Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le aziende faticano a prepararsi per i controlli sulle importazioni nel Regno Unito post Brexit

Maurice Gregg potrebbe essersi aspettato una meritata vacanza per Natale, dopo aver trascorso il 2021 alle prese con la burocrazia post-Brexit ora necessaria per esportare i suoi accessori da gentiluomo su misura nell’UE.

Ma invece il 74enne proprietario della Greig & Greig Partnership ha rinunciato almeno a parte delle festività natalizie per rivedere le indicazioni tecniche del governo britannico sui nuovi controlli alle frontiere che stanno per essere introdotti sulle importazioni dall’Unione Europea.

Da gennaio, gli importatori del Regno Unito devono compilare le dichiarazioni doganali in tempo reale; Comunicare alle autorità i prodotti animali e vegetali in entrata; ed essere in grado di fornire la prova che le merci importate dall’UE possono raggiungere il Regno Unito senza dazi doganali.

Ce la farai”, ha detto Greg nel magazzino del suo negozio londinese, pieno di campioni di guanti in pelle fatti a mano, cinture italiane e ombrelli di lusso. “Ma poi sono solo un’azienda molto piccola e non ho nessun altro da aiutare”.

I gruppi di imprese hanno avvertito che i nuovi controlli sulle importazioni, ritardati di un anno per mantenere il flusso degli scambi, eserciteranno nuove pressioni significative sulle piccole imprese nel 2022 mentre continuano ad adeguarsi al commercio al di fuori del mercato unico dell’UE.

Greig & Greig è una delle migliaia di piccole imprese di cui il Consorzio per le piccole imprese ha avvertito che non erano adeguatamente preparate per i nuovi controlli dopo che un sondaggio tra i membri ha rilevato che solo un quarto delle imprese era pronto.

Un sondaggio dell’Istituto di amministrazione, l’organizzazione dei capi i cui membri rappresentano generalmente aziende più grandi, ha rilevato che un terzo di loro “non era affatto pronto” per i cambiamenti.

READ  2 manager italiani incaricati di indagare sulle emissioni di Fiat Chrysler | Notizie nazionali

Gruppi imprenditoriali e funzionari ammettono che è impossibile prevedere esattamente come i cambiamenti influenzeranno il flusso delle importazioni dall’Unione Europea, che nel 2020. calcolato per Il 50 per cento di tutte le importazioni del Regno Unito, per un valore di 300 miliardi di sterline.

Alti funzionari governativi responsabili delle frontiere Ha detto ai deputati A novembre, le aziende sono state contattate in merito ai cambiamenti, anche dall’altra parte del canale, dove anche i vettori e gli esportatori dell’UE dovranno prepararsi.

La più grande preoccupazione per la potenziale interruzione deriva dall’obbligo per i camion di entrare nel Regno Unito per ottenere un codice di autorizzazione per i servizi di trasporto di veicoli cargo del Regno Unito, o GVMS, prima di salire a bordo del traghetto.

Per ottenere il token, i loro documenti devono essere intatti. Dal 1° gennaio ciò significherà che le dichiarazioni doganali e il pagamento dei dazi non potranno più essere differiti fino a 175 giorni e i prodotti animali e vegetali dovranno essere preregistrati nel Regno Unito Il sistema di importazione di prodotti, animali, alimenti e mangimi (IPAFF).

Jim Harra, segretario permanente di HM Revenue & Customs, ha detto ai parlamentari del Public Accounts Committee che “non c’erano dubbi” che alcuni camionisti dell’UE sarebbero stati allontanati a causa del nuovo sistema, ma era “fiducioso” che si sarebbero adeguati presto.

Jim Hara dell’HMRC si dice “fiducioso” che i camionisti dell’UE si adatteranno presto al nuovo sistema © Charlie Bibby / FT

A partire da luglio, anche gli importatori di prodotti alimentari dovranno avere le loro merci accompagnate da certificati sanitari firmati dai veterinari dell’UE ed essere pronti a fornire controlli casuali se selezionati presso i centri di controllo delle frontiere del Regno Unito.

