Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La star italiana della strada degli anni ’90 Mario Chiesa ottiene PEZ’d!

Intervista al concorrente precedente: Mario Chiesa rimase con lo stesso allenatore per tutta la sua carriera e, soprattutto, il suo allenatore rimase con lui dal 1988 al 1997. Come “capitano di strada”, ha aiutato a guidare piloti come Marco Bantani, Urs Zimmerman e Claudio Chiabucci verso alcune grandi vittorie. Più di recente, era al volante di nove squadre principali. Grazie a Lucio Belli, Ed Hood incontra Mario per conoscere la sua storia.


Mario Chiesa in Amstel 1988

Pedaliera xpedo cxr con Brian McCullough

Lucio Bailey è un fedele lettore di PEZ, il che è un grande complimento perché dubita molto di ciò che sta leggendo sul ciclismo nei giornali. È originario di Montichiari – sede del famoso Ippodromo Velodromo – ma ora vive a Polpenazze Del Garda con la fidanzata Eleonora. Uno dei motivi dei suoi dubbi sui media è che vive a soli 100 metri di distanza ed è un caro amico di Mario Kiza, un uomo che ha guidato ai massimi livelli nello sport per quasi un decennio iniziando con sei piste. Italia, cinque turni, Francia, quattro carburanti. Chiesa dirige la squadra da oltre 20 anni – non molto può dire a questo ragazzo del suo gioco di ciclismo.

Quando abbiamo chiesto a Lucio se volevamo intervistare Mario per nostro conto, cosa possiamo dire se non; ‘Sì sì sì!’

una chiesa
Inizia con loro giovani

PEZ: Hai guidato la squadra di hobbisti Carrera prima di diventare un professionista, Mario?
Mario Chiesa:
Sì, si chiamava Carrera-Inoxpran ed era “Satelliti” Dal team di professionisti che era già Carrera Vagabond; Pochi piloti e personale giovane, è un ambiente prevalentemente familiare.

una chiesa
Chi è Mario?

PEZ: Hai fatto una corsa molto dura in Valle d’Aosta nel 1987, questa è una vetrina per squadre professionistiche, ha fatto il tuo contratto professionale?
Sì, la vittoria in Val Aosta è stata la conferma definitiva, è andata bene anche alla Bergamaska ​​Week concludendo terza nella quarta tappa di Polnikov su Saitov. La nostra squadra era composta da piccoli dilettanti con solo cinque corridori e non abbiamo corso molte competizioni: volevano che due concorrenti si candidassero alla squadra professionistica e io sono stato selezionato.

una chiesa
Con Carrera da tanti anni

PEZ: Carrera, una grande squadra con grandi personalità, deve essere stato un po ‘esausto per un giovane pilota entrare a far parte di un gruppo del genere?
Certo, ero un giovane che si è trovato in mezzo a tanti eroi, è stata una cosa così incredibile. I primi giorni ero un po ‘spaventato, molto rispettato, ma poi ho scoperto che erano brave persone.

READ  Il ritorno di Allegri alla Juventus è ormai imminente, secondo Sky Sport - Juvefc.com

PEZ: Sei rimasto fedele a David Boivava come manager per tutta la tua carriera, il che è insolito nello sport.
Innanzitutto il quartier generale della squadra era vicino a casa mia e in squadra c’era Chiappucci con cui andavo sempre molto d’accordo; Poi per me diventare direttore sportivo con Boifava è stata la naturale evoluzione delle cose.

una chiesa
All’inizio della Gent-Wevelgem 1993

PEZ: The88 Vuelta Come nuovo professionista, deve essere dura?
Ricordo che siamo partiti bene con il mio amico Ettore Pastorelli vincendo nella prima metà della tappa a Santa Cruz de Tenerife e indossando la maglia gialla. Ma poi il secondo tempo è stato subito duro: Inaki Gaston ha vinto quella tappa con Ludlino Cubino che ha indossato la maglia che ha portato fino alla quindicesima tappa; Shawn Kelly è stato l’ultimo vincitore finale di quell’anno. Ho indossato la maglia del miglior giovane e ho cercato di difenderlo ma l’ho persa nei Pirenei per mancanza di esperienza. Tuttavia, la ricordo Vuelta con grande piacere, e l’ho terminata con buone gambe. Ero molto giovane e tra la Vuelta – che si teneva all’epoca in primavera – e alcune classiche nordiche eravamo stati fuori casa per circa due mesi gareggiando contro grandi eroi.

una chiesa
Sulla grinta di Wevelgem’94

PEZ: Il Giro del 1989, sempre speciale per un giovane italiano.
Sì, per l’italiano il Giro è sempre una cosa molto importante. Avevamo una buona squadra, con Urs Zimmermann in classifica generale, sesto in classifica generale – e Acacio da Silva in teatro di caccia; Ha vinto la seconda tappa sull’Etna. Noi, insieme a Gori Pavlik, abbiamo vinto la maglia azzurra per l’Intergero (la maglia azzurra) ma ricordo ancora il freddo che ho provato sulle tre cime del Lavarredo.

una chiesa
Henninger Tower 1993

PEZ: La tua vittoria al Trofeo Matteotti a 90 anni, i tuoi ricordi?
E stranamente, ricordo un po ‘di Matteotti; Forse era la tensione della gara, e fortunatamente c’erano due squadre (Ariostia e Del Tongo) che erano in guerra tra loro e la separazione non poteva sfuggire. Quando finalmente è iniziata la rottura ero lì e ho giocato con le mie carte – sono stato bravo ma anche fortunato.

