Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’alto tasso ipotecario nell’area dell’euro minaccia la crescita dei prezzi delle abitazioni

I tassi ipotecari nell’eurozona stanno aumentando drasticamente, aumentando la possibilità di un rallentamento del mercato immobiliare dopo che il sostegno del governo durante la pandemia e il desiderio di più spazio hanno fatto salire i prezzi delle case.

Il costo dei nuovi prestiti alle famiglie per l’acquisto di case è aumentato di 16 punti base tra maggio e giugno all’1,94%, secondo i dati della Banca centrale europea pubblicati martedì. I tassi di interesse sono ora in media di 64 punti base al di sopra del minimo dell’1,3% registrato lo scorso settembre, il più grande aumento degli oneri finanziari in nove mesi dal 2006.

I tassi ipotecari stanno aumentando nelle economie avanzate poiché le banche centrali sostituiscono i tassi di interesse più elevati nel tentativo di controllare l’inflazione, aumentando il rischio di un crollo dei prezzi. Nel Regno Unito, il tasso medio dei mutui appena ritirati è aumentato di 65 punti base al 2,15% dall’autunno dello scorso anno. Negli Stati Uniti, il tasso ipotecario standard a 30 anni di Freddie Mac era superiore al 5%, rispetto a meno del 3% nell’estate dello scorso anno.

Andrew Kenningham, capo economista europeo di Capital Economics, ha descritto l’aumento dell’eurozona come “sorprendente”. Ha aggiunto che gli oneri finanziari più elevati agiranno come un ulteriore ostacolo per le famiglie che hanno visto diminuire il loro reddito disponibile a causa dei forti aumenti dei costi dell’energia e del cibo nell’ultimo anno. “È uno dei fattori che riteniamo possa spingere l’eurozona in recessione nei prossimi sei-nove mesi”.

I dati della Banca Centrale Europea hanno mostrato che i tassi ipotecari sono aumentati più rapidamente in Germania e in Italia, con incrementi minori registrati in Francia e Spagna. In Germania, il tasso medio dei mutui è aumentato di più di un intero punto percentuale da un recente minimo dell’1,16% al 2,25% di giugno. In Italia, c’è stato un aumento di 72 punti base all’1,97 per cento da un recente minimo dell’1,25 per cento.

READ  Vivi un'avventura italiana | Noosa oggi

I prezzi sono aumentati nella maggior parte dei tipi di prodotti. Il maggiore aumento mensile è stato per i tassi ipotecari con scadenze comprese tra 5 e 10 anni, che sono aumentati di 21 punti base tra maggio e giugno al 2,23%.

Sembra che i mutui diventeranno più costosi nei prossimi mesi dopo la decisione della Banca centrale europea di aumentare il tasso sui depositi di 50 punti base portandolo a zero alla fine di luglio, una mossa più grande del previsto. Un altro aumento di 50 punti base è previsto per settembre dopo che l’inflazione ha raggiunto un nuovo massimo dell’8,9% nell’anno fino a luglio, un nuovo massimo storico per l’area valutaria e più di quattro volte l’obiettivo della banca centrale del 2%.

I mercati prevedono un’ulteriore stretta monetaria anche nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Hanno prezzato una probabilità dell’88% di un aumento del tasso di 50 punti base quando la Banca d’Inghilterra si riunirà giovedì, con ulteriori aumenti previsti nelle prossime riunioni della Federal Reserve statunitense.

L’aumento dei prezzi dovrebbe frenare il boom del mercato immobiliare, il risultato di tassi di interesse record, misure fiscali per stimolare l’attività e forte domanda di proprietà più grandi con spazio esterno a causa del maggior numero di persone che lavorano da casa.

“Prevediamo che il mercato immobiliare rallenti in modo significativo in risposta al forte aumento dei tassi ipotecari”, ha affermato Oliver Rakow, economista di Oxford Economics. “Dati tassi più elevati e condizioni di prestito bancario più restrittive, ciò suggerisce che i flussi di prestito rallenteranno drasticamente”.

La crescita annuale dei prezzi delle abitazioni nell’Eurozona ha raggiunto il massimo storico del 9,8% nel primo trimestre del 2022. Mentre si prevede che la crescita dei prezzi rallenterà nei prossimi trimestri, gli economisti considerano improbabile un crollo.

READ  Mercati oggi: l'Australia sta andando meglio della maggior parte dei mercati