Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’attore e produttore del film Monster aveva 91 anni

L’attore e produttore del film Monster aveva 91 anni

Mark Damon, protagonista del classico horror Vincent Price Casa di Asher e spaghetti western prima di rivoluzionare le vendite estere, la distribuzione cinematografica e la produzione di lungometraggi, tra cui… 9 settimane e mezzo, Mostro E l’unico sopravvissuto, È morto. Aveva 91 anni.

Damon è morto domenica per cause naturali a Los Angeles, ha detto sua figlia, Alexis Damon-Ribaud Reporter di Hollywood.

Damon ha trascorso i primi vent’anni della sua carriera come attore, di cui circa dodici anni come protagonista di film d’azione italiani, prima di dedicarsi al mondo degli affari.

Ha avuto presto successo come produttore esecutivo di due film scritti e diretti da Wolfgang Petersen: un dramma in lingua tedesca sulla Seconda Guerra Mondiale Il bot (1981), che ha ricevuto sei nomination agli Oscar, e La storia infinita (1984), un film fantasy ad alto budget che presentava una colonna sonora commissionata da Damon a Giorgio Moroder per un pubblico non tedesco.

Ha condiviso l’Independent Spirit Award con la regista Patty Jenkins e altri Mostro (2003), con Charlize Theron nel ruolo della serial killer della vita reale vincitrice dell’Oscar Aileen Wuornos.

Damon ha prodotto o è stato produttore esecutivo di circa cinquanta film durante la sua carriera, tra cui Adrian Lyne 9 settimane e mezzo (1986), John Badham Corto circuito (1986), di Joel Schumacher I ragazzi scomparsi (1987), Stalingrado (1993), Il libro della giungla (1994), Trey Parker Orgasmo (1997), Cane delle Fiandre (1999), Il lato positivo della rabbia (2005), Balthasar Kormákur 2 pistole (2013), Peter Berg l’unico sopravvissuto (2013), Ultima misurazione completa (2019) e Willie il paese delle meraviglie (2021).

READ  GUARDA: Ena Filho sposa il suo partner del museo d'arte italiano

Nato Alan Harris a Chicago il 22 aprile 1933, Damon ha frequentato la Fairfax High School e l’UCLA, studiando recitazione con Lee Strasberg e Sanford Meisner e alloggiando con Jack Nicholson.

Ha avuto un anno di successo come attore nel 1956, apparendo nello show televisivo della CBS. Alfred Hitchcock presenta E nei film All’interno di Detroit, Aquile urlanti E Richard Fleischer Tra il paradiso e l’inferno.

Si è laureato al grado di protagonista con Giovane e pericoloso (1957) e Distruttori di feste (1958) – Entrambi al fianco di Connie Stevens – Plus La vita inizia alle 17 (1958), Questa razza ribelle (1960) e poi AIP Casa di Asher (1960) del produttore e regista Roger Corman.

Per la sua interpretazione del fidanzato di una donna (Myrna Fahey) il cui fratello pazzo (Pryce) cerca disperatamente di impedire loro di sposarsi, Damon ha ricevuto un Golden Globe come esordiente più promettente.

Quando aveva 28 anni andò in Italia e recitò in western. “Sono rimasto sorpreso perché non avevo mai cavalcato un cavallo in vita mia”, ha detto. ha detto in un’intervista del 2014. “I cowboy dovevano essere alti e biondi, e io non sono così alto. I miei capelli erano molto scuri allora, ma loro dissero: ‘Non importa.’ Ho detto okay e ho imparato ad andare a cavallo.

Ha recitato in Italia nel film di Sergio Corbucci Il giorno più corto (1963), Mario Bava Sabato Nero (1963), Figlio di Cleopatra (1964), Agente segreto 777 (1965), Ringo e la sua pistola d’oro (1966), Johnny un giorno (1966), Treno per Durango (1968), Giovane, malvagio e brutale (1968), Predicatore armato di pistole (1971), Cripta dei morti viventi (1973) e Pop, e gli angeli cantano (1974).

Ringo e la sua pistola d'oro (alias Johnny Oro), Mark Damon, 1966.

Mark Damon nel film del 1966 “Ringo e la sua pistola d’oro”.

Per gentile concessione della collezione Everett

Quando Damon si ritrovò a essere un modello e il West divenne sacrificabile, smise di recitare per trovare qualcos’altro da fare e nel 1975 trovò lavoro presso un distributore cinematografico italiano che lo pagava 1.000 dollari al mese. “Mi volevano davvero perché pensavano che conoscessi tutti a Hollywood e che potessi ottenere film più grandi per loro”, ha detto.

A quel tempo, i principali studi americani gestivano le vendite all’estero, ma credeva che le società nazionali avrebbero potuto ottenere più incassi dai film.

“È un distributore indipendente all’estero che sta investendo i propri soldi in un film, e combatterà ancora più duramente, non solo nelle grandi città ma anche nelle province, per realizzare quel film, perché sono in gioco i suoi soldi.” Lui ha detto al produttore/podcaster Matthew Helderman nel 2020. “Le grandi aziende hanno dipendenti che si preoccupano solo del loro stipendio.”

Damon ha detto che ci sono voluti circa sette anni prima di dimostrare finalmente che gli indipendenti potevano fare meglio degli studi cinematografici.

Ritornò negli Stati Uniti nel 1977 e fondò la società di produzione e vendita Producers Sales Organization. il prossimo Il bot E La storia infinitaPSO ha gestito le vendite estere per Martin Scorsese Re della commedia (1982) e C’era una volta in America (1984).

Dopo il fallimento di PSO, nel 1987, insieme a John Peters e Peter Guber, fondò Vision International, che fu infine venduta al Credit Lyonaisse. Nel 1993, Dimon ha lanciato la società di produzione, vendita e distribuzione MDP Worldwide, che è stata quotata in borsa. Un decennio dopo, divenne Media 8 Entertainment, per poi presentare istanza di protezione dal fallimento nel 2012.

Nel 1980 è stato uno dei fondatori dell’American Film Marketing Association, ora conosciuta come Independent Film and Television Alliance, e ha pubblicato un libro, Dai cowboy ai mongoli ai mostri: la storia infinita del pioniere del cinema Mark Damonnel 2008.

Oltre a sua figlia, tra i sopravvissuti c’è la sua seconda moglie, l’attrice Margaret Markoff, che sposò nell’ottobre del 1976: si incontrarono per la prima volta quando lei recitava in un film. L’anello (1974), che ha prodotto con Corman – suo figlio Jonathan; e suo cognato Matteo.

“La mia fama starebbe nel fatto che, provenendo da un background di recitazione, sono diventato quello che chiamano il padrino dei film indipendenti. Il ragazzo che ha inventato il business delle vendite all’estero. È il ragazzo che ha inventato il modo di finanziare i film”, ha detto Damon nel libro di Luke Ford del 2004. Produttori: sprazzi di frustrazione.

“Come ha fatto qualcuno a fare quello che ho fatto? Perché non sapevo niente di meglio, sono arrivato con un nuovo punto di vista perché ero un attore e non sapevo niente.”