Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’azienda casearia familiare di Melbourne condivide gli stili italiani con il mondo

“Sono molto orgoglioso della nostra crescita. Ma il problema più grande è che non riusciamo a produrre abbastanza formaggio, soprattutto per le vendite all’esportazione”, afferma Alfonso Inglese, 78 anni, italiano.

“Abbiamo buoni prodotti e abbiamo sempre buoni prodotti”, aggiunge.

Alfonso Inglessi (a destra) presso lo stabilimento di Melbourne

Alfonso Inglessi (a destra) presso lo stabilimento di Melbourne credito: SBS/Scott Cardwell

Il signor Inglese è stato tra gli investitori originari della società, entrando a far parte nel 1988.

Da un umile inizio nel garage di una casa di periferia, l’impresa è cresciuta costantemente negli ultimi decenni, poiché sempre più australiani hanno abbracciato gli stili italiani tra cui mozzarella e boconcini.

L’azienda è ora uno dei principali attori nel settore dei formaggi speciali in Australia, fornendo un’ampia gamma di stili mediterranei di alta qualità, nonché yogurt, salse e formaggi cremosi aromatizzati alla frutta.

Formaggio a pasta molle installato in uno stabilimento di Melbourne

Gli stili Provedore italiani sono popolari credito: SBS/Scott Cardwell

“I formaggi cremosi sono un grande venditore per noi, perché hanno una lunga durata”, afferma Inglesey.

La diversificazione è uno dei tanti cambiamenti che Inglesey ha vissuto nel corso dei decenni, ma l’unica costante è la crescita.

“In media, elaboriamo circa 80.000 litri di latte, consegnati presto ogni mattina”, afferma Fernando Machado, Direttore delle vendite internazionali e del marketing del gruppo Providor.

“E stiamo decisamente crescendo anno dopo anno, il che è un ottimo risultato considerando gli impatti del COVID-19 sui ristoranti e sulle catene di approvvigionamento locali”.

Lavoratori presso Provedore Group a Melbourne

Lavoratori presso Provedore Group a Melbourne credito: SBS/Scott Cardwell

Nonostante le continue turbolenze legate alla pandemia, il Gruppo Provedore esporta in 25 paesi e, per Machado, l’Asia rimane un obiettivo importante.

READ  Antichità di Chicago: il team vuole emarginare permanentemente 3 statue di Colombo

“Le vendite all’esportazione sono cresciute ragionevolmente bene durante il COVID, in particolare in Asia settentrionale, Giappone, Corea del Sud e Cina, nonché a Hong Kong e Singapore”, afferma.

“La cosa grandiosa dell’Asia è l’enorme popolazione.

“Potrebbe essere solo una piccola quantità di persone che effettivamente mangiano formaggio, ma è comunque un numero enorme rispetto ad alcuni degli altri mercati che stiamo guardando”.

Fernando Machado (a sinistra) con Alfonso Inglese

Fernando Machado (a sinistra) con Alfonso Inglese credito: SBS/Scott Cardwell

Dice che il successo di Provedore in Asia è dovuto in parte ai suoi tempi di volo relativamente brevi.

“Spedendo la nostra mozzarella fresca dall’Australia, l’abbiamo ricevuta a Giacarta in sette ore, contro 15 o 16 ore fuori dall’Italia”.

La crescita non è solo globale: anche le vendite australiane sono in aumento.

“Le vendite dei supermercati rimangono forti per noi. Molte persone all’estero e in Australia sono sedute a casa e tendono a mangiare un po’ di più”, dice Machado.

Tuttavia, il reclutamento locale rimane una sfida.

“E’ un grosso problema in Australia. La nostra fabbrica di Sydney, ad esempio, gestisce circa il 50% del fabbisogno di personale.

“Ha ridotto la nostra produzione, ed è qualcosa su cui ovviamente stiamo lavorando, per cercare di risolverlo il più rapidamente possibile”.

Machado è tra i molti esportatori australiani che si stanno adattando alle mutevoli condizioni, con il supporto dell’Agenzia australiana per la promozione del commercio e degli investimenti internazionali.

“Oustrade è stato determinante nella crescita della nostra attività di esportazione”, afferma Machado.

Fernando Machado (a sinistra) con il giocatore Austrid Paul Quina

Fernando Machado (a sinistra) con il giocatore Austrid Paul Quina credito: SBS/Scott Cardwell

Attraverso la sua rete internazionale, Austrid afferma di aver fornito importanti consigli e informazioni su diversi mercati.

READ  Un caffè italiano aprirà il secondo posto

“Lavoriamo a stretto contatto con Provedore per aiutare a stabilire direttamente le priorità dei mercati e collegarli a nuove opportunità di business in quei mercati”, afferma Paul Kenna, Direttore di Global Engagement.

“Le nostre estese reti globali sono fondamentali in un periodo in cui i viaggi internazionali sono stati limitati”, afferma.

Austrid ha anche contribuito a garantire una nuova relazione di esportazione in Giappone, dove si prevede che le vendite rendano 1 milione di dollari all’anno.

Paul Keena di Austrid (a sinistra) con Fernando Machado del Provedore Group

Paul Keena di Austrid (a sinistra) con Fernando Machado del Provedore Group credito: SBS/Scott Cardwell

“Stiamo per lanciare i nostri prodotti in una catena di supermercati giapponese che ci è stata offerta da Austrid”, afferma Machado di Provedore.

“Fare affari direttamente con la catena di supermercati è sempre vantaggioso, poiché il prodotto finisce sullo scaffale a un prezzo migliore”.

Paul Kenna afferma che l’Australia ha una reputazione in Asia come “produttore di prodotti alimentari pulito ed ecologico” che è fondamentale in mercati privilegiati come il Giappone.

Il formaggio Providor al gusto di frutta dovrebbe essere un prodotto più venduto in Giappone.

“La nostra gamma di prodotti è completamente unica. Non sono in concorrenza diretta con i prodotti europei”, afferma Machado.

“Quindi abbiamo trovato una piccola nicchia e un certo successo lì che siamo molto felici di avere”.