Giugno 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Australia ha 45 Hornet F/A-18 che può fornire a Kiev

L’Australia ha 45 Hornet F/A-18 che può fornire a Kiev

L’Ucraina non perde, ma nemmeno vince. È improbabile che Putin chieda la pace a meno che non affronti la sconfitta. C’è forse solo un modo per l’Australia di avere un’influenza decisiva sul risultato: dare all’Ucraina alcuni dei cacciabombardieri F/A-18 Hornet in pensione che ha ancora e non ha venduto.

Due seri teorici militari australiani, il dottor Ross Babbage e il dottor Peter Dean, sostengono, a determinate condizioni, la consegna di aerei da parte della Royal Australian Air Force.

Ungheria, Svizzera, Australia

L’Australia dovrebbe fare di più? Il contributo del governo di 500 milioni di dollari alla difesa dell’Ucraina è encomiabile, ma non eccezionale. In base alle dimensioni dell’economia, gli aiuti militari sono al 26° posto su 37 donatori, dall’Estonia alla Corea del Sud, secondo i calcoli dell’Istituto di Kiel per l’economia mondiale.

L’Australia, che ha perso 27 cittadini sul volo 17 della Malaysia Airlines sopra l’Ucraina nel 2014, ha offerto tanto aiuto, relativamente parlando, quanto l’Ungheria, guidata da un governo russo simpatizzante per l’estrema destra, e la Svizzera, che è stata neutrale per 500 anni. .

Negli ambienti internazionali, gran parte del dibattito sull’aviazione ucraina si concentra sugli F-16, che sono gli aerei da combattimento più numerosi. L’F/A-18, ritirato dalla RAAF nel 2021, è un modello precedente simile e svolge gli stessi ruoli di combattimento dell’F-16. Entrambi sono della stessa epoca dei MiG-29 e dei Sukhoi Su-27 che sono ancora usati dagli ucraini.

Un malinteso comune, anche tra gli esperti militari, è che l’Australia non possieda più i cosiddetti Classic Hornet, che sono stati sostituiti dai più grandi Super Hornet.

READ  Le migliori università di Sydney regrediscono nel QS World Rankings 2023

Rifornimento di carburante AF / A-18 Classic Hornet nel 2017. difesa australiana

Nel 2019, il governo di Morrison ha accettato di vendere 25 dei 75 velivoli che aveva originariamente acquistato alla Royal Canadian Air Force per C $ 90 milioni, o circa $ 4 milioni ciascuno.

Nel 2020, l’allora segretario all’industria della difesa Melissa Price Egli ha detto E “fino a 46” degli aeromobili rimanenti saranno venduti a una compagnia di addestramento aereo statunitense. Tre anni dopo, otto anni sono dedicati ai musei e uno alla formazione. Il resto è ancora in deposito. Il Dipartimento della Difesa non specificherà dove si trova il resto dell’aereo. L’affare per venderlo sembra essere fallito.

“Stiamo ancora aspettando di ottenerlo”, afferma Eric Doyle, CEO di RAVN Aero con sede a Houston. “Siamo ottimisti. Non abbiamo bisogno di tutti loro.”

Secondo Doyle, l’aereo è in ottime condizioni e viene fornito con pezzi di ricambio. Il che significa che, all’interno di un membro dell’alleanza militare ucraina, c’è un surplus di aerei da combattimento sufficiente per un’intera forza aerea di medie dimensioni.

Chiudi i nostri cieli

L’aeronautica ucraina aveva circa 70 MiG-29 e Su-27 nel 2000, secondo l’International Institute for Strategic Studies con sede a Londra.

Non aveva abbastanza pezzi di ricambio per sostenersi, ha detto lo scorso anno il presidente Volodymyr Zelensky al Congresso degli Stati Uniti, e aveva bisogno di qualcos’altro per “chiudere i nostri cieli a missili e aerei russi”.

L’aereo moderno è uno dei più richiesti dal governo ucraino. Volando alla velocità del suono o al di sopra, possono abbattere i bombardieri russi che cercano di distruggere la rete elettrica dell’Ucraina con missili da crociera, devastare le basi nemiche molto dietro le linee del fronte e distruggere le batterie di missili antiaerei già con missili di rilevamento delle radiazioni. Fornito da noi.

READ  Bambini nigeriani liberati dopo essere stati rapiti da scuola

Un pilota russo di Su-25 in missione in Ucraina l’anno scorso.

“Se gli americani e gli inglesi fossero d’accordo, sarei certamente aperto a questo”, afferma Ross Babbage, ex funzionario del Dipartimento della Difesa e dell’agenzia di intelligence che ora è consigliere speciale per la politica di difesa. “Non abbiamo più bisogno di loro”.

Il costo finanziario e politico

Legalmente, poiché gli F/A-18 sono fabbricati negli Stati Uniti, sarebbe necessaria l’approvazione dell’amministrazione Biden. Potrebbero esserci vantaggi negli Stati Uniti e in Europa che consentono all’Australia di andare per prima. In quanto relativamente estraneo al conflitto, il governo australiano può rendere più facile per altre nazioni portare avanti il ​​conflitto con un basso costo finanziario o politico.

“Non ho alcun problema con gli aerei da combattimento”, afferma Peter Dean, direttore della politica estera e di difesa presso il Center for US Studies dell’Università di Sydney. “Quello che stiamo cercando di fare è mantenere l’equilibrio militare qui”.

Ma la richiesta avanzata dal professor Dean e da altri esperti è che qualsiasi velivolo venga fornito come parte di una strategia internazionale globale per armare l’aeronautica militare ucraina. Comprenderà addestramento, armi, carburante e pezzi di ricambio.

Il 20 ottobre 1981 il segretario alla Difesa Jim Killeen annunciò che il governo avrebbe acquistato l’F/A-18 Hornet. Con lui c’era il capo di stato maggiore delle forze di difesa, l’ammiraglio Sir Anthony Sinnott.

Mentre ci vuole almeno un anno per padroneggiare l’F-16, ai piloti ucraini può essere insegnato a fare “un numero limitato di cose… in pochi mesi”, secondo il senatore americano Mark Kelly, un ex pilota di caccia della Marina degli Stati Uniti.

READ  Guerra russo-ucraina: il soldato russo perde la battaglia per chiudere le porte nella "battaglia della Techno House"

Gli F/A-18 hanno la stessa complessità. L’Australia ha anche eccellenti strutture per l’addestramento dei piloti, secondo John Blaxland, uno specialista della difesa presso l’Australian National University.

Per il primo ministro Anthony Albanese, il ministro degli Esteri Penny Wong e il segretario alla Difesa Richard Marlis, è un’opportunità per rendere l’Australia – e se stessa – figure importanti nel più grande conflitto europeo dalla seconda guerra mondiale.

Tirando fuori dal deposito alcuni vecchi aerei, possono contribuire a plasmare la storia.