Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le 10 migliori offerte speciali sulle tasse sulle auto sportive italiane – PerformanceDrive

Le 10 migliori offerte speciali sulle tasse sulle auto sportive italiane – PerformanceDrive

L’Italia è nota per la produzione di alcune delle auto di lusso più desiderabili al mondo, ma le sue auto della classe operaia sono realizzate con motori molto piccoli. A causa della tassa punitiva sui veicoli superiori a 2,0 litri, sono state create alcune offerte speciali uniche pensando all’Italia (e al Portogallo). Anche le auto di lusso non erano immuni da questa tassa, dando vita ad alcuni modelli Ferrari e Lamborghini davvero unici.

Le auto con motori superiori a 2,0 litri sono soggette a una tassa enorme del 38%, rispetto al 18% per le auto di cilindrata inferiore.

Come si suol dire, la necessità è la madre dell’invenzione; Pertanto, la penisola latina ha ricevuto alcuni veicoli molto desiderabili che speriamo raggiungano le nostre coste. Ecco 10 dei nostri preferiti. Anche il Portogallo, con il suo rigido sistema fiscale sulla capacità, ha ottenuto la maggior parte di questi veicoli.

BMW E30 320iS

La BMW E30 M3 (video 0-100 qui) è considerata da molti la massima espressione della M3, con la sua purezza aspirata e il motore a quattro cilindri high-tech. Per i paesi che non preferivano i 2,3 e 2,5 litri (M3 Evo), è stata offerta una sorpresa speciale sotto forma di 320iS.

Questa vettura poco conosciuta utilizzava una versione a corsa diretta da 2,0 litri del motore M3, che generava 143 kW a 6.900 giri/min e 210 Nm a 4.900 giri/min. Ha mantenuto anche il cambio manuale in stile Dogleg della M3.

Si può dire che l’erede spirituale della 320iS sia la Lexus IS 200 equipaggiata con il motore 3S-GE BEAMS, che sviluppa 154 kW a 7500 giri al minuto e 216 Nm a 6400 giri al minuto. Tutti gli IS 200 con specifiche australiane sono dotati di motori a sei cilindri in linea, ma di tanto in tanto compaiono alcune versioni 3S grigie importate.

READ  Simon Yates e Richard Carapaz e chi?! Cinque grandi vincitori della 14a tappa del thriller del Giro d'Italia

Alfa Romeo “Bosso” Turbo

Ampiamente considerato come il V6 con il miglior suono di sempre, una versione turbo da 2,0 litri del V6 “Busso” (dal nome del suo progettista Giuseppe Busso) era disponibile nel mercato interno dell’Alfa. Per ottenere la riduzione della capacità, sono state aggiunte bussole cilindriche per ridurre la dimensione del foro. Aveva una testata a 12 valvole e un singolo turbo intercooler e produceva 147 kW e 271 Nm (280 Nm in overboost).

Ferrari208

Il V8 da 2,0 litri è un vero grattacapo per gli australiani cresciuti con non meno di 5,0 litri a spinta piegata, ma la Ferrari ha realizzato un grande 2,0 litri da urlo. Una potenza di 125 kilowatt, con una velocità massima di 220 km/h, non era poi così misera, ma non degna di una supercar. Per fortuna l’anno successivo venne realizzata una versione turbo con 162 kW di potenza a 7.000 giri/min e una velocità massima di 241 km/h.

Lamborghini Auraco P200

L’auto sportiva entry-level della Lamborghini, la Urracco, era un veicolo a motore centrale più convenzionale della scandalosa Countach. Il modello predefinito era un V8 da 3,0 litri, con 184 kW, sufficiente per una velocità massima di 260 km/h e un tempo da 0 a 100 km/h in 5,6 secondi: numeri impressionanti per gli anni ’70.

Se volevi evitare di pagare la tassa extra, la tua station wagon era una versione V8 da 2,0 litri, con 134 kW e 176 Nm. Mentre ottenevi il suono, la credibilità e la grinta, il tempo da 0 a 100 km/h aumentava a 7,2 secondi e la velocità massima era di 215 km/h a differenza delle auto Lambo.

READ  Gasperini rischia di saltare la finale di Coppa Italia dopo un test antidoping di classe

TVRV8S

Essendo un produttore più esclusivo di Ferrari o Lamborghini, ma non volendo privarsi delle opportunità di esportazione, TVR ha trovato una soluzione più creativa a questo problema fiscale.

Prendendo il blocco e l’estremità inferiore del V8 da 4,0 litri basato su Rover montato su altre TVR, sono state aggiunte una manovella e delle aste più corte per una corsa di 40,25 mm, ottenendo un rapporto di compressione di 8,0:1 intercooler per produrre 171 kW e 266 Newton metri. Negli anni ’80 la velocità massima di 232 km/h era una cifra rispettabile, ma ne furono costruite solo poche.

Loto Spirito 2.0

Invece del motore turbo da 2,2 litri e 197 kW, che dava all’Esprit un’impressionante accelerazione da 0 a 60 mph (97 km/h) in 4,7 secondi, gli italiani hanno ricevuto un motore turbo da 2,0 litri con 179 kW e 292 Nm. Questo motore (Tipo 920) ha debuttato nel dicembre 1991 prima di diventare disponibile poco dopo in altri mercati.

Maserati Merak 2000GT

La Merak e la Bora erano auto di serie Maserati negli anni ’70, conferendo loro uno status esotico grazie alle loro linee Giugiaro e ai fruttati motori V6 e V8, rispettivamente. Il motore da 2,0 litri con 125 kW e 186 Nm era disponibile per i clienti fiscalmente parsimoniosi a bordo di una Merak decorata con archi rampanti.

Dino 206 GT, Fiat Dino

Prendendo il nome dal defunto figlio della Ferrari, la linea di auto Dino presentava motori a sei cilindri più piccoli e raggiunse immediatamente lo status di classico per il loro design sorprendente. Non è chiaro se il motore 206GT sia stato mantenuto in questa veste per ragioni fiscali o per altri motivi, ma lo si trova anche nella Fiat Dino.

READ  Il ricorso del Tottenham MD contro il divieto è stato respinto dal Tribunale dello Sport italiano

Maserati Quattroporte e Maserati Ghibli AM 336

Caratterizzate dallo stile delizioso di Marcello Gandini, queste coppie erano auto sportive di lusso uniche che diedero a Maserati un posto unico nel mercato. Il motore V6 biturbo da 2,0 litri eroga 243 kW di potenza e produce un suono fuori dal mondo.

Alfa Romeo 33 Stradale

La 33 Stradale non era un’auto fiscale come un’auto da corsa, era una versione omologata per la strada dell’auto da corsa Tipo 33. Il motore V8 da 1995 cc produceva 169 kW a 8800 giri al minuto e 206 Nm a uno stratosferico 7000 giri al minuto. Non il tipico LandCruiser, quindi. Altre caratteristiche includevano le ruote in magnesio, ma il passaggio da auto da corsa a auto da strada avrebbe fatto sembrare la Porsche 911 GT3 una chiatta di lusso.