Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le auto da corsa a guida autonoma fanno la storia al CES

Un’auto da corsa senza nessuno al volante ha ruotato intorno a un’altra per prendere il comando su una pista ovale al Consumer Electronics Show di Las Vegas venerdì in una partita ad alta velocità senza precedenti tra veicoli a guida autonoma.

I membri del team italo-americano PoliMOVE hanno esultato quando l’auto da corsa di Formula 1, soprannominata “Minerva”, ha superato più volte un concorrente iscritto dal team sudcoreano KAIST.

Minerva stava viaggiando vicino a 115 mph (185 km/h) quando ha superato KAIST, superando facilmente la velocità massima che gli organizzatori della gara avevano sperato.

Ma ogni pilota è stato considerato un vincitore dalle autorità di regolamentazione che hanno visto la vera vittoria come il fatto che gli algoritmi di guida autonoma potevano gestire la competizione ad alta velocità.

“È un successo”, ha detto all’AFP Paul Mitchell, uno degli organizzatori dell’Indy Autonomous Challenge (IAC), prima di sventolare la bandiera.

La gara ha contrapposto squadre di studenti di tutto il mondo l’una contro l’altra per aumentare le capacità delle auto a guida autonoma e migliorare la tecnologia da utilizzare ovunque.

A ottobre, l’IAC ha frenato le auto a guida autonoma di F1 che gareggiavano insieme per concedere più tempo per preparare la tecnologia alla sfida, optando invece per farle fare giri individuali per vedere quale ha avuto il miglior tempo.

“Questo detiene quasi il record mondiale di velocità per un’auto a guida autonoma”, si vantava l’ingegnere PoliMOVE Davide Rigamonti, osservando delicatamente la bellezza in bianco e nero.

Il posto unico del pilota di solito durante questa gara era invece riempito di elettronica.

READ  Il gruppo Webuild è stato selezionato per il settore dell'Alta Velocità Napoli-Bari

Secondo Rigamonti, PoliMOVE ha avuto la possibilità di vincere un’altra gara in ottobre a Indianapolis, facendo registrare circa 250 km/h prima di scivolare in curva.

Venerdì, è stato l’ingresso della Corea del Sud ad uscire dopo aver sorpassato un’auto inviata da un team della Auburn University, nello stato meridionale dell’Alabama, negli Stati Uniti.

“Gli studenti che programmano queste auto non sono meccanici; la maggior parte di loro non sa nulla di corse”, mi ha detto la specialista IndyCar Ann Patterson. “Gli abbiamo insegnato le corse”.

Gli studenti programmano il software che guida l’auto analizzando rapidamente i dati provenienti da sofisticati sensori.

Il software di guida deve anticipare come si comporteranno gli altri veicoli in pista, e quindi manovrare di conseguenza, secondo Marcus Linkamp, ​​professore a Monaco di Baviera, TUM, che ha vinto la competizione di ottobre.

Nelle vicinanze, gli studenti Linkamp sono incollati agli schermi.

“Funziona in millisecondi”, ha detto Mitchell.

“Un computer deve prendere le stesse decisioni che farebbe un guidatore umano, nonostante la velocità.”

L’IAC prevede di organizzare altre gare in stile venerdì, mettendo due auto l’una contro l’altra, sperando di raggiungere un livello sufficiente per lanciare tutti i veicoli insieme un giorno.