Giugno 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’America conclude un importante accordo militare con le Filippine, vicino ai focolai di tensione in Cina | Filippino

L’America conclude un importante accordo militare con le Filippine, vicino ai focolai di tensione in Cina |  Filippino

il Filippino Ha dato agli Stati Uniti un accesso esteso alle sue basi militari, aumentando in modo significativo la presenza di Washington nella regione in un momento di crescente preoccupazione per l’aggressione cinese.

Il Dipartimento filippino della difesa nazionale ha dichiarato giovedì che Washington consentirà l’accesso a quattro ulteriori basi militari in “aree strategiche del Paese”, senza specificarne le posizioni.

Gli analisti affermano che la portata ampliata colmerà una lacuna critica nel posizionamento degli Stati Uniti nella regione e consentirà loro di monitorare meglio l’attività cinese negli Stati Uniti. mare della Cina del Sud E vicino a Taiwan.

L’accordo è stato concluso nell’ambito di un Enhanced Defense Cooperation Agreement (EDCA) che consente agli Stati Uniti l’accesso alle basi filippine per l’addestramento congiunto, lo stoccaggio di attrezzature e rifornimenti e la costruzione di strutture, anche se senza stabilire una presenza permanente. Gli Stati Uniti hanno già accesso a cinque sedi.

Questo accordo rafforzerà la presenza americana nell’Indo-Pacifico, poiché ha concluso trattati militari con paesi che si estendono dal Giappone e dalla Corea a nord, alla Thailandia e alle Filippine e, a sud, all’Australia. Funzionari statunitensi hanno precedentemente commentato che questa posizione di Esercito degli Stati Uniti Le attrezzature in Asia erano fortemente orientate verso il nord-est asiatico.

Il Dipartimento filippino della difesa nazionale ha affermato nella sua dichiarazione che Washington stanzierà più di 82 milioni di dollari (67 milioni di sterline) per investimenti infrastrutturali nelle cinque basi precedenti a cui gli è stato concesso l’accesso. “L’alleanza filippino-americana ha superato la prova del tempo e rimane salda”, si legge nella dichiarazione.

Giovedì, un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha dichiarato in una conferenza stampa regolare che gli Stati Uniti stanno rafforzando il proprio dispiegamento militare nella regione “per i propri interessi egoistici e una mentalità a somma zero”.

READ  Il caso totale di COVID-19 in India si avvicina ai 20 milioni, poiché il paese registra oltre 300.000 nuove infezioni per il 12 ° giorno.

Mao Ning ha accusato gli Stati Uniti di “esacerbare la tensione regionale e mettere in pericolo la pace e la stabilità regionali” e ha affermato che altri paesi della regione dovrebbero diffidare di essere “sfruttati” dagli Stati Uniti.

Nei media statali cinesi, la copertura si è concentrata sulle valutazioni secondo cui gli Stati Uniti stavano espandendo la loro influenza militare nella regione “per contrastare la Cina” e che le Filippine dovrebbero prendersi cura di bilanciare le loro relazioni con entrambi i paesi.

L’annuncio è arrivato durante la visita a Manila del segretario alla Difesa americano Lloyd Austin, che avrebbe dovuto tenere colloqui con il suo omologo filippino Carlito Galvez Jr. e il consigliere per la sicurezza nazionale Eduardo Agnó, nonché con il presidente Ferdinand Marcos Jr.

È stato ampiamente riferito che gli Stati Uniti hanno richiesto l’accesso alle basi a Luzon, la parte delle Filippine più vicina a Taiwan, e sull’isola di Palawan, la distesa più vicina alle contese Isole Spratly nel Mar Cinese Meridionale.

Denny Roy, un membro anziano dell’East-West Center, Honolulu, ha affermato che tali siti sono preziosi per due motivi. “È geograficamente vicino ai due punti critici più importanti della Cina: Taiwan e il Mar Cinese Meridionale”, ha detto, aggiungendo: “In secondo luogo, i luoghi aggiuntivi nella regione in cui gli Stati Uniti possono preposizionare le proprie forze aiutano a ridurre anche il problema della concentrazione Molte forze in un piccolo numero di luoghi che potrebbero essere vulnerabili agli attacchi missilistici cinesi”.

Un aeroporto, edifici e strutture sull’isola artificiale costruita dalla Cina nelle Isole Spratly. Foto: Ezra Akiyan/Getty Images

Hermann Kraft, professore di scienze politiche presso l’Università delle Filippine, ha affermato che la sede di Luzon consentirebbe agli Stati Uniti di fornire supporto operativo e logistico a Taiwan, se necessario. Per ora, ha detto, è probabile che l’accesso venga utilizzato per scopi di sorveglianza.

Kraft ha affermato che l’ampliamento dell’accesso colma un anello mancante in termini di posizione degli Stati Uniti nella regione risalente al 1991, quando le Filippine si rifiutarono di ratificare un nuovo accordo con Washington, il suo ex sovrano coloniale, costringendo gli Stati Uniti ad andarsene. “Il sud-est asiatico è sempre stato un po’ una divisione [for the US]Kraft ha detto. “Hanno già un accordo editoriale con Singapore, ma è un piccolo accordo”.

Le relazioni con gli Stati Uniti si erano deteriorate sotto l’ex presidente Rodrigo Duterte, che una volta disse che era giunto il momento di dire addio agli Stati Uniti e minacciò di annullare un accordo bilaterale che copriva le forze americane in visita. C’è la sensazione che Marcos, entrato in carica lo scorso anno, “voglia avere un rapporto più cooperativo e meno conflittuale con gli Stati Uniti”, ha detto Craft.

L’annuncio arriva tra le preoccupazioni per l’assertività della Cina nel conteso Mar Cinese Meridionale, un potenziale importante punto di infiammabilità. Filippine, Vietnam, Malesia e Brunei rivendicano ciascuno una parte del mare, mentre Pechino rivendica la sovranità su quasi tutto il mare.

Un rapporto dell’Asian Maritime Transparency Initiative presso il Center for Strategic and International Studies ha rilevato che nel 2022 la guardia costiera cinese ha mantenuto pattuglie quasi quotidiane nei principali punti di riferimento del Mar Cinese Meridionale e che la sua presenza era “più forte che mai”.

Il rapporto, che ha analizzato i dati AIS del fornitore commerciale MarineTraffic, ha rilevato che il numero di giorni di calendario in cui una nave della guardia costiera cinese ha pattugliato le caratteristiche chiave è aumentato su tutta la linea rispetto ai dati del 2020. Le caratteristiche studiate includevano Thomas Scholl II, Luconia Shoals, Scarborough Shoal, Vanguard Bank e l’isola di Thitu.