Settembre 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Australia ha una nuova interessante campagna governativa per attirare gli sviluppatori di giochi

Australia Has A Slick New Government Campaign To Lure Game Developers

Ci sono voluti anni prima che il governo australiano ricominciasse a sovvenzionare i videogiochi. Ma questa volta, le loro parole sembrano effettivamente essere supportate da una campagna di marketing a tutti gli effetti per attirare gli studi internazionali verso i profitti.

C’è un breve video di YouTube intitolato The Australian Game Show, che fa parte di una presentazione del team Global Business e Talent Attraction. Se questa agenzia non suona, non sono sorpreso: il loro canale YouTube Ha 13 abbonati al momento della scrittura.

La task force è una creazione recente come parte del piano post-COVID del governo federale per creare nuovi posti di lavoro. L’espansione del supporto per i videogiochi fa parte di questo, ma per accelerare davvero l’azione, L’Australia ha bisogno di editori più grandi per portare le loro operazioni sulle nostre coste.

Quindi la homepage della Taskforce ha una vasta sezione dedicata ai “giochi digitali”, con uno spettacolo teatrale stage Dead Static Drive, AO Tennis E altre salsicce australiane certificate, tra cui gioco dell’oca senza titoloe Progetto WingmanRealizzato da Perth Martello da guerra 40,000: Battle BreakerCiao notte E altri titoli in arrivo come coro e strade rotte.

Non sono sicuro che avrei rotolato con combattimento umano-Simile a “Get Over Here”, una citazione per la fine del video di presentazione, ma ehi.

“Nel 2021, un gioco su dieci sulla nuova piattaforma di videogiochi Apple Arcade di Apple sarà realizzato in Australia o Nuova Zelanda”, La pagina della task force dice. Un ulteriore tassello della presentazione, ovviamente rivolta ai migliori editori mondiali, è questa riga sullo “sviluppo continuo”:

READ  Recensione di Amazon Echo Dot (4a generazione): la nuova sfera di piccole dimensioni di Alexa | Amazon Alexa

Gli studi di sviluppo di giochi australiani sono in posizione ideale per supportare un ciclo di sviluppo continuo di 24 ore. Il nostro fuso orario significa che continuiamo a svilupparci mentre il Nord America e l’Europa dormono.

La pagina è ben costruita e contiene callout di alcuni dei più grandi sviluppatori del settore e altri volti.

C’è anche una scheda informativa di due pagine che sembra molto adattata a Call of Duty rally. Sarebbe appropriato in un senso: Progetto Wingman, Squadra e Lascia perdere l’inferno Tutti i giochi realizzati in Australia, il nuovo CEO di MicroProse vive in Valle del cacciatore, sebbene la pagina della Task Force del governo e i suoi materiali non richiedano la maggior parte di questi.

La pagina continua a notare che la maggior parte degli sviluppatori australiani sta lavorando sulla propria IP, il numero di laureati in giochi in Australia ogni anno (circa 3000) e c’è anche un video di Austrade Hammerhead Games Espansione Melbourne Melbourne, il Call of Duty studio.

Questo viene dal retro di un’altra linea sepolta in un annuncio dell’Arts Council of Australia. L’Agenzia federale ha recentemente pubblicato la sua strategia per la cultura digitale Per i prossimi anniche ha invitato l’organizzazione a “indagare percorsi più chiari per finanziare artisti nei giochi, nella realtà virtuale, nella realtà aumentata e nell’intelligenza artificiale”.

“C’è un’opportunità di associarsi e collaborare con l’industria dei giochi, nonché con l’industria dello schermo e della tecnologia. Sono necessari più investimenti e piattaforme che consentano una maggiore connettività tra questi settori”, Carta aggiunta.

immagine: Consiglio australiano per le arti
immagine: Consiglio australiano per le arti

È più rumoroso di quanto abbiamo sentito prima da Canberra quando si tratta di videogiochi, anche se ci sono ancora molti mattoni nel muro che devono essere costruiti. Innanzitutto, non abbiamo dettagli su come funzionerà la detrazione fiscale del 30% del governo australiano per la produzione di videogiochi, se saranno accessibili da indipendenti o se i prodotti di gioco vicini come eventi e tornei di eSport si qualificano. Né abbiamo sentito molto sul NSW, anche se il ministro delle Arti Don Harwin ha sottolineato a maggio فيفي Il governo statale era finalmente pronto a sostenere l’industria.

READ  Samsung consente ai possessori di smartphone Galaxy di gestire le criptovalute senza portafogli hardware

Ma un po’ di rumore è meglio di nessun rumore. E già che siamo in tema, Forse il governo può ritirare questo rapporto nelle linee guida di classificazione e risolverli mentre ci sono. Dopotutto, è seduto al seguito solo da più di un anno.