Hara ha affermato che la fiducia del governo si basa sul fatto che i vettori hanno adattato un sistema francese simile al pre-annuncio nel 2021, quando le previsioni ragionevoli dello scenario peggiore per i furgoni merci da 7.000 camion non si sono concretizzate.

Shane Brennan, amministratore delegato del Cold Chain Consortium, ha affermato che l’obbligo di riscuotere i resi doganali e IPAFFS, spesso in un lasso di tempo ristretto, probabilmente lascerà molti vettori dell’UE a “giocare al recupero” nei primi mesi del 2022.

L’HMRC ha affermato di inviare 14.000 lettere al mese ai vettori dell’UE per prepararli ai cambiamenti. Tuttavia, i gruppi di trasporto dell’UE hanno dichiarato al Financial Times che si aspettano ritardi perché non sono stati in grado di testare preventivamente il sistema GVMS. HMRC ha affermato che sta “dimostrando” il sistema direttamente con organizzazioni selezionate.

Artur Kalisak di TLP, che rappresenta i principali vettori polacchi, ha affermato che mentre stava organizzando i webinar del governo britannico per i suoi membri, 90 dei 36.000 vettori polacchi erano piccoli operatori con 10 veicoli o meno.

“Riceviamo informazioni e promemoria… e trasmettiamo tali informazioni ai nostri membri”. “Quindi le nostre aziende lo capiscono. Quanto sono informate le altre aziende è una questione diversa”.

Waberer’s, un importante gruppo di trasporti dell’Europa orientale, prevede il caos. “Ci saranno molti conducenti incapaci di tornare ai punti di attraversamento” © Akos Stiller / Bloomberg

Waberer, uno dei più grandi gruppi di trasporto dell’Europa orientale, è stato più pessimista, lamentando che il GVMS non poteva essere testato prima della data di lancio del 1 gennaio.

Un portavoce della società ha dichiarato: “Siamo sicuri che ci sarà congestione, poiché non sappiamo se il sistema del Regno Unito può gestire i reclami che li inondano”. “Ci saranno molti conducenti ignari di ritorno ai punti di passaggio”.

Oltre ai nuovi controlli alle frontiere, le società britanniche che operano con l’UE dovranno dimostrare che le loro merci possono essere importate in esenzione da dazi nel Regno Unito.

Secondo le cosiddette “regole di origine” dell’accordo commerciale e di cooperazione UE-Regno Unito, le merci devono normalmente essere prodotte per il 50% nel Regno Unito per poter essere esportate in esenzione da dazi verso l’UE. È vero il contrario per le merci dell’UE che vengono esportate nel Regno Unito.

Nel 2021, agli esportatori di entrambe le parti è stato concesso un periodo di grazia di un anno che ha ridotto la documentazione richiesta, ma dal 2022 le aziende su entrambe le sponde del canale dovranno fornire prove documentate della conformità delle loro merci se vengono contestate dalle autorità doganali.

A dicembre, HMRC ha detto ai commercianti del Regno Unito che se non riuscivano a fornire “permessi di fornitura” per le merci, rischiavano di pagare multe o di essere esclusi dall’utilizzo di tariffe preferenziali in futuro.

I gruppi commerciali hanno avvertito i ministri che il processo delle regole di origine per le piccole imprese può essere fonte di confusione e richiedere molto tempo, con molti che non apprezzano appieno i requisiti.

È difficile seguire le indicazioni del governo, afferma Daniel Pettitt, amministratore delegato di Heaven Scent. È possibile fare clic su collegamento dopo collegamento per accedere ad alcuni siti Web. Mi sono appena perso’ © Jon Rowley / FT

Daniel Pettitt, amministratore delegato di Heaven Scent Incense, con sede nel Wiltshire, che produce saponi e candele profumati utilizzando ingredienti provenienti da tutto il mondo, ha affermato di essere alle prese con le nuove regole.

“Abbiamo iniziato a chiedere riconoscimenti ai fornitori e sappiamo che i nostri prodotti sono idonei”, ha detto, ma ha ammesso di non essere sicuro di dove fornire le informazioni che lo dimostrano durante l’esportazione nell’UE.

