Agosto 7, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Argentina sta vivendo un’ondata di immigrazione?

Dubai, Emirati Arabi Uniti (CN) – L’Argentina è entrata nel 20° secolo come potenza economica globale con un PIL pro capite tra i primi dieci al mondo, superando Francia e Germania. Mentre milioni di immigrati passavano davanti alla Statua della Libertà in cerca di una vita migliore, altri milioni arrivavano al porto di Buenos Aires.

Il paese sudamericano è stato la patria del più grande gruppo di immigrati al mondo dopo gli Stati Uniti, che hanno riempito le vaste fertili praterie della pampa che hanno alimentato la sua crescita economica. Sei milioni di persone – per lo più italiani e spagnoli – sono arrivate e hanno pagato Popolazione nata all’estero al 30%Il doppio della densità degli Stati Uniti nella capitale, Buenos Aires, gli stranieri sono più numerosi della gente del posto.

Oggi, in mezzo a turbolente ondate di immigrazione, migliaia di argentini stanno lasciando la loro patria, molti dei quali stanno tornando alle loro origini ancestrali in Europa, tra un’economia in deterioramento e un’inflazione in aumento.

L’Argentina è nel mezzo di una grave crisi, punteggiata da un tasso di inflazione elevato da tre decenni del 64%, dall’esaurimento delle riserve estere e da un debito debilitante che include il peso di un pacchetto di prestiti da 57 miliardi di dollari del Fondo Monetario Internazionale, il più grande nel mondo del prestatore storia.

Con i salari spazzati via dall’inflazione, coloro che potevano permetterselo potevano acquistare dollari al mercato nero. Molte persone non riescono più a vedere il loro futuro in Argentina e decidono di lasciare il Paese.

Melissa Gegina è un’insegnante di classe sulla trentina che ha lasciato l’Argentina per la Danimarca con un’amica all’inizio del 2018. Osservando l’evolversi della crisi dall’Europa, per Gegina i confronti sulla qualità della vita diventano chiari.

“Dopo aver vissuto per qualche tempo in Danimarca, ci siamo resi conto che la nostra qualità di vita a Buenos Aires non era buona come pensavamo”, ha detto. “Non potevamo camminare da soli di notte anche se vivevamo in una bella zona. Abbiamo dovuto aspettare settimane prima che le offerte dei supermercati comprassero alcune cose che amiamo. Non possiamo permetterci di vivere da soli o risparmiare più di $ 100 al mese a meno che non tagliare altri costi E non potevamo pianificare o preventivare il cibo perché c’erano sempre aumenti di prezzo. ”

READ  La Formula 1 estende l'accordo di Imola al 2025

In Danimarca, Jegina ha lavorato come addetta alle pulizie perché era il modo più semplice per ottenere un visto di lavoro. “Come addetto alle pulizie, siamo riusciti a risparmiare 700 euro al mese. Non c’erano aumenti di prezzo, potevamo camminare da soli ovunque e c’erano molte opportunità di lavoro”.

in studi recenti, il 65,4% degli argentini ha affermato che se potessero lasciare il paese lo farebbero. Tra quelli di età pari o inferiore a 25 anni, la percentuale è dell’85,1%.

Non ci sono dati storici sull’immigrazione argentina anche se il governo ha recentemente iniziato a documentare questi numeri. Quello che sappiamo è che durante il periodo di punta della pandemia tra settembre 2020 e ottobre 2021, Circa 50.000 argentini Hanno dichiarato che stavano partendo per trasferirsi in un altro paese.

“Si tratta di un numero molto significativo, 3.500 al mese, un numero paragonabile a quello che è successo nel 2003”, ha affermato Lucas Lucillo, professore di storia specializzato in migrazioni, in un’intervista al quotidiano nazionale Clarín.

L’ultima grande crisi economica nel paese nel 1998-2002 è culminata in una grave recessione economica, insolvenze sui debiti esteri e disoccupazione diffusa, che ha provocato proteste e rivolte di massa. Questa è stata l’ultima volta che l’Argentina ha subito un’ondata di immigrazione.

“Secondo le statistiche delle Nazioni Unite, intorno al 2010, circa 940.000 argentini vivevano all’estero”, ha detto Lucillo. Attualmente, questo numero può essere stimato a 1,1 milioni. La percentuale di argentini all’estero è di circa il 2,5%, inferiore alla media globale ma con una crescita notevole negli ultimi decenni”.

Con la revoca delle restrizioni di viaggio legate alla pandemia, il livello di immigrazione potrebbe iniziare ad accelerare.

