Giugno 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’avvocato americano Joe Tacobina sulla gestione delle squadre di calcio italiane

L’avvocato americano Joe Tacobina sulla gestione delle squadre di calcio italiane

Joe Tacopina, uno dei più potenti avvocati difensori penali degli Stati Uniti, sogna di riportare la SPAL in Serie A, un campionato sportivo attualmente popolare tra i Investitori americani.

Dal suo studio a Ferrara, una città rinascimentale a 20 miglia a ovest di Bologna in Emilia-Romagna, Tacobina mi ha parlato delle sue ambizioni come capo della SPAL e ha condiviso con noi alcune delle lezioni chiave che ha imparato in più di un decennio come capo. Dirigente in quattro società calcistiche italiane.

Il viaggio di Tacopina nel calcio italiano

Nel 2011, quando era ancora raro che gli investitori nordamericani mostrassero interesse per il calcio italiano, Tacopina faceva parte di un consorzio che si trasformò Roma Nel primo club della Premier League di proprietà americana.

È stato vicepresidente della Roma per quattro anni prima di trasferirsi al Bologna e poi al Venezia, dove ha stabilito un record invidiabile per essere stato il primo presidente del calcio professionistico italiano a ricevere tre promozioni di fila (una al Bologna nel 2014/ 15 e due volte in due anni). a Venezia dal 2015 al 2017).

Nell’estate del 2021 Tacopina assume la guida della SPAL, iniziando un nuovo capitolo del suo percorso nel calcio italiano, che nella nostra precedente intervista ha definito come “Una delle proprietà più sottovalutate di tutti gli sport.”

Tutti questi anni di lavoro a Roma, Bologna, Venezia e Spalle hanno permesso a Tacobina, originario di Brooklyn di origini italiane, di acquisire una conoscenza inestimabile dei pericoli del sistema calcistico professionistico italiano.

“Capisci che vieni da un mondo diverso. Questo non è come gli altri, specialmente il mondo degli affari nordamericano. Se vieni qui, pensando che romperai gli schemi e farai qualsiasi cosa come si fa negli Stati Uniti, sarà su una strada difficile”, ha avvertito Takubina. . E non finirà bene”.

Il 56enne Takobina crede fermamente che gli investitori nordamericani esperti possano fare la differenza in un sistema calcistico – il sistema italiano – che manca di una certa disciplina finanziaria nel modo in cui molti club sono gestiti. Tuttavia, queste conoscenze tecniche devono essere applicate con delicatezza, evitando il rischio di cadere in un tentativo disperato di sfidare lo status quo.

“Se ti vengono in mente nuove idee, come faccio io con il mio modello di business sportivo nordamericano, e cerchi di riconciliare quelle idee con le istituzioni e le tradizioni culturali che sono qui, e non cerchi di sconvolgere quel carrello delle mele, allora hai un’occasione per fare bene”.

Spal, un anno dopo

Nei primi 15 mesi alla SPAL, Tacopina stima che lui ei suoi partner abbiano contribuito con circa 20 milioni di euro (20 milioni di dollari) attraverso Tacopina Italian Football Investment Srl. Queste risorse hanno finanziato, tra l’altro, la ristrutturazione degli stadi, un progetto immobiliare con dormitori per i giocatori delle accademie e, lo scorso febbraio, l’acquisizione del 100% delle azioni del club.

Tuttavia, come la maggior parte delle squadre di calcio italiane, Tacopina ha chiarito che la Spal è ancora arrabbiata Le ripercussioni finanziarie dell’epidemia. Con la sostenibilità ancora una priorità assoluta per il club, ha affermato che la SPAL ha adottato significative misure di riduzione dei costi in connessione con la stagione 2021/22, che ha visto il conto salariale diminuire del 30% per la stagione in corso di seconda divisione.

Poter competere in campionato con un budget limitato ( dimenticare Classificato 13 su 20 in Serie B per Il valore di mercato del club), Tacopina e la sua squadra hanno stilato una lista in gran parte composta da giocatori che possiedono o hanno l’obbligo di acquistare la SPAL: questa strategia, ha spiegato Tacopina, mira a infondere ai giocatori un senso di appartenenza alla famiglia SPAL, con l’obiettivo di costruire il tipo di lealtà che credono sia un ingrediente chiave per il successo a questo livello competitivo.

“Non si tratta di quanto spendiamo”, ha detto Takobina. “È così che lo spendiamo”.

In definitiva, la sua idea di strutturare una società di calcio è stata ispirata da squadre come Atalanta e Ajax, che negli anni sono riuscite a raggiungere risultati a livello nazionale ed europeo facendo affidamento su modeste risorse finanziarie e, soprattutto, stando lontano da la zona rossa.

Prossimo: Daniel De Rossi

Dopo un inizio lento della stagione di Seconda Divisione 2022/23, la SPAL ha deciso di cambiare la posizione di capo allenatore, come annunciato dal club con una nota ufficiale qualche settimana fa. Il nuovo direttore è stato scelto nel 2006 Coppa del Mondo Il campione Daniele De Rossi, uno dei centrocampisti più rappresentativi della Roma dell’epoca era Tacobina, vicepresidente del club.

“È uno dei miei migliori amici, lo conosco da 13 anni”, ha detto Takobina. “È un leader naturale, è un vincitore”.

De Rossi cita i progetti, le ambizioni e i tifosi del club, nonché la personalità del presidente, come i motivi principali per cui ha accettato l’offerta della Spal del suo primo incarico di allenatore. (De Rossi è stato vice allenatore di Roberto Mancini nel Nazionale italiana Questo è stato deciso l’anno scorso Campionato Europeo di Calcio 2020).

Sotto De Rossi, la Spal spera di ottenere costanza nei risultati e scalare la classifica in seconda divisione, che attualmente la vede occupare l’11° posto dopo 12 partite.

“Ho trovato un’umanità incredibile, una grande dedizione da parte dei giocatori e un club serio con un centro di allenamento che ti fa venire voglia di lavorare 20 ore al giorno con strutture che anche i club di serie A invidierebbero”, ha detto De Rossi in un’intervista scritta. “Noi (De Rossi e Tacopina) abbiamo parlato di un progetto che deve essere sviluppato e di una chiara strada da seguire nel prossimo futuro”.

READ  Notizie sportive | Open d'Italia: Coco Gauff-Jessica Pegula sfidano Desirae Krawczyk-Demi Schuurs nella finale di doppio