Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’appello senza tempo di Dorian Gray: “Mi sbalordisce guardarla mentre lo fa”

L'appello senza tempo di Dorian Gray: "Mi sbalordisce guardarla mentre lo fa"

Quando Kip Williams ha letto per la prima volta Il ritratto di Dorian Gray Da adolescente, è rimasto scioccato da quanto fosse contemporaneo.

“Ha una qualità mitica, davvero, quella narrazione del ritratto che invecchia mentre rimane eternamente giovane”, spiega il direttore artistico della Sydney Theatre Company.

“Ma il romanzo stesso è molto più ampio di quanto penso la gente realizzi; è quasi come se Wilde [had] una premonizione dell’era del capitalismo, l’emergere del centraggio dell’individuo e la ricerca dell’autogratificazione che sarebbe andata avanti per tutto il 20° secolo – e raggiungere la sua apoteosi nel 21° secolo”.

Nel libro incontriamo Gray come la bella e innocente musa ispiratrice di un pittore, che incanala la sua fissazione per dipingere un ritratto di Gray al suo apice giovanile. È un capolavoro, ma succede qualcosa di strano; Mentre Gray viene sedotto in una vita decadente di piacere e indulgenza, è il dipinto che mostra tutta l’usura mentre Dorian appare misteriosamente incontaminato.

“C’è un senso in cui Wilde postula questa nozione che a un certo livello, ogni azione ha una conseguenza, e mostra contemporaneamente la discesa che ha luogo nella vita di Dorian quando pensa di vivere senza conseguenze, dando anche una narrazione a ciò che è affinché Dorian, almeno personalmente, sia consapevole delle conseguenze delle sue azioni. Anche se nessun altro al mondo ne è a conoscenza”.

La produzione teatrale della Sydney Theatre Company di Williams, che verrà rimontata per una stagione al Festival di Adelaide, ruota attorno alla costante trasformazione di una persona in particolare: il suo unico membro del cast e il suo collaboratore per dieci anni, Eryn Jean Norvill.

READ  Orient Express: lo storico treno Orient Express torna in Italia dopo 46 anni!

“Nella produzione, in particolare con un attore che interpreta tutti i ruoli, prende in considerazione questa idea che è centrale nel romanzo di Wilde, ovvero il modo in cui un individuo ha sé multipli e costruisce sé multipli sia nella vita che nell’arte – e la nozione stessa della vita come teatro, la performance dell’identità”.

Il ritratto di Dorian Gray unisce video live e preregistrati. Foto: Daniel Boud

Norvill è stato anche il drammaturgo del lavoro, guidando una complessa miscela di performance dal vivo, video preregistrati e riprese dal vivo da più telecamere (e alcuni selfie sintonizzati sul viso) che Williams chiama “cine-teatro”.

“Il pubblico dice ‘Wow, è stata un’incredibile impresa’, ma è solo la punta dell’iceberg”, dice. “C’è così tanta magia senza soluzione di continuità in quello che fa che maschera un’incredibile complessità tecnica sotto la superficie. Ho scritto e diretto lo spettacolo e mi fa impazzire vederla farlo.

“Lei è una performer irripetibile e sono così entusiasta che più persone in tutta l’Australia la vedranno farlo. Il compito di interpretare 26 personaggi in questa performance di due ore è gigantesco e non posso sottolineare abbastanza quanto sia tecnicamente impegnativo.

L’impresa camaleontica di Norvill ricorda un passaggio del romanzo in cui Gray è affascinato dalla giovane attrice Sibyl Vane, la cui capacità di incarnare “ogni età e ogni costume” sblocca qualcosa dentro di lui.

“Lei è tutto per me nella vita. Notte dopo notte vado a vederla suonare. Una sera è Rosalind, la sera dopo è Imogen. L’ho vista morire nell’oscurità di una tomba italiana, succhiando il veleno dalle labbra del suo amante. L’ho vista vagare per la foresta di Arden, travestita da bel ragazzo in calzamaglia, farsetto e berretto. È stata pazza ed è venuta alla presenza di un re colpevole, e gli ha dato rimpianto da indossare e erbe amare da assaggiare».

Vane diventa un altro simbolo delle conseguenze delle azioni di Gray, ma è uno dei tanti momenti in cui Wilde riflette sulla natura dell’arte, della performance e del sé.

READ  Un film congiunto "Italian Recipe" tra Cina e Italia apre l'Udine Asian Film Festival

“Il lavoro è una meditazione sulla performance, e utilizziamo il teatro, la decostruzione brechtiana del teatro per interrogare l’idea di performance, e in particolare questa idea di vita Come teatro, in contesti diversi le persone a un certo livello si esibiscono sempre – sono sempre in una forma di trascinamento, se vuoi”, dice Williams.

La produzione di Williams è un lussureggiante dramma in costume di attualità. Foto: Daniel Boud

Accolto con entusiasmo quando ha debuttato a Sydney nel novembre 2020, Il ritratto di Dorian Gray si è rivelato un raro successo dell’era COVID anche quando le spiagge settentrionali della città sono arrivate a metà stagione (“Avremmo un paio di centinaia di persone che annullano i biglietti ogni mattina e sarebbero esauriti di nuovo entro le 10:30”).

“Stava saltando nel buio in un momento in cui non saltavamo nel buio da molto, molto tempo”, dice Williams dell’effetto della pandemia sul lavoro. “[It was] quasi come un diamante sotto pressione; a causa della pressione di quella situazione e delle lunghezze extra che le persone hanno fatto per realizzarlo, è andato a un altro livello “.

C’è una pressione che Williams è felice di ignorare: mentre molti adattamenti cinematografici hanno guardato al dipinto stesso in decomposizione per inorridire il pubblico, Williams e Norvill non erano così interessati a mostrare cosa ne sarebbe dell’opera d’arte titolare.

“Non ne ho mai visto una versione cinematografica, non ne ho mai visto un’altra versione teatrale”, dice. “[But] Sono consapevole che la maggior parte delle interpretazioni si concentra molto sulla trasformazione del ritratto. E penso che manchi il punto; Penso che la nozione intellettuale della trasformazione del ritratto sia fondamentale, ovviamente, ma la trasformazione fisica? Quanto importa? E quasi in senso hitchcockiano, è più impattante non vederlo.

READ  Timber Wrap Films Market raggiungerà una valutazione di $ 601

“Per me la storia non riguarda il cambiamento del ritratto; in realtà si tratta di assistere all’impatto del ritratto su Dorian”.

Eryn Jean Norvill dentro Il ritratto di Dorian Gray. Foto: Daniel Boud

Il ritratto di Dorian Gray sarà presentato dal 13 al 20 marzo all’Her Majesty’s Theatre come parte del programma del Festival di Adelaide 2022.

Clic qui per più In revisione storie sul Festival di Adelaide 2022.

Aumenta il tuo impatto raddoppiando le tue donazioni

Quando ti impegni per una donazione regolare settimanale, quindicinale o mensile deducibile dalle tasse a InReview, ogni donazione programmata sarà abbinata da Creative Partnerships Australia. Ciò significa che stai supportando il doppio delle storie di InReview da commissionare, modificare e pubblicare.

Dona qui

Questo articolo è supportato dal Judith Neilson Institute for Journalism and Ideas.