Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La terza bozza di accordo della COP26 garantisce che i paesi ricchi mantengano le loro promesse sul clima

L’ultima bozza dei colloqui sul clima delle Nazioni Unite COP26 include una proposta per garantire che i paesi ricchi forniscano finanziamenti per il clima ai paesi più poveri del mondo nei prossimi anni, dopo che le promesse precedenti non sono state mantenute.

La nuova bozza di accordo ha anche mantenuto una richiesta di base per i paesi di sviluppare piani più ambiziosi per affrontare il riscaldamento globale e di eliminare gradualmente i sussidi inefficaci per i combustibili fossili che stanno riscaldando il pianeta.

Ma il finanziamento si è rivelato una delle questioni più difficili da risolvere durante l’incontro a Glasgow, in Scozia.

I paesi ricchi, le cui emissioni sono responsabili della maggior parte dei cambiamenti climatici causati dall’uomo, non sono riusciti a mantenere la promessa di lunga data di fornire 100 miliardi di dollari (137 miliardi di dollari australiani) all’anno entro il 2020 per sostenere gli sforzi dei paesi poveri per affrontare gli impatti . dal riscaldamento globale.

Ciò ha gettato un’ombra sopra le righe, rendendo più difficili ulteriori negoziati sui mercati del carbonio e promuovendo obiettivi climatici, con alcuni paesi poveri che affermano di non poter ridurre le emissioni più velocemente a meno che non ottengano più aiuti finanziari.

La bozza di proposta, una delle tante preparate dalla Gran Bretagna per essere pubblicata alla fine della COP26, chiede a un panel delle Nazioni Unite di riferire il prossimo anno sui progressi verso la consegna di 100 miliardi di dollari e propone che i ministri del governo si incontrino nel 2022, 2024 e 2026 per discutere del clima. Finanza.

Check-in regolari cercheranno di mantenere alta la pressione sui paesi ricchi affinché mantengano le loro promesse di raccolta fondi. La proposta britannica chiede anche ai paesi di aumentare i loro contributi per consegnare $ 100 miliardi.

La bozza necessita dell’approvazione dei quasi 200 paesi rappresentati al vertice.

I paesi ricchi prevedono di consegnare 100 miliardi di dollari nel 2023, anche se alcuni hanno suggerito che saranno raggiunti l’anno prossimo.

Un funzionario dell’UE ha affermato che l’UE e l’Italia stanno elaborando una proposta dell’ultimo minuto venerdì che utilizzerebbe i diritti speciali di prelievo per aiutare a garantire che l’obiettivo venga raggiunto l’anno prossimo.

Una seconda bozza di documento pubblicata sabato mattina, ora locale, avvierà i colloqui tra i paesi per fissare un obiettivo post-2025 sui finanziamenti per il clima.

L’obiettivo di 100 miliardi di dollari dovrebbe essere raggiunto ogni anno dal 2020 al 2025, dopodiché dovrebbe iniziare un nuovo obiettivo.

La seconda proposta invita i paesi, i gruppi della società civile e il settore privato a concentrarsi nel prossimo anno sul nuovo obiettivo e lancerà un programma di lavoro per sviluppare l’obiettivo post 2025, guidato da un paese sviluppato e un paese in via di sviluppo, a partire nel 2022-2024.

Le nazioni africane hanno affermato che il nuovo obiettivo dovrebbe raggiungere 1,3 trilioni di dollari (1,7 trilioni di dollari australiani) entro il 2030 per riflettere i costi crescenti di siccità, inondazioni e altri disastri legati al clima nei paesi più poveri del mondo.

Secondo le Nazioni Unite, l’impegno di 100 miliardi di dollari è ben al di sotto delle effettive esigenze dei paesi a rischio, che potrebbero raggiungere i 300 miliardi di dollari (409 miliardi di dollari) all’anno entro il 2030 per adattarsi ai soli impatti climatici.

Questo indipendentemente dalle potenziali perdite economiche dovute a raccolti scarsi o disastri legati al clima.

ABC/Reuters

READ  Un attacco di coltello su un treno tedesco ha lasciato tre persone gravemente ferite