Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Australian Bureau of Statistics mostra che l’Australia non è un paese a bassa tassazione

L’Australian Bureau of Statistics mostra che l’Australia non è un paese a bassa tassazione

La quota del gettito fiscale sul PIL – sia per il Commonwealth che per il totale nazionale – era più alta in passato, ma solo sei volte durante il boom delle risorse e dell’edilizia abitativa degli anni 2000, quando le entrate regolarmente e significativamente sorprendevano al di sopra delle stime prima della crisi colpita Finanza globale. Anche allora, il totale non ha superato il 30,4 per cento del PIL.

I risultati del bilancio federale per i primi nove mesi del 2022/23 indicano che la quota delle entrate salirà nuovamente al di sopra del 24%. L’unica cosa che potrebbe fermare un nuovo record per il tasso di dichiarazione dei redditi nazionale è la debolezza delle entrate fiscali demaniali. Tutto il resto va a gonfie vele.

Le entrate inseguiranno la spesa, senza mai recuperare.

Le cifre di cui sopra non includono le entrate delle entrate minerarie del governo standard, che vaghe regole statistiche sulle finanze pubbliche classificano come entrate non fiscali. Questa categoria ha raggiunto l’1,1% del PIL nel 2021/202 ed è probabile che aumenti nuovamente quest’anno.

Ciò che tutto ciò significa, molto semplicemente, è che le casse del governo sono colme di entrate in un momento in cui alcuni economisti e think tank affermano che le tasse devono essere aumentate – o eliminati gli sgravi fiscali – per soddisfare la pressione della crescente spesa pubblica.

Ad essere onesti, alcune di queste persone parlano del futuro tanto quanto del presente, e parte dell’attuale forza delle entrate è ciclica piuttosto che strutturale.

Tuttavia, le richieste di maggiori entrate in un momento di entrate quasi record sminuiscono l’ingenuità e eludono la conclusione alternativa che il problema numero uno non è la mancanza di entrate ma una spesa eccessiva.

READ  I lavoratori automobilistici in Italia riceveranno un aumento salariale del 6,5% quest'anno

L’argomentazione che sentiamo spesso è che se le tasse possono essere aumentate di poche decine di miliardi di dollari all’anno nel tempo, le entrate cresceranno più velocemente delle spese e il divario tra loro si ridurrà nettamente, risultando in bilanci in pareggio o eccedenze.

Ma questo è qualcosa che probabilmente accadrà solo su un foglio di calcolo economico. Nel caotico mondo reale dei budget, questa visione è un miraggio. Il fatto è che maggiori entrate dovrebbero allentare la pressione per contenere la spesa. Le entrate inseguiranno la spesa, senza mai recuperare.

Ma l’Australia non è un paese a tassazione relativamente bassa, un’affermazione ribadita di recente nel rapporto pre-budget del Grattan Institute?

Ci sono due problemi con questa storia. Il primo è che dipende totalmente dai molti paesi europei che tassano molto. La maggior parte dei paesi del Nord America e dell’Asia hanno oneri fiscali inferiori o simili a quelli dell’Australia, mentre quelli europei – ad eccezione di Svizzera e Irlanda – sono molto più elevati.

Se cerchiamo modelli di progresso economico, dovremmo guardare all’Europa – e in particolare ai paesi ad alta tassazione come Italia e Francia – piuttosto che alle stelle con performance economiche a bassa tassazione, ovvero Svizzera e Irlanda?

Inoltre, l’affermazione che l’Australia sia un paese a bassa tassazione si basa in gran parte sugli elevati contributi sociali obbligatori della maggior parte degli altri paesi sviluppati. Il punteggio di questo test è: media OCSE di 9 punti percentuali, Australia di zero.

Se i contributi sociali sono esclusi dai calcoli, che la tabella allegata segue in conformità con la pratica del FMI per il confronto internazionale, anche in questo caso l’Australia non è un paese a tassazione relativamente bassa.

READ  Crolla il Regno Unito, vince Meloni in Italia, indignazione russa

I contributi sociali sono principalmente i contributi dei dipendenti e dei datori di lavoro ai piani pensionistici statali. È legalmente classificata come tassa, ma l’equivalente australiano – contributi pensionistici obbligatori – non è una tassa perché costituisce un finanziamento privato per prestazioni pensionistiche speciali. Tuttavia, ha caratteristiche di tipo fiscale in quanto è una detrazione obbligatoria dai salari guadagnati in casa.

I contributi super obbligatori sono superiori al 4% del PIL e sulla buona strada per oltre il 5%, con la commissione super collateral che sale al 12,5%. Se vengono inclusi i contributi sociali dei paesi di confronto, allora l’SGC deve essere aggiunto al carico fiscale australiano per motivi di confronto, quindi di nuovo non sembriamo un paese a bassa tassazione.

Certamente, i regimi pensionistici privati ​​australiani non dovrebbero essere visti come una scusa per aumentare il carico fiscale per adeguarsi ad altri paesi con regimi pensionistici prevalentemente pubblici.

Da qualunque parte la si guardi, il suggerimento che l’Australia sia un paese a bassa tassazione è privo di contenuto come guida alla politica. I confronti internazionali forniscono un ulteriore supporto al cambiamento nella composizione delle nostre entrate fiscali, per cui le nostre imposte sui consumi sono basse e le imposte sul reddito sono elevate, ma questa è una questione diversa.