Maggio 8, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Agenzia monetaria dell’Arabia Saudita incoraggia una maggiore standardizzazione delle assicurazioni

L'Agenzia monetaria dell'Arabia Saudita incoraggia una maggiore standardizzazione delle assicurazioni

Dubai: è improbabile che il petrolio raggiunga i 100 dollari al barile su base sostenibile nel prossimo futuro, secondo gli esperti dell’Oxford Institute for Energy Studies (OIES), un prestigioso centro di ricerca con sede nel Regno Unito.

In un rapporto preparato da Bassam Fattouh e Andreas Economo di OIES, la possibilità di un imminente “super ciclo” per il petrolio – suggerita da alcuni analisti di materie prime – è stata sottovalutata per l’assenza di fattori importanti che potrebbero portare a prezzi più alti del greggio.

“Alcuni dei fattori chiave del gigantesco ciclo del petrolio, come l’offerta anelastica di fronte alla domanda dilagante e la mancanza di capacità in eccesso e restrizioni alla raffinazione, che potrebbero spingere i prezzi a 100 dollari al barile e mantenerli a quei livelli elevati, sono ancora mancante “, sostengono.

Invece, secondo gli autori, il petrolio verrà scambiato in un range compreso tra $ 59 e $ 69 al barile fino alla fine del 2022. Il sentiment può spingere i prezzi oltre questi limiti, ma è improbabile che sia sostenibile. Affinché i prezzi raggiungano ovunque vicino a $ 100 al barile, hanno aggiunto, dobbiamo considerare altri shock.

L’idea di un “super ciclo” del petrolio e di altre materie prime ha preso slancio negli ultimi mesi, poiché il prezzo del greggio si è ripreso dai minimi storici del crollo della pandemia dello scorso anno e alcune compagnie petrolifere hanno ridotto gli investimenti in nuovi giacimenti.

Gli analisti di JP Morgan e Goldman Sachs – due delle più grandi banche del mondo – hanno suggerito che il mercato globale è sull’orlo di un’ondata che potrebbe vedere il petrolio salire a 100 dollari al barile.

READ  Cinque (ipotetici) spettacoli da non perdere a maggio

Ma gli esperti di Oxford, nel loro ultimo rapporto mensile sul petrolio, hanno concluso che ciò era improbabile. Sebbene le dinamiche ei prezzi del mercato petrolifero siano migliorati in modo significativo, il grado di incertezza che circonda le prospettive rimane elevato. Dopo un anno difficile, le opzioni politiche dell’OPEC + continueranno a dettare i risultati di mercato, ma la recente ripresa del prezzo del petrolio non segna ancora l’inizio del prossimo grande ciclo petrolifero.

Gli esperti hanno aggiunto che mentre l’aprile 2020 è stato il “mese più buio nella storia dei mercati petroliferi”, con prezzi in media di $ 23 al barile, il prezzo è risalito a oltre $ 60 con la ripresa della domanda, le scorte si sono ridotte e l’alleanza di produttori “OPEC +” guidato dall’Arabia Saudita imposta e la Russia controlla strettamente le forniture.

“Questa drammatica ripresa si è verificata nonostante la diffusa incertezza che circonda la domanda di petrolio e il fatto che non si è ancora completamente ripresa al livello pre-pandemico. Anche se l’aspettativa prevalente è che la domanda di petrolio si riprenderà fortemente nella seconda metà del 2021 con il rialzo dei paesi. A causa delle restrizioni e dell’accelerazione della ripresa economica globale, tuttavia, l’incertezza sui tempi e sul ritmo della ripresa rimane elevata “.

L’analisi di Oxford fornisce sostegno alla cautela in corso espressa dal ministro saudita dell’Energia, il principe Abdulaziz bin Salman, che ha recentemente affermato di non credere all’evidenza di una ripresa della domanda “finché non la vedrò”.

Esperti di Oxford hanno affermato che la politica dell’OPEC + è stata identificata come uno dei principali fattori alla base della ripresa dei prezzi del petrolio greggio, rilevando che l’OPEC + è più flessibile ed efficace nell’affrontare lo shock negativo del COVID-19 e nell’influenzare le aspettative del mercato e plasmare il sentimento. . “

READ  La 12 volte candidata all'Oscar Diane Warren spera in una vittoria "fantastica" | divertimento

Hanno aggiunto: “Sebbene stia diventando sempre più difficile anticipare la prossima mossa per l’OPEC +, questa imprevedibilità fa parte di una politica deliberata e ha avuto l’effetto di aumentare l’influenza del mercato sulle decisioni dell’OPEC +. Su un livello più fondamentale, sta dimostrando un ruolo più assertivo L’OPEC + determina il ritmo del riequilibrio del mercato.

Alcuni analisti prevedono che l’aumento dei prezzi del petrolio porterà al ritorno delle forniture di petrolio di scisto negli Stati Uniti, che sono stati colpiti dalle chiusure epidemiche in America. Ma l’analisi di Oxford non vede questo nel prossimo futuro. “C’è un consenso emergente sul fatto che la crescita del petrolio di scisto statunitense sarà in qualche modo limitata o addirittura lenta nel 2021”, hanno affermato gli autori.

Gli autori hanno aggiunto che anche il rischio che il petrolio iraniano venga scaricato sul mercato in caso di un accordo tra Teheran e Washington sulla politica nucleare è esagerato. “Anche se l’accordo nucleare iraniano verrà ripreso, l’aumento delle esportazioni dai livelli attuali sarà moderato”, hanno detto.