Luglio 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’auto sportiva italiana per la Maratona dei Super Spettacoli! 4 confronti

L’auto sportiva italiana per la Maratona dei Super Spettacoli!  4 confronti

Intersuola e piattaforma

Ben: Un trucco che Gaara sembra usare è “apparire” come un allenatore di tutti i giorni. La base è ampia e di supporto, più di quella della Vaporfly 3, ad esempio.


Il centralino Anima è una schiuma PEBAX supercritica; È molto reattivo, fornisce un forte rimbalzo e un’ottima propulsione. La schiuma funziona magnificamente. Sicuramente non è troppo duro o simile a un cuscino nonostante la sua grande quantità.

Derek: Quest’anno è il primo anno in cui Diadora utilizza schiume a base PEBA nella sua gamma. Nella Gara Carbon, abbiamo una piastra curva in carbonio situata al centro di quella che sembra essere una costruzione dell’intersuola a densità singola. I lati dell’intersuola sono ancora morbidi al tatto, il che mi dice che la piastra è sul lato più stretto, almeno sul tallone e sul mesopiede. La schiuma è morbida con un ottimo rimbalzo, ricordando molto la schiuma ZoomX di Nike, ma con una composizione leggermente più densa. Lo smorzamento delle vibrazioni è molto buono e la schiuma non appare in nessun punto. Ho misurato il set a 39/35, quindi è vicino al limite superiore qui, e con un set dell’avampiede da 35 mm, è proprio nello stesso campo di gioco dei modelli NB SC Elite 4, Nike AF3 e ASICS Metaspeed Paris per l’ammortizzazione dell’avampiede.

Ryan: Questo è stato il mio primo pezzo Diadora, quindi non sapevo cosa aspettarmi in termini di prestazioni, ma devo dire che sono rimasto piacevolmente sorpreso da questa intersuola Gara Carbon. Per dirla in modo ovvio: il piatto suola è una scarpa solida, anche se non così rigida come altre scarpe pesanti, e il carattere morbido dell’intersuola mitiga notevolmente l’aggressività del piatto suola.

Descriverei la morbidezza della schiuma come un po’ più solida della ZoomX di Nike, ma non così morbida come la SC Elite Fuelcell di New Balance.

Nonostante la sua morbidezza, rimane notevolmente solido grazie al suo pelo alto. Questo equilibrio ben realizzato tra morbidezza e stabilità è ciò che considero il segno distintivo di questa scarpa. La geometria ben bilanciata e ben curata la rende inoltre versatile e adatta a tutti i tipi di runner.

Sono stato in grado di correre con la scarpa per chilometri ripetuti, che mi sono sembrati fluidi e solidi, così come qualche corsa moderata sotto-soglia dove la rigidità della tavola era ancora benvenuta e per niente prepotente. C’è molta morbidezza e protezione fornite da questa massiccia combinazione di intersuola, anche se il ritorno di energia non è così elevato come quello delle scarpe da corsa di razza.

Adamo:Ho utilizzato molte schiume per scarpe da corsa con rigidità variabile, dalla schiuma più confortevole della New Balance RC Elite V2, alla reattiva ma più solida Flytefoam Turbo dell’Asics Metaspeed Sky. Questa schiuma rientra nel lato più morbido dello spettro, ma è sufficientemente più solida della NB Fuelcell da risultare notevolmente efficace ad alta velocità. Sono un corridore più alto e più grande (6 piedi > 200 libbre), quindi alcune delle schiume più morbide si comprimono troppo per me e perdono la loro efficienza.

La piastra in carbonio è solida, ma quando inserita tra strati di schiuma rende la scarpa scattante senza essere eccessivamente rigida. Ho utilizzato questa scarpa per un allenamento in pista per testarla al limite di velocità (non nel caso d’uso previsto) ed è decisamente più comoda su distanze superiori a un miglio. Tuttavia, la 400 risulta veloce e reattiva, il che è un’impresa per una scarpa ammortizzata progettata da Marathon. Nel complesso, è meno aggressivo del Metaspeed Sky o del Vaporfly, ma è più che abbastanza veloce per distanze di gara superiori a 10 km con un comfort eccellente.

READ  I giornali sportivi elogiano "il giocatore che tutti avremmo voluto essere" dopo che la leggenda tedesca è morta all'età di 78 anni... e anche gli italiani credono che sia stato il più grande difensore di tutti i tempi!


Suola

Ben: La suola è minimalista e offre una copertura completa che ricorda l’amata Alpha Fly 3. Ciò rende particolarmente facile rotolare durante la corsa. Anche la suola sembra molto resistente e duratura e, dopo quindici miglia, non mostrava quasi alcuna usura.

Derek: La suola utilizza una semplice rete di gomma prevalentemente soffiata per la copertura. La gomma è flessibile e funziona bene anche su strade bagnate, ma la mia preoccupazione principale con questa mescola più morbida sarebbe la durabilità. Sembra molto simile alla gomma dell’avampiede utilizzata nelle New Balance RC Elite 2 e, cosa interessante, nelle Gara Carbon, anche la gomma del tallone è di tipo morbido.

