Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’artista italiano Andrea Anastasio, l’artista Gond Bhajju Shyam per evidenziare il dialogo tra due culture alla prossima mostra di Mumbai.

L’artista italiano Andrea Anastasio, l’artista Gond Bhajju Shyam per evidenziare il dialogo tra due culture alla prossima mostra di Mumbai.

Un dialogo tra due culture si rifletterà sulla tela nella mostra della ARTISANS Gallery “Karmabumi: Possible Nature” dell’artista-designer italiano Andrea Anastasio e dell’artista Gund-Padma Shri Baju Shyam.

Curata dall’appassionato d’arte Biraj Patnaik, la mostra inizia il 29 marzo e durerà fino all’8 aprile alla Kala Ghoda Gallery.

Anastasio ha affermato che lo spettacolo è il complemento perfetto alla retrospettiva del Binary Codex del suo lavoro al Chhatrapati Shivaji Maharaj Vastu Sangrahalaya (CSMVS).

“Se ‘jugalbandi’ con Bhajju al Binary Codex riflette due culture che si uniscono su un’unica tela, ‘Karmabhoomi’ mostra interessi condivisi e la nostra umanità condivisa, poiché due artisti individuali riflettono la visione dell’altro del lavoro dell’altro, usando la natura come metafora per sia l’armonia che la separazione urbana”.

Parlando dello spettacolo, Bhajju Shyam ha dichiarato: “Il mio lavoro cerca di creare una nuova terminologia portando anche la cosmologia dei popoli Gond a un pubblico più ampio. Vedo lavorare con Andrea come una conversazione tra le nostre culture e prospettive ed è un onore essere parte di questo spettacolo che mette in mostra il nostro lavoro individuale in “. Karmbhoomi.” Patnaik, appassionato d’arte e direttore della National Foundation of India, ha dichiarato: “La mia rara incursione nella curatela è guidata dalla mia amicizia con gli artisti e dall’opportunità unica offrire allo spettatore due prospettive contrastanti sulla natura: una da un contesto industriale-urbano, originato in varie città del mondo e l’altra dall’esperienza vissuta e dalla scienza.Un universo Gond che collega senza soluzione di continuità l’esperienza umana con le piante e gli animali che condividiamo il pianeta con. Il lavoro di Bhajju Shyam deriva dalla tradizione Gond Pradaan di interpretare i miti del suo popolo per un pubblico più ampio. Le sue azioni in questo spettacolo sono radicate nella sua coscienza come memoria collettiva del popolo Gond.

READ  Piero, un punto di riferimento di Las Vegas, è tornato nel servizio di cena quotidiano nonostante abbia perso NAB

La pratica di Anastasio negli ultimi quattro decenni ha riguardato l’interrogazione delle rappresentazioni culturali della realtà e la fabbricazione di identità individuali come entità separate dalla natura, che è diventata solo un’altra dimensione esterna.

Un dono che attribuisce al “Karampumi” indiano dove ha vissuto 18 anni e con cui ha simpatizzato per 44 anni. Anche uno sguardo casuale al suo lavoro esposto nella retrospettiva del Binary Codex, al CSMVS (fino al 7 maggio) sottolinea questo interrogativo.

Radi Parekh, fondatore e direttore di ARTISANS, ha dichiarato: “Eravamo molto ansiosi di fare questo spettacolo nonostante un breve preavviso come mostra complementare alla mostra al CMSVS, poiché Karmabhoomi rappresenta il vero spirito del dialogo interculturale che la nostra galleria rappresenta”.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è stata generata automaticamente da un feed sindacato.)