Dicembre 1, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La vendita del Trump Hotel a Washington porrà fine a un’era

La famiglia Trump ha ottenuto un prestito di 170 milioni di dollari dalla Deutsche Bank nel 2014 per finanziare la ristrutturazione dell’edificio. Ma anche dopo aver estinto questo prestito e calcolato i vari pagamenti effettuati dalla famiglia per coprire le perdite operative, la famiglia realizzerà un profitto di circa $ 100 milioni, Investigatori domestici stimati Dopo che la vendita è stata annunciata.

La pandemia, seguita dalla partenza di Trump dalla Casa Bianca, ha già portato a una grave flessione negli affari dell’hotel, forse il più famoso nella lobby tentacolare dell’hotel, situata in un atrio di nove piani con giganteschi lampadari di cristallo. Che incombe su una serie di divani, poltrone in pelle e mobili da salotto.

La deflazione era evidente nel menu del Benjamin Bar and Lounge dell’hotel, dove una Trump Tower da $ 120 – aragosta da una libbra, otto vongole, quattro ostriche e gamberetti – e altri oggetti di lusso erano spariti. Il negozio di Brioni, outlet del lussuoso produttore di abiti italiano i cui clienti includevano Mr. Trump, si è trasferito all’estero, mentre la Ivanka Trump spa ha chiuso e anche BLT Prime, il ristorante principale, dovrebbe chiudere presto.

Ma l’hotel attrae ancora attivisti politici conservatori e lobbisti. Una sera recente, quasi due dozzine di coltivatori e produttori di prosciutto che erano a Washington per fare pressioni sul Congresso contro un gruppo di donne repubblicane si sono seduti, sorseggiando cocktail e bicchieri di Chardonnay.

Altri nella hall includevano turisti fuori città che volevano vedere l’hotel prima di strappare il nome di Trump dalla facciata.

“Vorrei che il nome di Moses fosse omesso da ogni torre”, ha detto Susan McCafferty, una sostenitrice di Trump in visita da Nashville, riferendosi scherzosamente a una frase che si riferisce al personaggio interpretato da Charlton Heston in “I dieci comandamenti”, il film del 1956. “Quando cancelleranno il suo nome, le persone al potere qui ora saranno molto felici, ne sono sicuro”.

READ  La sete di gas dell'Europa ha esacerbato la crisi dell'elettricità in Bangladesh, Pakistan e India