Luglio 13, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lauren Graham legge un’anteprima del romanzo One Italian Summer di Rebecca Cearley.

Lauren Graham legge un’anteprima del romanzo One Italian Summer di Rebecca Cearley.

Rebecca Searle ha una cura per la voglia di viaggiare. L’autrice, che ha conquistato il mercato delle commedie romantiche letterarie, porterà in Europa il suo settimo romanzo. Un’estate italiana Segue la protagonista Katie dopo che sua madre muore prima del loro viaggio programmato a Positano, dove dovevano ricreare l’estate in cui i genitori di Katie si incontrarono per la prima volta. Quando Katie decide di viaggiare in Italia da sola, incontra misteriosamente una versione trentenne di sua madre.

Un’estate italiana Arriverà sugli scaffali il 1 marzo, ma EW offre un estratto esclusivo dal capitolo 3 di seguito. Oppure puoi ascoltare la versione dell’audiolibro qui sopra, letta nientemeno che da Lauren Graham.

Rebecca Cearley è l’autrice di Un’estate italiana.
Per gentile concessione di Rebecca Searley; Libri dell’Atria

Estratto da Un’estate italiana, di Rebecca Cearley

Capitolo III

Positano non è un posto facile da raggiungere. Devi prima volare a Roma, poi devi andare dall’aeroporto di Roma alla stazione ferroviaria di Roma, dove poi prendere il treno per Napoli. Da Napoli è necessario trovare un volo attraverso la costa fino a Positano. Sono arrivato a Roma tredici ore dopo aver lasciato Los Angeles sorprendentemente riposato. Non sono un buon pilota, non lo sono mai stato. Questo è il viaggio più lungo che abbia mai fatto, per non parlare dell’unico viaggio che abbia mai fatto da solo. Ma sono stranamente calmo durante il volo. Finché non dormo.

La stazione ferroviaria è a un breve tragitto in taxi e il viaggio verso Napoli dura una bella ora e mezza attraverso la campagna italiana. Ho sempre amato il treno. Quando Eric ed io vivevamo a New York, a volte prendevamo il treno per Boston per vedere la sua famiglia. Amavo il suo teatro: come potevi guardare fuori e vedere la stagione in cui era, in mostra lì. Il fogliame rosso bruciato e arancione in autunno e la neve sul terreno a dicembre segnano l’inizio delle vacanze come un pennarello rosso su un calendario stampato.

La campagna italiana è esattamente come la immagini: verdi colline, piccole case e il colore delle fattorie mescolato con l’azzurro brillante del cielo.

Quando sono arrivato alla stazione ferroviaria di Napoli, ho visto un uomo dell’Hotel Poseidon con in mano un cartello che diceva Katy argento-Sorrido.

Non sono a Erewon a fare la spesa per la settimana, e voglio chiamarla e dirle che hanno olio d’oliva per due al prezzo di uno, e ne vorrebbe un po’? Non sono in fondo alla Freeman Valley, a fissare la strada, aspettando che lei si unisca a me nel nostro giro del fine settimana. Non sono da Pressed Juicery, ad aspettare che lei entri a San Vicente con il suo cappello a tesa larga e compri per entrambi i Greens 3. Non sono a casa; Non mi piace. Sono in un posto nuovo, dove devo essere intelligente, vigile e presente. Mi costringe ad immergermi nel momento in un modo che non mi capitava da un anno, forse nemmeno mai. Quando mia madre era malata, era tutta una questione di futuro, preoccupandosi di ciò che sarebbe successo, di ciò che sarebbe potuto accadere. Qui non c’è spazio per il pensiero, solo per l’azione.