READ  Great Bridge County | Newyorkese

una chiesa
Rumminger, Shiapucci e Kiza

PEZ: Ci parli del tutoraggio del compianto Marco Pantani in Carrera.
Quando è diventato un professionista Carrera, ci siamo subito resi conto che aveva un motore non comune. Nelle sessioni di allenamento estenuanti, è rimasto con persone come il russo Gero Winner 1996, Pavel Tonkov, che era un altro grande talento. Marco era inizialmente molto gentile, virile, timido, rispettoso e taciturno. Alla sua prima tournée in Italia fu costretto al ritiro a causa di una tendinite, ma l’anno successivo nel 1994 mostrò a tutti di cosa era capace.

una chiesa
Conduce un tour di gruppo

PEZ: Come mi sono evoluto in una squadra, ‘Capitano della strada’?
In effetti, non mi sono mai sentito così ‘Capitano della strada’, Più che gregario credenti; Certo, per alcuni giovani della squadra, sono stato visto come un leader della strada, ma mi sentivo un fedele Gregario; Steel, avrebbe dovuto essere lì quando il capitano aveva bisogno di me.

PEZ: Tour de France nel 92, come si confronta con le gare di Vuelta e Giroux?
È stata la mia prima esperienza ai massimi livelli, una corsa dura ma con tante soddisfazioni, con Chiappucci che ha vinto a Sestriere e il secondo posto nel Team Time Experience.

una chiesa
Al via Paris-Rubex 1997 con Essex

PEZ: Quel round del TTT dovrebbe essere selvaggio con ragazzi come Bontempi in squadra?
Certamente selvaggio – l’hai detto bene! Quando ci penso sento ancora il dolore alle gambe.

PEZ: La tua ultima stagione con Asics – avevi solo 31 anni, quindi perché te ne sei andato?
Ha iniziato come Direttore Sportivo nel 1998 in ASICS e poi in 99 Riso Scotti. Era un’opzione che attendo con impazienza in futuro. Avrei potuto continuare come passeggero ma ho preferito guardare avanti e iniziare a muovermi in un mondo parallelo salendo in macchina. Supponiamo che mi aspettassi un po ‘i tempi ma penso di aver preso la decisione giusta.

READ  Jack Wilshere, notizie di trasferimento 2021, Arsenal, prossimo club, Newcastle Jets, A-League, Premier League, Premier League, Bournemouth.

cheisa
DS con IAM

PEZ: Sei passato alla gestione della squadra con Riso Scotti, quanto sarebbe difficile passare alla macchina del team? Nel mio primo anno da direttore sportivo con Asics c’era Serge Parsani (che poi è andato in Mapei), era un ragazzo con molta esperienza e da lui ho imparato molto, quindi è stato più facile per me. All’ASICS c’erano tanti grandi eroi come Bartoli e Bettini. Quando la squadra vince, più è facile per tutti fare il proprio lavoro, più sei calmo. L’anno successivo con Rizzo Scotty e senza Parsani, diciamo che dovevo gestirmi da solo, ma l’ho fatto comunque – tutta l’esperienza.

una chiesa
Non è facile essere un DS

PEZ: Hai avuto a che fare con alcune squadre: Riso, Fasa, Tenax, Liquigas, IAM e Bahrain – sei il tuo preferito e perché?
Mi sono divertito ovunque, ma se dovessi fare dei nomi direi Vasa, Liquigas ed EAM per mentalità, organizzazione e professionalità. Ma ripeto, non è che ho avuto particolari problemi con gli altri.

una chiesa
“Mi sono divertito moltissimo ovunque”

PEZ: Come sono cambiati gli stili manageriali nel tempo in cui praticavi sport?
Tutto è cambiato con il World Tour; Una volta, anche le grandi squadre erano gestite come una famiglia. C’è stato un dialogo tra tutti i dipendenti; Oggi in una grande squadra tutto è serrato, tutti i settori, meno familiare e più industriale.

cheisa
Sì, quello è Terence Hill

PEZ: Qual è il giorno più memorabile della tua carriera?
Avevo tanti bei ricordi, ma direi il 1992, il primo Tour de France e l’arrivo agli Champs-Elysées.

una chiesa
Sono ancora in bici

PEZ: Guardando indietro, cosa faresti di diverso?
No, farò tutto allo stesso modo.

una chiesa
Con il team ISEO

PEZ: Quali sono i tuoi piani per il 2021?
Per portare un concorrente della mia attuale squadra (ISEO RIME CARNOVALI SIAS) tra i professionisti e finire terzo al Giro Bio.

una chiesa
Lucio e Mario

# Grazie a Lucio Bailey e Mario Chiesa. Foto dalla collezione di Mario, se non il merito. #

Come PEZ? Perché non iscriverti alla nostra newsletter settimanale per ricevere aggiornamenti e promemoria sui vantaggi del ciclismo?