Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La tranquilla stagione dei premi soffre delle turbolenze di Hollywood

La tranquilla stagione dei premi soffre delle turbolenze di Hollywood

Gli Academy Awards furono creati nel 1929 per promuovere i risultati di Hollywood nel mondo esterno. Al suo apice, la trasmissione televisiva ha attirato 55 milioni di telespettatori. Quel numero è in calo da anni e l’anno scorso ha toccato il minimo storico: 10,4 milioni di spettatori per uno spettacolo senza presentatore, nessun numero musicale e un vincitore assoluto di “Nomadland”. (Il film, uscito contemporaneamente nelle sale e su Hulu, ha incassato solo 3,7 milioni di dollari.)

Hollywood ha pianificato di rispondere con un’offensiva a tutto campo nell’ultimo anno, anche prima della stagione dei premi. Ha schierato le sue più grandi star e i suoi registi più famosi per ricordare ai consumatori che, nonostante la miriade di opzioni di trasmissione, la recitazione teatrale ha occupato un posto importante nella cultura più ampia.

non ha funzionato. Il pubblico è ancora, nel complesso, riluttante a tornare al cinema con regolarità. No Time to Die, l’ultimo ruolo di Daniel Craig nei panni di James Bond, è stato ritardato di oltre un anno a causa della pandemia e, quando è stato finalmente rilasciato, ha incassato solo 160,7 milioni di dollari negli Stati Uniti e in Canada. Questo è stato di $ 40 milioni in meno rispetto al film di Bond del 2015 “Spectre” e $ 144 milioni in meno rispetto al film del 2012 “Skyfall”, il film con il maggior incasso del franchise.

Film ben recensiti e guidati dall’autore che tradizionalmente hanno goduto di una grande presenza nella cerchia dei premi, come “Last Night in Soho” ($ 10,1 milioni), “Nightmare Alley” ($ 8 milioni) e “Belfast” ($ 6,9 milioni), A malapena ha fatto un salto al botteghino.

READ  Gucci entra a Hollywood

E sebbene “West Side Story” di Spielberg abbia una valutazione positiva del 93% su Rotten Tomatoes, ha incassato solo 30 milioni di dollari al botteghino nazionale. (I guadagni originali ammontavano a $ 44 milioni nel 1961, l’equivalente di $ 409 milioni di oggi.)

Secondo uno studio recente, il 49% degli spettatori pre-pandemia non acquista più i biglietti. L’otto per cento dice che non torneranno mai più. Questi numeri sono la campana a morto per i film a medio budget che si basano sul passaparola e sui riconoscimenti ben pubblicizzati per attirare gli sponsor ai posti.

Alcuni credono che la parte centrale del cinema, la categoria dei film in conflitto che costano da $ 20 a $ 60 milioni (come “Licorice Pizza” e “Nightmare Alley”) e non sono basati su un fumetto o altra proprietà intellettuale nota, possa cambiare per sempre. Se le tue abitudini di visione sono cambiate in modo permanente e le nomination ai premi e le vittorie non sono più l’attrazione principale, questi film avranno ancora più difficoltà a raggiungere il pareggio. Se il pubblico fosse disposto ad andare al cinema solo per vedere l’ultimo film di Spider-Man, sarebbe difficile convincerlo che ha bisogno di vedere anche un film come “Belfast”, la meditazione dell’infanzia in bianco e nero di Kenneth Branagh, in un teatro affollato piuttosto che nei loro salotti.