READ  Il canadese ora possiede una partecipazione in una squadra di calcio europea di livello inferiore - e non è Ryan Reynolds

Abbiamo scelto l’Hotel Poseidon perché era molto vicino a dove mia madre soggiornò molti anni fa e anche un albergo che ricorda con affetto. “Avevano il personale migliore”, ha detto. “Davvero brave persone.” L’albergo era vecchio, tutto, come diceva mia madre, in Italia è vecchio. Ma era affascinante, bella e calda. “Aveva così tanto carattere e vita”, ha detto mia madre. Il balcone era destinato a morire, in qualche modo, costantemente inondato di luce solare. Ho consegnato la mia borsa all’autista di nome Reynaldo (l’hotel è stato così gentile da mandare qualcuno a prendermi alla stazione ferroviaria) e sono salito sul retro della berlina. L’auto è una Mercedes, dato che in Europa ci sono molti taxi regolari, ma è comunque confortevole. Una Honda Civic mi ha lasciato al LAX. “Buongiorno, Katie,” dice Rinaldo. È un uomo corpulento, non più che cinquantenne, con un sorriso segreto e quello che immagino sia un temperamento paziente. “Benvenuti a Napoli.”

Il viaggio fuori Napoli è pittoresco – condomini con donne che stendono i vestiti alle corde, minuscole case di fango, un groviglio di vegetazione selvaggia – ma quando raggiungiamo la costa, la vera gioia inizia a manifestarsi. La Costiera Amalfitana non è così lontana davanti a noi quanto ci invita ad avvicinarci. Scorci di mare cristallino e di case costruite sulla collina.

“È assolutamente bellissimo”, dico. “Aspetta”, mi dice Reynaldo. “Sto aspettando.”

Quando finalmente arrivammo a Positano, capii cosa intendeva. Dall’alto della strada tortuosa è possibile vedere l’intera città. Hotel e case colorati sono scolpiti nella roccia come se fossero dipinti lì. L’intera città è costruita attorno alla baia del mare. Sembra una passerella e ha le prestazioni dell’oceano. Acqua blu meravigliosa e scintillante.

“Bellissima, vero?” dice Rinaldo. “Buono per la foto.”

Afferro la fiancata dell’auto e abbasso il finestrino.

L’aria era calda e densa e man mano che ci avvicinavamo sempre più alla città cominciavo a sentire il suono delle cicale. Cantano, le delizie estive sono in pieno svolgimento.

Abbiamo scelto giugno per il viaggio perché era ancora un po’ in anticipo rispetto alla stagione turistica. Mia madre diceva che quando arriva luglio è come un manicomio. È meglio andare a giugno, quando le cose sono meno turistiche e meno affollate. Voleva poter camminare per le strade senza essere assalita dagli influencer.

READ  Pinocchio di Guillermo del Toro non è un "film da babysitter"

Mi sono stati inviati elenchi di prenotazioni per la cena da effettuare e luoghi da visitare da amici. Noleggio barche per gite giornaliere a Capri e stabilimenti balneari in riva all’oceano che richiedono il servizio taxi acqueo. Ristoranti in alta collina senza menù e infinite portate di prodotti freschi di fattoria. Li ho mandati tutti a mia madre e lei ha pianificato tutto. Nelle mie mani c’è il nostro itinerario, segnato al minuto. L’ho messo nella mia borsa.

Mentre scendevamo, ho incontrato le vicissitudini della vita estiva nella piccola città. Le donne anziane stanno sulle piste e parlano. Ci sono uomini e donne a bordo della Vespa, i rumori dell’attività nel tardo pomeriggio. Alcuni turisti lungo il piccolo molo hanno tirato fuori i telefoni e hanno scattato foto. È estate in Italia e, anche se sono quasi le cinque, il cielo è ancora luminoso e soleggiato. Il sole è alto nel cielo e il Mar Tirreno scintilla. Barche bianche siedono sull’acqua in file, come aiuole. È una bellezza che non può essere misurata, poiché il sole sembra toccare tutto in una volta. Espiro, espiro ed espiro.

“Ah, eccoci qui”, dice Reynaldo.

Arriviamo al Poseidon Hotel che, come il resto della città, è situato sul fianco di una collina. L’ingresso è completamente bianco e presenta una scala in moquette verde. All’ingresso ci sono fiori dai colori vivaci in piante in vaso.

Apro la portiera della macchina e vengo subito accolto da una sensazione calda ma accogliente. Caldo nel suo abbraccio, per nulla opprimente.

