Ottobre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’accordo AUKUS lascia la Russia “preoccupata” che l’Australia avrà sottomarini a propulsione nucleare

La Russia si dice preoccupata che l’accordo di difesa AUKUS tra Australia, Gran Bretagna e Stati Uniti consentirà all’Australia l’accesso a un gruppo selezionato di paesi che gestiscono sottomarini a propulsione nucleare.

Attualmente gli Stati Uniti, la Russia, la Gran Bretagna, la Francia e la Cina gestiscono tali sottomarini.

L’accordo trilaterale, in base al quale l’Australia acquisirà tecnologia sottomarina nucleare dagli Stati Uniti, ha fatto arrabbiare la Francia e preoccupato la Cina da quando è stato annunciato.

I francesi erano arrabbiati e hanno richiamato il loro ambasciatore in Australia perché l’accordo ha portato il governo Morrison a cancellare un accordo da 90 miliardi di dollari per costruire sottomarini con il gruppo navale statale.

La Russia ha dichiarato all’inizio di questa settimana che stava cercando maggiori informazioni sull’accordo, e il viceministro degli Esteri Sergei Ryabkov ha detto venerdì di considerarlo una sfida alla non proliferazione nucleare globale.

“Siamo anche preoccupati per … una partnership che consentirà all’Australia, dopo 18 mesi di consultazioni e diversi anni di tentativi, di acquisire sottomarini a propulsione nucleare in numero sufficiente per diventare uno dei primi cinque paesi per questo tipo di arma, ” Ryabkov è stato citato dall’agenzia di stampa russa Tass come dicendo.

“Questa è una grande sfida per il regime internazionale di non proliferazione nucleare”.

Il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov partecipa a una conferenza
Sergei Ryabkov afferma di vedere l’accordo sottomarino AUKUS come una sfida globale alla non proliferazione.(

Reuters: Maxim Shemetov

)

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha affermato all’inizio della settimana che l’accordo sulla sicurezza rappresenta un pericolo nascosto per la pace, la stabilità e l’ordine internazionale regionali.

Anche il portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying si è chiesto se l’Australia fosse davvero interessata a migliorare le relazioni con la Cina.

Il patto di difesa ha allarmato alcuni dei vicini più prossimi dell’Australia.

L’Indonesia ha ribadito le preoccupazioni della Malesia secondo cui l’accordo potrebbe portare a una nuova corsa agli armamenti nella regione e spronare altri attori a intraprendere azioni più aggressive, in particolare nel Mar Cinese Meridionale.

Tuttavia, Giappone e Filippine hanno accolto con favore l’accordo, mentre Singapore non ha sollevato obiezioni.

“Non nel campo della punizione”

I commenti della Russia arrivano mentre un round di colloqui di libero scambio tra l’Unione europea e l’Australia è stato rinviato di un mese.

Il portavoce della Commissione europea Eric Mammer ha affermato che la decisione di rinviare l’incontro è stata presa dal braccio esecutivo dell’UE.

Alla domanda se questa fosse una rappresaglia per la cancellazione dell’accordo con la Francia da parte dell’Australia, Mammer ha affermato che “l’UE non ha il compito di punire nessuno”.

Miriam Garcia Ferrer, portavoce della Commissione europea responsabile del commercio, ha insistito sul fatto che il ritardo non significa la fine delle discussioni, mentre il ministro del Commercio australiano Dan Tehan ha affermato che continuerà a pianificare l’incontro con il suo omologo europeo Valdis Dombrovskis la prossima settimana per discutere i negoziati ora fissati . per il mese di novembre.

“L’accordo di libero scambio è nell’interesse dell’Australia e dell’Unione europea e rafforzerà le nostre relazioni basate su un impegno condiviso per la democrazia, i diritti umani, lo stato di diritto e l’apertura economica”, ha affermato Tehan in una nota.

“Comprendiamo la reazione francese alla nostra decisione sui sottomarini, ma alla fine ogni paese deve agire nel proprio interesse nazionale, cosa che ha fatto l’Australia”, ha aggiunto.

L’Unione europea ha avviato i negoziati su un accordo commerciale con l’Australia nel 2018. Il 12° round di colloqui era previsto per la fine del mese in videoconferenza.

ABC / filo

READ  L'ex ministro italiano critica la decisione di chiamare Richard Gere come testimone nel processo per sequestro di persona