Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’assenza della COP27 di Anthony Albanese solleva dubbi di vecchia data sulla determinazione dell’Australia per l’energia verde

Quella serie di vittorie è chiaramente più che sufficiente per soddisfare i sostenitori e i sostenitori dell’Albanese, che lo scorso anno erano più che disposti a fondersi con Morrison. Ma la mancanza di coerenza del primo ministro è sorprendente e rivelatrice.

Gli altri leader la vedono diversamente

Sunak è un uomo sottoposto a un’enorme pressione interna, molto più di ogni altra cosa che Albanese deve affrontare: con l’economia britannica sull’orlo di una prolungata recessione e il Partito conservatore in caduta libera. Biden emergerà da quelle che saranno probabilmente le devastanti elezioni di medio termine che ha perso martedì, che i repubblicani stanno eseguendo spietatamente a causa dell’inflazione e delle preoccupazioni economiche.

Gli altri grandi nomi diretti in Egitto – Schulz, Macron e Meloni – stanno dando la priorità al vertice “prendilo” di quest’anno anche se l’Europa si sta dirigendo verso quella che potrebbe rivelarsi la peggiore crisi energetica invernale in mezzo secolo.

Non c’è dubbio che l’albanese l’avesse già fatto Occupato programma di viaggio internazionale Da quando è entrato in carica a maggio. Parteciperà al vertice del G20 di questo mese a Bali, al vertice dell’ASEAN in Cambogia e all’incontro dell’APEC in Thailandia. È molto.

Ma poiché il governo invia il ministro dei cambiamenti climatici e dell’energia Chris Bowen in Egitto per una seconda settimana, l’assenza del primo ministro dal vertice sul clima di quest’anno è più di un’omissione simbolica. In realtà scava nella promessa pre-elettorale del Labour di cercare sostegno globale per l’Australia Per ospitare il Summit delle Nazioni Unite sul clima 2024.

paesi al vertice per POLIZIOTTO Una COP viene assegnata ogni anno da uno dei cinque gruppi regionali delle Nazioni Unite. L’Australia si trova nel gruppo dell’Europa occidentale e degli altri paesi. Ciò significa che l’Occidente ospita un vertice una volta ogni cinque anni e l’incontro di Glasgow dell’anno scorso lascia aperto il posto successivo nel 2026.

READ  Operazioni di oggi Fusioni e acquisizioni

Nel 2024 subentrerà all’Europa orientale, ma potrebbe essere riportato in Occidente se i due blocchi accettano di scambiare gli anni loro assegnati.

Allo stesso tempo, l’Australia deve affrontare la concorrenza, tra cui Germania e Svizzera, tra gli altri paesi. In altre parole, vincere la COP 2024 richiede una significativa spesa in conto capitale diplomatico.

Non presentarsi è un brutto segno per un ospite ambizioso

Lo riferisce Michael Grattan L’attenzione del Partito Laburista è ora sull’edizione 2026. Ma anche questo richiederà uno sforzo. afferma Richie Merzian, direttore del clima e dell’energia presso l’Australia Institute.

Ha detto in un altro modo: non puoi promettere dicendo che ospiterai la prossima festa ma non andrai a quella festa.

Non è del tutto chiaro fino a che punto questo infastidirà la maggior parte degli australiani. Non a molti importerà affatto. Ma il no-show non riguarda solo i diritti di hosting, soprattutto per le aziende.

Australia in competizione con altri paesi In corsa per assicurarsi la capitale necessari per far avanzare la massiccia sfida della decarbonizzazione. Mentre l’elezione di Albanese ha suscitato un rinnovato interesse da parte dei principali attori delle energie rinnovabili, come la spagnola Iberdrola, c’è preoccupazione tra gli investitori che l’Australia rischi di restare indietro. Indicano il Biden Inflation Reduction Act recentemente approvato come un forte fattore per il capitale globale.

Gli australiani hanno votato per il cambio offerto da Albanese. Gran parte di questo era un impegno a fare la cosa giusta, non solo un’opportunità politica.

L’Australia può avere vantaggi naturali delle fonti di energia rinnovabile come una vasta superficie e l’accesso all’energia solare ed eolica. Ma deve ancora convincere i risparmiatori d’oltremare a mettere qui i loro dollari. Non sarà facile per un nuovo premier rinunciare alla sua prima conferenza Dubbi residui tra gli investitori globali e fondi sovrani sull’intento dell’Australia sulla politica sui cambiamenti climatici. Sebbene ci siano stati progressi, l’Australia è ancora sotto osservazione.

READ  Operatori di ristoranti puniti $ 204.120 | Mirage News

Ma forse la cosa più importante, la decisione di Albanese mostra che i calcoli della politica interna stanno ricominciando a prevalere sulla politica climatica come priorità assoluta del governo. Questo è inevitabile ed è accaduto molte volte nel recente passato, a volte sfociando in costose inversioni politiche.

Albanese è chiaramente molto riluttante a saltare le sessioni parlamentari della prossima settimana. E per una buona ragione. Il leader dell’opposizione Peter Dutton si ribellerà, criticherà il primo ministro per aver partecipato a un campo sul clima globale mentre il governo vacilla e inciampa Una soluzione alla crisi dei prezzi dell’energia.

La profonda preoccupazione nella società per lo shock del disegno di legge non è stata aiutata dalla cattiva gestione della questione da parte del Labour. Gran parte è fatto da sé, con ministri come Ministro nazionale dell’industria, Ed Hosik E il segretario alle risorse Madeleine King ha inviato messaggi contrastanti sul ruolo del gas.

Tesoriere Jim Chalmers Ha passato settimane a raccontare alla nazione quanto fosse grave la crisi energetica, senza offrire nulla di concreto per risolverla. Dopo aver appeso un’enorme lanterna al problema, il governo ora sembra essere per la maggior parte in attesa, meravigliandosi dei suoi orrori e della sua complessità.

Ma le sfide di Albanese non sono più grandi di quelle che deve affrontare qualsiasi leader nazionale adulto. Vederti saltare all’ombra di Dutton molto presto nel termine può essere interpretato come un segno di debolezza.

Gli australiani hanno votato per il cambiamento offerto da Albanese a maggio. Gran parte di ciò era un voto di fare ciò che era giusto, non solo ciò che era politicamente opportuno.

READ  La Jolla Business Roundup Report: La Mandarin House è tornata, inoltre vediamo altre nuove aperture in arrivo

Indipendentemente dalle ragioni per cui non ha partecipato alla COP27, Albanese ha creato aspettative inequivocabili che parteciperà al vertice di quest’anno per dimostrare la serietà dell’Australia. Molti si aspettano che sia all’altezza della situazione.