Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le cinture marroni sono state fissate per l’Italia

Miengaah Hendricks, Tharwah Hendricks e Rania Gamieldien partiranno per l’Italia a settembre. Foto: Gailin Phantom

Il team RSA Gojy Ryu Karate avrà due adolescenti di Kensington che gareggeranno nella 6a Federazione Mondiale di Koju Ryu Karate (WGKF) che si terrà a Foligno, in Italia, a settembre.

L’evento, che riunisce gli allenatori Goju-Ryu di tutto il mondo in un’unica competizione, si svolgerà da giovedì 8 a domenica 11 settembre.

Darwa Hendrix, un’istruttrice della Kensington Karate School, si dice felice che i due si siano qualificati per quella che lui descrive come una “competizione dura”.

Hendrix, che era uno studente al Dojo nel 2004, è istruttore dal 2011.

Dice che a causa dell’epidemia di Govt-19, le donne hanno quasi dovuto partecipare alla competizione.

“Sono orgoglioso di loro. Non abbiamo potuto allenarci durante il Covid-19, e ora siamo tornati. Abbiamo organizzato solo concorsi online negli ultimi due anni. Dobbiamo inserirli attraverso i video, abbiamo un desk allestito con la fotocamera, ma sono ancora qualificati.

Hendrix afferma che questo non è il loro primo rodeo poiché gli adolescenti si sono qualificati anche per il 5° WGKF tenutosi in Malesia nel 2019.

“È emozionante per entrambi tornare in squadra. Questo è il 6° Campionato del Mondo così grande per la nostra federazione, queste donne sono due di loro. È stato così difficile, non si sarebbero mai messi tra i migliori, ma per me lo sono. So quanto si allenano.

Hendrix, che ha gareggiato nel 2010 ed è stato arbitro alla WGKF nel 2019, afferma che la loro più grande sfida in questo momento sono i finanziamenti.

READ  Il Manifesto della Gioielleria Italiana celebra l'eccellenza della gioielleria made in Italy

Dice che hanno ancora bisogno di circa R45 000 per coprire le altre spese mentre raccolgono fondi per raccogliere metà dei loro biglietti aerei.

“Sono entrambi ancora minorenni, quindi hanno bisogno dei genitori, il che è doppiamente vero. Quindi abbiamo bisogno di più sponsorizzazioni e supporto”.

Hendrix dice che spera che il gioco coinvolgerà più bambini perché offre così tante opportunità.

“Abbiamo molti ragazzi della comunità che hanno bisogno di ulteriore aiuto. Il nostro sogno è coinvolgere la comunità e mandare i bambini all’estero. Abbiamo molte opportunità nella nostra zona e, poiché il karate è uno sport autofinanziato, non è uscito. Pertanto, la finanza è sempre stata un problema.

Hendrix dice di avere piena fiducia nella coppia.

“Siamo entusiasti. Le donne ancora non riuscivano a crederci. Non vedo l’ora di vederli di nuovo lì, e so che si sono allenati così tanto.

La sedicenne Miengaah Hendricks (Brown Belt) dice di essere “nervosa ed eccitata”.

È stato difficile entrare nella competizione perché hanno quasi dovuto farlo.

“Non aveva senso avere sostenitori e persone che ti vedessero. È stato strano”.

La ragazza di 16 anni ha gli occhi puntati sul grande regalo. “L’obiettivo è vincere una medaglia, ma è una competizione difficile. Non vedo l’ora di vedere altri luoghi e altre culture e il modo in cui gli altri fanno karate.

Miyanga dice che devono dedicare diverse ore extra all’allenamento per prepararsi.

“Abbiamo lezioni extra di karate. Abbiamo i raccordi per andare con. La squadra si allena anche con altri giocatori della squadra sudafricana.

Rania Comedian (Brown Belt) dice di essere entusiasta di viaggiare di nuovo ed è felice di essersi qualificata per il torneo.

READ  I chimici della TSU e dell'Italia salveranno l'umanità dalle piogge acide

“Sono eccitato e nervoso. Di recente ho deciso che sarei andato”.

Camille (16) afferma che stanno attualmente conducendo un’ampia formazione in preparazione dell’evento.

“L’allenamento della squadra è entusiasmante. I nostri corpi fanno male ogni volta che torniamo a casa”.

L’adolescente dice che il karate è più di un semplice “combattimento”.

“Inizialmente ho giocato a karate per combattere con mio fratello, non ho mai smesso. Ti insegna la disciplina e la gestione del tempo. La gente lo vede come combattere ma non lo è. Per i bambini piccoli è un modo per liberare la propria energia. Speriamo che ispiri altri giovani persone. A volte siamo annoiati. Pensano che stiamo facendo delle cose, ma non sanno cosa puoi ottenere facendo questo.

Sabato 3 settembre il trio e le altre squadre sudafricane partiranno per l’Italia.

  • Contatta lo 074 520 7429 per fare una donazione