Luglio 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le azioni e le obbligazioni statunitensi scendono a causa di dati sull’inflazione peggiori del previsto

Le azioni di Wall Street e i Treasury a breve termine sono scesi drasticamente venerdì dopo che i dati sull’inflazione statunitense sono stati superiori alle attese, aumentando le scommesse del mercato sulla misura in cui la Federal Reserve aumenterà i tassi di interesse per frenare gli aumenti dei prezzi.

Il principale indice S&P 500 è sceso dell’1,7% all’inizio degli scambi, dopo essere sceso del 2,4% nella sessione precedente, quando la Banca centrale europea ha scosso i mercati articolando i propri piani per inasprire la politica monetaria.

L’indice high-tech Nasdaq Composite, accatastato con titoli growth sensibili ai tassi di interesse, è sceso del 2,1%.

Il rapporto sui prezzi al consumo del governo degli Stati Uniti ha mostrato che il ritmo annuale dell’inflazione è salito all’8,6% a maggio, al di sopra della lettura dell’8,3% di aprile e superando le aspettative degli economisti con l’aumento dei prezzi di cibo, energia e alloggi.

Si prevede che la Fed alzerà il suo tasso di interesse chiave di altri 0,5 punti percentuali la prossima settimana. Le aspettative del mercato per il tasso sui fondi della Federal Reserve sono aumentate dopo il rapporto sull’inflazione, che ora ha un prezzo di una mossa fino al 2,39% entro settembre.

“Il mercato pensa che la Fed dovrà fare più inasprimento e questo aumenta il rischio di una recessione”, ha affermato Brian Nick, chief investment strategist di Novin.

L’indice FTSE delle azioni dei mercati avanzati ed emergenti è sceso di oltre il 2%, mettendolo sulla buona strada per il peggior calo settimanale da gennaio.

Nei mercati obbligazionari, il rendimento dei Treasury a due anni, che misura le aspettative sui tassi di interesse, è balzato di 0,13 punti percentuali a oltre il 2,9 per cento in quanto il prezzo dello strumento è sceso. Il rendimento a cinque anni ha aggiunto 0,11 punti percentuali al 3,18%, mentre il rendimento a 10 anni di riferimento ha aggiunto 0,06 punti percentuali al 3,1%.

READ  Inviato italiano: Rafforzare la cooperazione commerciale tra Pakistan e Italia

I cosiddetti prezzi di pareggio – misure delle aspettative di mercato sull’inflazione entro cinque e 10 anni – sono saliti al livello più alto da metà maggio.

L’indice azionario regionale europeo Stoxx 600 è sceso del 2,4% poiché le preoccupazioni per le prospettive per gli Stati Uniti hanno accresciuto le preoccupazioni sugli effetti dei tassi di interesse più elevati nella zona euro sulle nazioni europee finanziariamente più deboli.

“Il messaggio ai mercati è che la priorità ora è eliminare l’inflazione, non la crescita”, ha affermato Paul O’Connor, capo del team multi-asset della Janus Henderson, con sede nel Regno Unito.

Ha aggiunto che “il perno della linea dura della Banca centrale europea ha fornito una grave battuta d’arresto per i rialzisti a livello globale, poiché rafforza l’idea che le banche centrali non smetteranno di combattere l’inflazione”.

La Banca centrale europea, che è stata a lungo una delle banche centrali più accomodanti del mondo, ha segnalato giovedì che potrebbe aumentare il suo tasso di deposito chiave sopra lo zero a settembre, la sua prima uscita da tassi negativi in ​​otto anni. Ha anche affermato che avrebbe posto fine agli acquisti netti del debito degli Stati membri, sollevando preoccupazioni per le pressioni finanziarie sulle economie più deboli del blocco.

Il rendimento delle obbligazioni a 10 anni della Grecia è salito di 0,3 punti percentuali al 4,39 percento, superando il livello all’inizio delle turbolenze di mercato guidate dal coronavirus nel marzo 2020, poiché il prezzo del debito è diminuito drasticamente.

Il rendimento del titolo decennale italiano è salito sopra il 3,7 per cento, più di tre volte il livello di inizio anno.

READ  Westerville Bike Shop è ancora attivo dopo 48 anni

Venerdì il divario tra i rendimenti dei titoli decennale italiani e tedeschi è salito a 2,3 punti percentuali, il livello più alto da maggio 2020.

In Asia, l’indice Hang Seng si è stabilizzato a Hong Kong e l’indice Nikkei 225 a Tokyo è sceso dell’1,5%. L’indice CSI 300 nella Cina continentale è salito dell’1,5%.