Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L'asteroide Demomorphos appare molto diverso dopo che la missione DART della NASA lo ha rimosso

L'asteroide Demomorphos appare molto diverso dopo che la missione DART della NASA lo ha rimosso

Nel settembre 2022 l'A Una navicella spaziale della NASA si è scontrata con un piccolo asteroide Per rimuoverlo dal suo percorso orbitale. La missione era A Successo nel testare il metodo di deflessione degli asteroidi Ciò potrebbe tornare utile un giorno, ma invece di lasciare dietro di sé un cratere da impatto, la collisione orbitale ha cambiato completamente la forma dell’asteroide bersaglio, rivelando la sua composizione sostituibile.

Un team di ricercatori ha simulato l'impatto del Double Asteroid Redirection Test della NASA, o DART, per rivelare come Dimorphos, una roccia spaziale larga 170 metri (558 piedi) in orbita attorno al suo pianeta più grande, largo 800 metri (2.625 piedi) , è stato deviato. Metro) Compagno Didimo. Nel nuovo Stare Pubblicato in astronomia naturale, Le simulazioni mostrano che l'impatto ha provocato un significativo rimodellamento e riemersione dell'asteroide Demorphos.

“Le nostre simulazioni hanno rivelato che Dimorphos è probabilmente un asteroide ricoperto di macerie”, ha detto a Gizmodo in una e-mail Sabina Raducan, scienziata planetaria dell'Università di Berna, in Svizzera, e autrice principale dello studio. “Prima che DART arrivasse a Dimorphos, non sapevamo cosa aspettarci perché il sistema è così lontano dalla Terra”.

La navicella spaziale da 1.340 libbre della NASA si è scontrata con la Luna il 26 settembre 2022, dopo un viaggio di 10 mesi verso il sistema binario di asteroidi. I dati raccolti dai radiotelescopi ottici e radiotelescopi terrestri mostrano che, dopo l'impatto, il periodo orbitale di Demorphos attorno a Didymos si è ridotto da 11 ore e 55 minuti a 11 ore e 23 minuti.

READ  La medusa da sei milioni di dollari

Utilizzando il codice di impatto dell'idrodinamica delle particelle levigate (SPH), il team ha eseguito 250 simulazioni per riprodurre le prime due ore dell'asteroide dopo l'impatto. Gli scienziati stimano che l'1% dell'intera massa di Dimorphos sia stata espulsa nello spazio dopo la collisione con la navicella spaziale DART e circa l'8% della sua massa sia stata spostata attorno al suo corpo.

I risultati mostrano non solo cosa potrebbe essere successo all’asteroide dopo che la navicella spaziale lo ha colpito, ma anche la composizione del dimorphos stesso. Lo studio indica che l’asteroide è un mucchio di macerie tenute insieme grazie alla sua debole gravità piuttosto che alla sua forza coesiva. Pertanto, l'impatto di DART ha creato un materiale espulso a forma di cono molto più ampio o una colonna di materiale che si estendeva fino a 160 gradi e ha continuato ad espandersi dopo l'impatto a causa della debole gravità che tiene insieme l'asteroide e della bassa coesione del materiale.

Simulazione che mostra l'asteroide circa 178 secondi dopo l'impatto.
GIF: SD Radukan (UNIBE)/C. Manzoni/BHmaggio

I risultati dello studio indicano anche che il piccolo asteroide Demorphos probabilmente si è formato da materiale scartato da Didymos, che è stato riassemblato e legato gravitazionalmente per orbitare attorno all’asteroide più grande come una piccola luna. “Questi risultati forniscono indizi sulla prevalenza e le proprietà di sistemi binari simili nel nostro sistema solare, contribuendo ad una più ampia comprensione della storia della loro formazione ed evoluzione”, ha detto Raducan.

L'Agenzia spaziale europea (ESA) sta pianificando una missione di follow-up sulla coppia binaria di rocce spaziali per dare un'occhiata più da vicino ai cambiamenti apportati a Dimorphos dopo il suo incontro con DART. Il lancio è previsto da parte dell'Agenzia spaziale europea La missione di Era Nel 2024, che incontrerà Didymos e la sua luna nel 2026.

Le osservazioni di follow-up potrebbero fornire indizi su come si sono formati gli asteroidi e aiutare a definire meglio i modi per deviare gli asteroidi per prepararsi a una potenziale collisione con la Terra.

“L'implicazione per la difesa planetaria è che piccoli asteroidi costituiti da cumuli di macerie, come i dimorphos, sono molto efficaci nella deflessione, e la tecnologia dell'impatto cinetico sarebbe un meccanismo di deflessione adatto”, ha detto Raducan. “Tuttavia, prima di tentare la deviazione, sarà probabilmente necessaria una missione di ricognizione per valutare con precisione le proprietà dell'asteroide.”

Per ulteriori viaggi nello spazio nella tua vita, seguici X (precedentemente Twitter) e segnalibro personalizzato Gizmodo Pagina del volo spaziale.