato negli Stati Uniti è diminuita dell’1% nello stesso periodo.

Nella prima metà del 2023, le esportazioni agroalimentari complessive italiane negli Stati Uniti sono aumentate di quasi il 21% a 3,3 miliardi di euro, rendendo gli Stati Uniti il ​​secondo mercato più grande per gli esportatori agroalimentari dopo la Germania.

Più del 57 per cento di tutto l’export agroalimentare italiano va lì e il 69 per cento delle importazioni proviene da altri Stati membri dell’UE.

Complessivamente, le esportazioni di olio extra vergine di oliva italiano sono aumentate di quasi il 17% a 763 milioni di euro, con un aumento dello 0,3% dei volumi esportati. Tuttavia, Ismea ha osservato che il valore delle importazioni di olio d’oliva è elevato a causa del calo della produzione nazionale.

Ad esempio, il valore delle merci esportate dalla Spagna è aumentato del 30% nei sette mesi fino al 2022, superando i 556 milioni di euro. Tuttavia, il volume delle importazioni è diminuito del 7% nello stesso periodo.