Novembre 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Alaska ha riportato 6 decessi e 877 casi venerdì poiché i ricoveri per COVID-19 rimangono vicini al livello record

L’Alaska venerdì ha riportato sei morti e 877 nuovi COVID-19 casi Mentre i ricoveri legati al virus volavano in una zona da record.

L’ultimo numero fa parte di ciò che i funzionari sanitari hanno descritto questa settimana come un potenziale punto di stabilizzazione in nuovi casi, anche se i funzionari affermano che non ci sono prove sufficienti per affermare che i casi stanno iniziando a diminuire e che i numeri attuali sono ancora molto alti.

Il tasso di casi dell’Alaska per 100.000 casi nell’ultima settimana rimane il più alto del paese, secondo dati CDC.

Le morti appena riportate includevano cinque residenti, tra cui un uomo di Anchorage di 50 anni, un uomo di 70 anni di Anchorage, un uomo di 80 anni o più di Anchorage e una donna dell’area del censimento della Bethel di 80 anni o più, e la donna di Fairbanks all’interno. gli anni settanta. Lo stato ha anche riportato un’altra morte non residente di una donna sulla cinquantina diagnosticata a Wasilla.

Il Fairbanks Memorial Hospital ha riportato separatamente due decessi per COVID-19 che includevano pazienti lì. Non era immediatamente chiaro se quelle morti si riflettessero nei dati dello stato.

In totale 673 Morti residenti legate a virus e 25 Dal gennaio 2020 sono stati segnalati decessi non residenti in Alaska.

Entro venerdì, 225 persone sono state ricoverate in ospedale con il virus in Alaska – sotto Giovedì è stato stabilito un nuovo record di 235. Prima di questa settimana, il precedente record ospedaliero era di 223 il 25 settembre.

I funzionari affermano che i ricoveri per COVID-19 rimarranno probabilmente a livelli elevati nella maggior parte dello stato almeno per le prossime settimane. Il ricovero in ospedale è un’indicazione tardiva, il che significa che il calo dei casi richiederà alcune settimane per invertirsi negli ospedali.

“Spero solo che tutti noi ci rendiamo conto che non siamo ancora fuori da questa cosa”, ha detto venerdì Jared Kosen, presidente e CEO dell’Alaska State Hospital and Nursing Home Association.

A Mat-Su, quasi la metà dei pazienti dell’ospedale ha contratto il COVID-19 e rimangono disponibili zero letti di terapia intensiva, Dati nazionali mostrare. Nel distretto di Fairbanks North Star, un terzo di tutti i pazienti ospedalieri ha avuto COVID-19 e tre letti di terapia intensiva rimangono aperti.

Kosin ha affermato che dopo mesi di stress prolungato sul sistema sanitario statale, è facile desensibilizzarsi a questo tipo di numeri.

Ma “gestire un piano ospedaliero con un tale livello di ricovero che altrimenti non esisterebbe su questa scala è senza precedenti”, ha affermato. “Fino a quando non saremo in grado di rimuovere questi ricoveri e di smettere davvero di vedere volumi sostenibili a questi livelli, il nostro sistema ospedaliero è compromesso sotto molti aspetti”.

[Pfizer says its COVID-19 vaccine is more than 90% effective in younger children]

Gli standard di cura delle crisi sono attivi in ​​20 strutture sanitarie in tutto lo stato e Kosin ha affermato che le sfide rimangono attorno alle unità di terapia intensiva complete, alle risorse scarse e alla razionalizzazione occasionale delle cure. Kosen ha affermato che un gruppo di operatori sanitari in outsourcing contrattati con lo stato ha aiutato, ma non ha risolto la crisi all’interno degli ospedali.

“Ora tutti sono sotto pressione”, ha detto.

Poco meno del 65% degli abitanti dell’Alaska di età pari o superiore a 12 anni ha ricevuto almeno una dose del vaccino COVID-19.

Nell’ultima settimana, il 9,89% di tutti i test COVID-19 è risultato positivo.

READ  Interessanti rettili fossili forniscono indizi sull'origine di serpenti e lucertole