Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le azioni statunitensi si indeboliscono prima della lettura dell’inflazione

Le azioni e i titoli di stato statunitensi sono scesi giovedì prima dei dati sui prezzi al consumo di venerdì, che informeranno la Federal Reserve nella riunione di definizione delle politiche della prossima settimana.

La mossa arriva anche dopo che la Banca centrale europea ha lasciato la porta aperta per un rialzo dei tassi molto ampio a settembre. L’inasprimento della Banca centrale europea e la possibilità di una maggiore inflazione negli Stati Uniti ha sollevato interrogativi sulla crescita globale per gli investitori, portando a un allontanamento dagli asset rischiosi.

Il principale indice S&P 500 ha chiuso in ribasso del 2,4%, mentre l’indice Nasdaq Composite incentrato sulla tecnologia è sceso del 2,7%.

L’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti dovrebbe mostrare un ritmo di inflazione dell’8,3% a maggio, piatto rispetto al mese precedente e lontano dai livelli più alti degli ultimi quattro decenni registrati all’inizio di quest’anno. Tuttavia, uno studio di Bloomberg sugli economisti ha abbassato il ritmo dell’inflazione su base annua negli ultimi due mesi.

Il rendimento del Tesoro USA a 10 anni è aumentato di 0,02 punti percentuali al 3,04%. Il rendimento a due anni sensibile alle politiche è aumentato di 0,04 punti percentuali al 2,82%. I tassi di pareggio a 5 e 10 anni, misure delle aspettative di mercato per l’inflazione a 5 e 10 anni, sono entrambi aumentati.

Nella sua dichiarazione di politica monetaria, la Banca centrale europea ha affermato che aumenterà il suo tasso chiave sui depositi da meno 0,5% di un quarto di punto a luglio e di un altro importo non specificato a settembre.

“Se le prospettive di inflazione a medio termine persiste o peggiora, un aumento più ampio sarebbe appropriato alla riunione di settembre”, ha affermato la BCE.

READ  Ritorna la stabilità del mercato nonostante le crescenti tensioni geopolitiche

La Banca centrale europea sta inasprindo la politica monetaria nell’ambito di un passaggio globale a costi di finanziamento più elevati per combattere l’inflazione, che ha iniziato ad aumentare nel 2021 quando il blocco del coronavirus è terminato ed è stato esacerbato dall’invasione russa dell’Ucraina.

La banca centrale, che negli ultimi anni ha anche acquistato ingenti quantità di titoli di Stato dell’eurozona per tagliare i costi di finanziamento, ha confermato che terminerà i suoi acquisti netti dal 1° luglio e ha alzato le sue previsioni di inflazione.

In Europa, lo Stoxx 600 regionale ha esteso le sue perdite all’inizio della giornata per chiudere in ribasso dell’1,4%. L’indice azionario italiano FTSE è sceso dell’1,9% e il tedesco Xetra Dax ha perso l’1,7%.

I rendimenti dei titoli di Stato tedeschi, italiani, spagnoli e greci sono aumentati poiché gli investitori sono preoccupati per le ricadute economiche della fine delle politiche monetarie ultra-supportive. L’euro si è indebolito rispetto al dollaro, scendendo dell’1% a 1,061 dollari.

“Le persone si stanno arrabbiando in vista dell’IPC di domani e di cosa potrebbe significare per la Fed. Siamo in una modalità di attesa”, ha affermato Lou Brien, market strategist di DRW Trading.

“Ora sembra che la BCE sia pronta a salire, e ora la gente potrebbe pensare che se domani avremo un forte CPI, la Fed salterà sulla BCE”.

Il greggio Brent, lo standard del petrolio, è sceso dello 0,4% a 123,07 dollari al barile, dopo essere avanzato di quasi il 60% quest’anno.