Ha aggiunto che, nonostante le numerose e-mail del governo relative ai cambiamenti imminenti, era difficile utilizzare la guida online. “È come cadere in una tana di coniglio. Puoi fare clic su un collegamento dopo l’altro per accedere a un sito Web. Ti perdi e basta”, ha detto.

segreti commerciali

Il Financial Times ha rinnovato i segreti commerciali, le sue note quotidiane da leggere sul volto mutevole del commercio internazionale e della globalizzazione.

Registrati qui Per comprendere le nazioni, le aziende e le tecnologie che stanno plasmando la nuova economia globale.

Tanya Marriott, proprietaria di SoleLution, un negozio di scarpe indipendente a Bristol che importa scarpe dall’Unione europea, ha affermato che la società sta ancora cercando di determinare il proprio status giuridico in caso di controversia sui dazi con i fornitori dell’UE.

“Come piccola impresa stiamo cercando di orientarci. Ho provato a indagare tramite il sito Web HMRC e non mi considero nuova a tutto questo, ma non è spiegato in parole povere”, ha aggiunto.

Tornato a Londra, l’importatore di accessori Greig sta ancora cercando di risolvere i problemi di quest’anno, che includono pagamenti tariffari erroneamente addebitati su spedizioni che “provengono” nel Regno Unito e nell’UE.

Dice di importare i suoi campioni dall’Unione Europea: “Sarebbe molto complicato, perché sono solo una piccola impresa. Non so ancora quali siano le regole dopo il 1 gennaio, ma non ho dubbi che non sarà semplice.”

Procedure doganali di frontiera dell’UE nel Regno Unito per il 2022: una cronologia

1 gennaio 2022

Dichiarazioni doganali complete Le dichiarazioni di importazione a HMRC per merci dall’UE non possono più essere ritardate fino a 175 giorni. Le aziende del Regno Unito devono completare le dichiarazioni di importazione “in tempo reale” quando i prodotti entrano nel Regno Unito.

Notifica preventiva di prodotti alimentari e vegetali Le aziende che importano prodotti alimentari che richiedono i cosiddetti controlli sanitari e vegani devono essere incluse nell’importazione di prodotti, animali, alimenti e sistema di alimentazione nel Regno Unito (IPAFF). Non avranno più bisogno di certificati sanitari di esportazione o esami fisici veterinari all’arrivo.

Per i vettori dell’UE è richiesta l’autorizzazione preventiva I camionisti che entrano dall’Unione Europea dovranno dimostrare di avere i documenti di cui sopra per ottenere un codice di pre-autorizzazione per le corse in traghetto. Lo otterranno attraverso il servizio di movimento del veicolo merci (GVMS).

Entrano in vigore i requisiti delle norme di origine Le aziende britanniche che desiderano usufruire dell’accesso a tariffa zero sulle importazioni dell’UE dovranno garantire che i prodotti siano sovvenzionati dall’UE attraverso dichiarazioni dei fornitori che dimostrino che le merci sono prodotte nell’UE in misura sufficiente per qualificarsi per l’accesso esente da dazi. È vero il contrario per gli importatori di merci britanniche nell’Unione europea.

1 luglio 2022

Inserimento esami fisici e certificati La carne e i prodotti vegetali dell’UE devono disporre di certificati sanitari per l’esportazione e saranno responsabili delle ispezioni fisiche da parte delle autorità sanitarie portuali del Regno Unito.

1 settembre 2022

Latticini Richiederà certificati sanitari per l’esportazione e sarà responsabile delle ispezioni fisiche da parte delle autorità sanitarie nei porti del Regno Unito

1 novembre 2022

Prodotti composti e prodotti ittici Richiederà certificati sanitari per l’esportazione e sarà responsabile delle ispezioni fisiche da parte delle autorità sanitarie nei porti del Regno Unito.

Fonte: aggiornamento del modello operativo del confine del Regno Unito per novembre 2021