Guida, conclusioni e raccomandazioni

Rayyan: In breve, si tratta di prestazioni superiori in un pacchetto molto comodo e attraente. Eccelle negli sforzi medio-duri su percorsi lunghi e veloci grazie alla sua corsa burrosa e all’intersuola morbida ma stabile. Non c’è alcuna curva di apprendimento o “abituarsi” qui: è desideroso di compiacere senza alcun passo falso evidente. La transizione è fluida durante l’intero passo, anche se potrebbe essere utilizzato un tocco in più di rocker per lavorare attraverso la morbida schiuma e agganciare la tavola nella parte anteriore. Preferisce uno stile da corridore a cui piace correre sulla parte centrale del piede e saltare verticalmente, piuttosto che rotolare dal tallone alla punta.

Come accennato in precedenza, la tomaia è un materiale piacevole che non darà fastidio a nessun tipo di piede grazie alla sua natura flessibile e alle dimensioni generose.

L’intersuola è un’interazione molto ben bilanciata tra stabilità e morbidezza e si adatta molto bene allo sfondo della tavola dura all’interno. L’aderenza della suola è ottima, nonostante alcune preoccupazioni sulla durata.

Sfortunatamente, le cose prendono una brutta piega quando viene affrontato il tema dei costi. A $ 300, è decisamente troppo caro e non vedo una ragione logica per cui Diadora cerchi di commercializzarlo a quel livello: nessuno crederebbe che batte una Vaporfly, Adios Pro o SC Elite solo per il prezzo premium. Ottima prestazione quella di Diadora, che però ha inciampato un po’ prima del traguardo.

Il punteggio di Ryan è 8,1/10 (Sconto significativo sul prezzo, nonché sul peso e sulla durata della tomaia e della suola)

Adamo: I miei pensieri qui tendono a riecheggiare Ryan. Questa è una scarpa da corsa/allenatore comoda e versatile e ovviamente una scarpa molto ben progettata. Ciò che mi preoccupa è dove si trova. Per una vera scarpa da corsa, vorrei che avesse un rocker più aggressivo e una schiuma più solida.

Come scarpa da ginnastica, è ottima per le lunghe distanze e la massima velocità, ma a $ 300 e con una durata della suola sconosciuta, questo è un acquisto difficile da giustificare rispetto alla rotazione di molte scarpe da tempo più economiche.

È una scarpa bella, ben progettata che funziona bene, ma ho difficoltà a vederne il valore nel suo stato e nel prezzo come acquisto personale. Tuttavia, vedere Diadora entrare nel mercato delle scarpe da corsa PEBA/Carbonio con un concorrente così forte, una tomaia comoda e una corsa vivace è emozionante e non vedo l’ora di vedere su cos’altro stanno lavorando.

READ  Il Covid ferma la riapertura del caseificio | Notizie, sport, lavoro

Punteggio di Adam: 8,7/10 😊😊😊😊


figlio Si tratta di una scarpa straordinariamente veloce e indossabile che non fa sacrifici in termini di traspirabilità o comfort. Anche se il prezzo può essere un deterrente, questa scarpa è pronta a competere con i capi di stato rivestiti in carbonio (Nike, Asics, Adidas…). Secondo me, la sua comodità avvicina le Jara ai vertici di questa scarpa. Elenco degli allenamenti maratona o di lunga distanza. Non c’è durezza o sentimento eccessivamente aggressivo qui; Sono morbidi perché hanno una dimensione davvero grande.

Anche se può essere scomodo a bassa velocità, suona benissimo a velocità più elevate.


Qui abbiamo qualcosa di dormiente di un marchio che sta ancora facendo progressi nell’arena operativa. Non dormire su Gaara!

😊😊😊😊😊

Tutti i sorrisi per me. Questa è una scarpa fantastica, divertente e veloce. Se riesci a capire il prezzo, questo è quanto di meglio si possa.

Derek: L’ho usato principalmente per corse su distanze con sforzo moderato fino a 20 km, nonché per alcuni tipi di allenamento con sforzo di soglia. Dato che la misura della scarpa è più alta, ho optato per calzini più spessi per le cose più veloci, per ottenere una vestibilità più uniforme. (Darn Tough sono i miei calzini spessi preferiti, anche qui a Singapore, per chi è curioso).

Il drop basso e il rocker moderato nell’avampiede sono chiaramente evidenti in questa scarpa. Pertanto, ho scoperto che al ritmo più lento, le transizioni sembravano pesanti e dovevo lavorare un po’ di più i muscoli delle gambe per mantenere le cose in movimento. Ad un ritmo più veloce, la scarpa diventa più liscia e il rimbalzo dell’avampiede aumenta in modo significativo. Ho anche notato che la sensazione del piatto suola non è troppo rigida in questa scarpa, il che significa che la scarpa non è eccessivamente rigida.

Anche la stabilità è generalmente buona poiché la scarpa ha una risposta molto coerente e prevedibile, indipendentemente da dove atterri. Penso che la scarpa funzioni meglio per i corridori con i piedi più grandi, che attaccano più in avanti o nella parte centrale del piede.