READ  Anand Mahindra trova un film chiamato "Omicron" in cui la nuova variante di Covid sta causando preoccupazione. vedi post

Luchilo ha aggiunto: “Ci sono indicazioni che un numero significativo di argentini si stia spostando dall’idea generale di lasciare il Paese a una decisione concreta in tal senso”, una tendenza “che solleva campanelli d’allarme”.

Tra l’idea di spostare e imballare i bagagli, c’è un forte indicatore per determinare il numero di persone che raccolgono i documenti necessari per richiedere la cittadinanza di un altro paese.

Quasi l’80% degli argentini può far risalire parte dei propri antenati all’Europa, il che consente loro di richiedere la cittadinanza se possono presentare i documenti corretti. La domanda è alta e i tempi di attesa variano da uno a due anni.

Gigena ha iniziato il processo di acquisizione della cittadinanza italiana nel 2017. Dopo due anni di attesa, e la scadenza del visto di lavoro in Europa, è dovuta rientrare in Argentina.

Gigina ha dichiarato: “Ho ottenuto la cittadinanza a dicembre 2019 e avevo un appuntamento per ottenere il passaporto a marzo 2020, ma a causa della pandemia l’hanno cancellato. Dopo circa sei mesi, poiché avevo intenzione di stabilirmi in Danimarca, il mio caso è stato considerata un’emergenza e alla fine mi hanno dato il passaporto lo stesso giorno del mio appuntamento. Sono andato in Danimarca tre giorni dopo. “

Secondo la circoscrizione nazionale, è aumentato il numero di domande per uno specifico certificato che attesti l’idoneità alla cittadinanza di un altro paese. L’anno scorso, l’ufficio del governo federale ha ricevuto 55.000 domande, il numero più alto mai registrato, superando l’importo durante la precedente crisi economica del paese nel 1999-2002.

Il numero di domande per un certificato che può consentire agli argentini di iniziare il processo di richiesta della cittadinanza straniera in un altro paese. Camera elettorale nazionale.

Al di sotto di quei numeri ufficiali, più argentini stanno valutando le loro opzioni, chiedendo ai familiari i certificati di nascita dei loro antenati italiani o spagnoli per richiedere la cittadinanza, un argomento di tendenza per le strade, nei caffè ea casa.

Le due destinazioni più popolari per gli argentini sono la Spagna, con una popolazione di circa 320.000 abitanti, e gli Stati Uniti, di circa 220.000.

READ  Italia - Fattori da tenere d'occhio il 3 dicembre

Lucillo ha sottolineato che “la crescita dell’immigrazione negli Stati Uniti non ha visto alti e bassi significativi”. D’altra parte, la migrazione verso la Spagna e l’Europa è stata più sensibile ai cicli economici. Dalla crisi del 2008, il numero di argentini in Spagna è diminuito drasticamente insieme agli alti tassi di disoccupazione. Dal 2015, quando la crisi è passata, è ripreso il trend degli anni 2000, con un’accelerazione dal 2018.

Immigrazione argentina in Spagna. Istituto Nazionale di Statistica della Spagna.

Tra la popolazione immigrata, Luchilo descrive l’aumento dei bambini di età inferiore ai 10 anni in partenza come “sbalorditivo”, osservando che “c’è un afflusso importante di famiglie con bambini piccoli”.

Marcelo Arias è sulla cinquantina e vive a Buenos Aires con la sua compagna e le loro due giovani figlie.

“È davvero triste da dire, ma sfortunatamente speriamo di andarcene”, ha detto. “Speriamo di avere l’opportunità di trasferirci dall’Argentina all’Europa, dove le nostre ragazze avranno migliori opportunità”.

Molti argentini sono giunti a questa conclusione con riluttanza.

“Il nostro Paese è meraviglioso, ma la politica ha creato una società di cui non vogliamo più far parte”, ha aggiunto Arias. “Le cattive politiche di tutti i governi e la mancanza dello stato di diritto, tra gli altri fattori, hanno fatto sì che tanti argentini volessero andarsene come noi”.

Mentre il paese continua a subire gli effetti della profonda crisi economica, il percorso verso un futuro migliore all’interno dell’Argentina diventa ancora più difficile, spingendo molti a cambiare direzione, presentando altri ostacoli.

Arias ha detto: “L’economia attuale ci rende prigionieri, perché con la nostra pensione non potremo vivere in nessun altro Paese. Vedremo in futuro se potremo partire”.

Leggi il meglio 8

Iscriviti a Top 8, una carrellata delle principali notizie della giornata consegnate direttamente nella tua casella di posta dal lunedì al venerdì.