Dicembre 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Alto Commissario per i diritti umani ha affermato che la situazione in Iran è “critica” poiché le proteste sono continuate e il bilancio delle vittime è aumentato

L’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani afferma che la situazione in Iran è “critica”, descrivendo la risposta dura delle autorità alle proteste che hanno provocato più di 300 morti negli ultimi due mesi.

ha detto martedì il portavoce del coordinatore delle Nazioni Unite per i diritti umani Volker Turk in una conferenza stampa a Ginevra.

La Repubblica islamica ha assistito a proteste a livello nazionale dalla morte della donna curda di 22 anni Mohsa Amini mentre era sotto la custodia della polizia morale il 16 settembre.

È stata arrestata per aver indossato abiti ritenuti “indecenti”.

Teheran ha accusato i nemici stranieri ei loro agenti di aver ideato le proteste, che si sono trasformate in una rivolta popolare per iraniani di ogni estrazione sociale e costituiscono una delle sfide più audaci affrontate dai governanti clericali del paese dalla rivoluzione del 1979.

In una dimostrazione di sostegno ai manifestanti, la squadra iraniana della Coppa del mondo si è rifiutata di cantare l’inno nazionale prima della partita di apertura della Coppa del mondo di lunedì, una mossa che potrebbe portare all’arresto e al carcere dei giocatori al loro ritorno a casa.

La nazionale di calcio iraniana è fianco a fianco alla cerimonia di apertura dei Mondiali.
La nazionale di calcio iraniana si è rifiutata di cantare l’inno nazionale prima della partita.(Reuters: Marco Djurica)

Più tardi questa settimana, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra terrà un dibattito sulle proteste.

Sono attesi diplomatici, testimoni e vittime.

READ  I conservatori britannici perdono il seggio del North Shropshire che detengono da quasi 200 anni