I corridori più pesanti potrebbero trovare questa scarpa troppo morbida. Gli attaccanti con tallone puro potrebbero soffrire di un atterraggio più basso e di un rocker più leggero. Questo grado di morbidezza e rocker moderato rendono la scarpa ideale per le maratone nell’arco di 3-4 ore, se riescono a gestire il calo dal tallone alla punta. Penso che la scarpa sia abbastanza stabile per la maggior parte dei corridori, ma è più una scarpa neutra.

Non sono del tutto sicuro di quanti prodotti Diadora verranno venduti a quel prezzo di $ 300. Se la storia insegna qualcosa, un prezzo elevato tende ad attrarre l’acquirente più esigente, ma se il tuo obiettivo è vendere ampiamente sul mercato, a meno che non sia qualcosa di veramente unico, potrebbe avere difficoltà a vendere.

Il punteggio di Derek è 8,73/10

Corsa (50%): 9 Vestibilità (30%): 8,5 Valore (15%): 8 Stile (5%): 9,5

Punti smiley 😊😊😊😊


4 confronti


Missile Hoka X2 (Recensione RTR)

Ben: Per me, la Jara è più robusta e ha un collare del tallone che sostiene di più, anche se è un po’ più pesante. Ha un’ammortizzazione più significativa, regge meglio negli allenamenti più lunghi e quasi sicuramente lo farà anche in una maratona. La punta è un po’ più generosa nelle Diadora. Andrò Gaara.

READ  PGA Tour: Hudson Swafford vince l'American Express; L'irlandese Seamus Power fatica a chiudere 74 | notizie sul golf

Derek: Indosso US9.5 in entrambi i modelli. Il razzo Il rocker non funziona bene per me perché non riesco a tenere le dita dei piedi costantemente in questa scarpa e quando faccio un passo indietro l’intero processo di transizione si interrompe. La Diadora, nonostante abbia un drop inferiore simile, sembra essere più versatile su una gamma più ampia di falcate, e la scarpa è più ammortizzata e nel complesso più divertente per me. Preferisco le Diadora Jara Carbon.

Asics Metaspeed Sky+ (Recensione RTR)

Ben: Non ho ancora testato il Meta Speed ​​​​Sky Paris, quindi il confronto sarà sufficiente. Penso che queste scarpe siano in realtà relativamente vicine. Entrambi sono molto portabili e hanno una vestibilità simile. Entrambi si sentono veloci quando affrontano senza la durezza di alcuni rivali. Immagino che solo per la velocità vinca l’Asics, ma per una scarpa più indossabile e tollerante durante la maratona, sceglierei la Gara.

Derek: Indosso US9.5 in entrambi i modelli. La Sky+ è un’altra scarpa dal taglio basso, ma con un avampiede più stabile rispetto al tallone. La schiuma è generalmente più rigida rispetto alla Diadora ed è più difficile generare rimbalzo e propulsione in questa scarpa. La Diadora è più morbida e facile da usare e immagino che per la maggior parte dei corridori dilettanti la Diadora sia una scarpa da corsa molto migliore nel complesso e, in particolare, una scarpa da maratona migliore per il pubblico di 3-4 ore.

Asics Metaspeed Edge Parigi (Recensione RTR)

Derek: Indosso US9.5 in entrambi i modelli. Il set Metaspeed Paris è notevolmente più morbido ed elastico rispetto al set +, e mentre sia Edge Paris che Gara Carbon hanno drop bassi, Edge Paris ha uno spostamento più aggressivo sulla curva della sua piastra in carbonio. A parte il rocker precedente, l’Edge Paris viaggia molto più velocemente della Gara Carbon, soprattutto a velocità più elevate. Trovo che entrambe le scarpe siano simili in termini di ammortizzazione. The Edge Paris presenta una tomaia più elegante. Penso che le persone con i piedi più grandi e forse le persone nella parte più lenta dello spettro della maratona dovrebbero restare con la Gara Carbon. Per tutti gli altri, la Edge Paris è probabilmente la scarpa da maratona più veloce e utile.

Nike Vaporfly 3 (Recensione RTR)

Ben: La VF ha devastato il tendine d’Achille e le caviglie. Per me, Jara offre più supporto, una base più ampia e un viaggio più ottimista. Il VF 3 era molto stretto, soprattutto nel tallone. Sceglierei Gara per quasi tutte le distanze.

Derek: Indosso US9.5 in entrambi i modelli. Il VF3 è molto diverso dal Gara Carbon in quanto ha un drop più tradizionale di 8 mm. L’avampiede risulta notevolmente più sottile sulla VF3 rispetto alla Gara Carbon. I precursori potrebbero preferire la Gara Carbon, ma generalmente penso che i corridori più veloci preferiranno la VF3 più solida e propulsiva, mentre i corridori più lenti trarranno beneficio dal rocker più morbido e dalla schiuma più morbida della Gara Carbon.

Indice di tutte le recensioni RTR Qui