Settembre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La storia di perdita personale e speranza della “Mano di Dio” di Sorrentino

La storia di perdita personale e speranza della "Mano di Dio" di Sorrentino

VENEZIA – Il regista italiano Paolo Sorrentino ha offerto uno sguardo su alcuni dei potenti personaggi nel corso degli anni, dai primi ministri italiani nella vita reale ai papi immaginari, così come la Roma adottata nel film vincitore del premio Oscar La grande bellezza. Ma nella sua ultima uscita, Sorrentino ha puntato la telecamera sulla sua tragedia personale.

L’autobiografia di Sorrentino “Hand of God”, presentata in anteprima giovedì alla Mostra del Cinema di Venezia, racconta come la sua normale infanzia negli anni ’80 a Napoli sia stata sconvolta dalla morte improvvisa e accidentale dei suoi genitori e come un certo atleta abbia avuto un ruolo involontario nel salvare la sua vita. vita.

Ha già parlato dello shock: i suoi genitori sono morti per avvelenamento da monossido di carbonio nella casa sciistica della famiglia quando Sorrentino aveva 16 anni. Dopo aver compiuto 50 anni, l’epidemia ha bloccato altri progetti.

“Ho pensato che potesse essere utile, perché sono sempre stato bloccato a quell’età (16), nel dolore di quell’età”, ha detto Sorrentino in un’intervista mercoledì. “Non potrei mai muovermi su questo.”

Il film, tuttavia, racconta una storia più universale, sulla famiglia, gli eroi, la speranza e l’educazione di un adolescente goffo che improvvisamente entra nell’età adulta ed è costretto a farsi strada da solo.

“Questo è qualcosa che probabilmente è di minimo conforto per i bambini che hanno trascorso gli ultimi due anni rinchiusi in casa e che probabilmente hanno un senso molto più di un futuro instabile rispetto alle generazioni precedenti”, ha detto.

Sorrentino ha usato il suo passato in modi più sottili: Jude Law era un orfano, come Sorrentino, prima di essere inspiegabilmente eletto per dirigere la Chiesa cattolica in “The Young Pope”, la rigogliosa serie televisiva di 10 episodi andata in onda su HBO e Sky.

READ  Pane con BEV: ricette di zucchine che sfruttano l'abbondanza dell'orto | intrattenimento

Per il suo vantaggio in termini di vita, Sorrentino ha chiesto a un membro della sua famiglia professionale, l’attore Tony Servillo, di interpretare suo padre. Per fare ciò, Sorrentino ha arruolato un collaboratore e amico di lunga data la cui interpretazione del famoso cantante Jeb Gambardella ha contribuito a cementare l’Oscar della lingua straniera 2014 per “La grande bellezza”.

“Tante volte nel corso degli anni ne abbiamo parlato”, ha detto Cervello. Qualche anno fa, Sorrentino disse: “Forse era ora di girare e mi ha chiesto se sarei stato io il padre. Naturalmente ero lusingato”.

Notando che Sorrentino si riferiva spesso a lui come suo fratello maggiore, Servillo disse sarcasticamente: “Sono stato promosso da fratello maggiore a padre”.

Il nuovo alter-ego di Sorrentino è interpretato dal giovane italiano Filippo Scotti, che ha ammesso la situazione piuttosto strana di dover interpretare il proprio regista, senza il beneficio delle sue precedenti conoscenze, figuriamoci di essere un adolescente. Ma ha detto che si è fidato del suo istinto e, con la guida di Sorrentino, ha fatto suo il ruolo.

“Era più difficile pensare di farlo che farlo davvero”, ha detto.

L’altra grande star del film, e l’ispirazione per il suo soprannome, è la leggenda del calcio Diego Maradona, il cui arrivo a Napoli con un accordo commerciale dal Barcellona nel 1984 ha riscritto la storia del calcio del club locale di Napoli. Mentre giocava per l’Argentina ai Mondiali del 1986, Maradona ha segnato il famigerato gol della “Mano di Dio”, colpendo la palla in rete per dare all’Argentina la vittoria nei quarti di finale sull’Inghilterra.

READ  Mentre The Brattle riapre al pubblico, diamo il benvenuto a Cinema Week, 'Too Late' e 'Orphans'

Sorrentino ha detto che l’arrivo di Maradona – “Maradona non è arrivato, si è fatto vedere” – è stato un lampo di energia per la squadra, il Napoli e soprattutto per i giovani.

“Posso spiegarlo solo in termini divini”, ha detto Sorrentino. “Ci sono pochissimi umani in giro. Tutto ciò che ha fatto, tutto ciò che è successo ha avuto a che fare con Dio”.

E durante la partita tra Empoli e Napoli del 5 aprile 1987, Maradona salvò la vita al giovane Sorrentino. Sorrentino, allora 16enne, avrebbe dovuto raggiungere i suoi genitori questo fine settimana nella loro casa di sci nel centro Italia, ma è rimasto a casa per poter guardare Maradona giocare.

“Sono sicuro che ci sono molte persone là fuori che credono, sia per una serie di coincidenze o meno, che Maradona abbia salvato loro la vita”, ha detto. “Nel mio caso, è quello che è successo.”

Dopo un periodo di perdita, dolore e incertezza nel trovare la propria strada, il giovane Sorrentino ha deciso di voler fare film. E 20 anni dopo aver proiettato a Venezia il suo primo lungometraggio – “One Man Up”, che vede protagonista una stella del calcio del Napoli e nientemeno che Cervello nei panni dell’oscuro cantante – Sorrentino torna al Lido con il film Netflix in concorso.

“Il rimpianto più grande è non poterlo vedere”, ha detto Sorrentino, ricordando la morte di Maradona nel 2020. “L’unico spettatore che mi interessava davvero era lui, anche se è una figura divina, probabilmente poteva vederlo dal suo posto”.