Reynaldo prese la mia borsa dal bagagliaio e salì le scale con loro. Prendo i soldi che ho cambiato all’aeroporto – una delle regole di Carole era di non cambiare mai i soldi all’aeroporto, e lei ha detto che il tasso di cambio era pessimo, ma io ero disperata – e gli consegno delle banconote integre.

“Grazie”, dico. “Goditi Positano”, mi ha detto. “È un posto molto speciale.” Salii i gradini fino all’ingresso e fui accolto da un’ondata di aria fredda proveniente dal corridoio aperto. Sulla sinistra c’è una scala a chiocciola che porta al secondo piano. Il banco di accoglienza è sulla destra. Dietro di lui c’è una donna che sembra essere sulla cinquantina. Ha lunghi capelli scuri che le scendono lungo la schiena. Accanto a lei c’è un giovane che parla in un italiano chiaro.

“Ovviamente abbiamo un ristorante! È il migliore!”

Ho salutato la donna e lei mi ha rivolto un sorriso caldo e accogliente.

“Bonasera, signora. Come posso aiutarla?” È bellissima, questa donna.

“Ehi, faccio il check-in. È sotto Silver.”

Qualcosa mi picchiettò sul petto, freddo e duro.

“SÌ.” Il volto della donna si addolcisce con misericordia. C’è tenerezza dietro i suoi occhi. “Sei con noi solo questa settimana, vero?”

READ  I produttori italiani Mario Giannianni e Lorenzo Meli entrano nel Mediawan Fold

Sono d’accordo. “solo io.”

“Ciao”, disse, mettendosi la mano sul cuore. Il suo viso irradia un sorriso. “Positano è un ottimo posto per vivere da soli e l’Hotel Poseidon è un ottimo posto per fare amicizia.”

Mi diede le chiavi della stanza 33. Salii le scale fino al pianerottolo, poi presi il piccolo ascensore fino al terzo piano. Devo chiudere le porte prima che la macchina si muova. Ci vogliono circa cinque minuti per salire su entrambe le rampe e mi impegno a fare le scale per tutto il tempo che sono qui. Questa era un’altra delle regole di Carol Silver: non prendere mai l’ascensore se puoi fare le scale, e non dovrai fare esercizio nemmeno per un giorno nella tua vita. Quando vivevo a New York, questo era certamente vero, ma a Los Angeles non funziona del tutto.

La mia stanza è in fondo al corridoio. C’è una piccola biblioteca proprio fuori, piena di libri. Uso la chiave e giro la maniglia della porta.

All’interno, la stanza è scarsa e piena di luce. Ci sono due letti gemelli, composti da lenzuola bianche e piccoli piumoni, situati dall’altro lato di due armadi identici. Da un lato della stanza c’è un armadio, e dall’altro lato c’è una serie di porte-finestre aperte per accogliere il sole pomeridiano. Mi avvicino a loro e poi esco sul balcone.

Sebbene la stanza sia piccola, il balcone è quasi altrettanto esteso. Si affaccia su tutta la città. Le viste panoramiche si estendono dalle colline giù oltre gli alberghi, le case e i negozi fino al mare. Direttamente sotto di me a sinistra c’è la piscina. C’è una coppia nell’acqua, appesa su un fianco, con i bicchieri di vino sul bordo. Sento gli spruzzi d’acqua, il tintinnio dei bicchieri e le risate.

sono qui, Io sospetto. È davvero l’Italia sotto di me. Non guardo un film nella stanza dei miei genitori o sul divano da Culver. Questa non è la colonna sonora o l’immagine. È la vita reale. Nella maggior parte dei posti al mondo non sono mai stato, non l’ho mai incontrato. Ma sono qui adesso. È qualcosa. questo è l’inizio.

Respiro l’aria fresca di questo posto che sembra grondare estate. C’è così tanta bellezza qui. Lei aveva ragione.

Torno dentro. Sto facendo la doccia. Scarico tutto in una volta, figlia di mamma, e poi cammino di nuovo sotto il portico. Mi siedo sulla sdraio e metto i piedi sotto. Intorno a me l’Italia si gonfia. Sento l’aria piena di calore, cibo e memoria.

l’ho fatto“Lo dico, ma solo io posso sentire.

Contenuto relativo: