Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La St. Albert Community Concert Band, la St. City Jazz Band inizia dal vivo

La St. Albert Community Concert Band, la St. City Jazz Band inizia dal vivo

Per la St. Albert Community Concert Band, il suono del silenzio negli ultimi due anni è stato il più assordante di tutti.

Era il silenzio dei concerti cancellati, l’essere costretti a cambiare melodia e a non condividere ciò che ami di più: i suoni fluttuanti della musica che parla ad alta voce senza dire una parola.

Tuttavia, la pandemia è in una nuova fase e 60 musicisti registrati sono tornati all’Arden Theatre mercoledì 8 giugno per il loro primo grande concerto da dicembre 2019. Intitolato suoni estivirompe il silenzio e mostra la forza del futuro e la gioia stagionale della vita di cui godiamo.

Il concerto si apre con la Saint City Jazz Band che suona sei brani, guidata da Brian Demuynck. Di seguito è la banda da concerto guidata dalla dott.ssa Angela Schroeder che esegue un programma in sette parti.

“Tornare nella sede ufficiale del concerto è una vittoria. Abbiamo lavorato duramente per riportare la musica. Siamo progettati per l’ambiente del concerto e siamo collettivamente entusiasti di riunire le persone. Conoscere le persone che hanno aspettato il nostro ritorno , e sapere che abbiamo un supporto così forte nella comunità, è una cosa grandiosa “, ha affermato Schroeder. Molto eccitante”.

Progettare un repertorio di due anni senza prove è stata una sfida. Schroeder ha risolto il problema iniettando un programma musicale equilibrato per la “banda di alto calibro”.

“Ho cercato di trovare le munizioni in modo che questo set avesse la stessa quantità di sfida e familiarità. Ho scelto due pezzi che avevano suonato prima. Ho scelto due pezzi che erano impegnativi e ho scelto due pezzi che erano i preferiti dal pubblico”.

READ  Nel suo primo film subcontinentale, il film pakistano Joyland ha vinto il premio della giuria Can Sidebar

La compagnia di concerti è stata scelta per eseguire varie opere importanti dal compositore d’opera italiano del XIX secolo Guacchino Rossini al compositore contemporaneo di Los Angeles Frank Ticelli. Schroeder include anche un inno ucraino come espressione di solidarietà con le sofferenze causate da una guerra inutile.

Tra i lavori realizzati da Ticelli VesuvioUna riflessione musicale sulla resilienza dell’anima umana. Rossini invece italiano in Algeria Non prenderti troppo sul serio quando inizi con le note sottili prima di spostarti verso la fine fiorita.

Schroeder includeva anche Gustav Holst Passeggiata sulla brughieraun’esplosione nazionale di note.

“Scrive in modo brillante. Capisce cosa fa mischiare gli strumenti e padroneggiare corde diverse. È un genio e tutto ciò che scrive è realizzato magnificamente”.

Brian Palmegis Tre danze celtiche È un’esplorazione di tre forme di danza scozzese che sono state esplorate come melodia vivace.

“Gli stili di danza sono bobina, aria e danza. La bobina e la danza sono luminose e leggere, e l’aria nel mezzo è un meraviglioso assolo di sassofono suonato da Georges Botelho.”

Mykola Lysenko Una preghiera per l’Ucraina, l’inno spirituale dell’Ucraina è ormai diventato un punto fermo mondiale. Questo inno patriottico fu pubblicato per la prima volta nel 1885 quando Lysenko scrisse la musica per accompagnare il testo di Oleksandr Konsky.

“È stato ampiamente eseguito in tutto il mondo. È stato eseguito da persone come l’inno nazionale, ma questo è quello che potremmo chiamare l’inno nazionale non ufficiale”.

Schroeder e la band sono stati colpiti dalla perdita di vite umane in Ucraina e da come ha colpito molti individui e famiglie a livello locale.

READ  Festival di luglio, corsi di cucina, popup, offerte e altro

“Ci sono molte connessioni a St. Albert. Non possiamo fare molto per aiutare. Ma questa è l’unica cosa che possiamo fare oltre a donare denaro. Possiamo esprimere la nostra solidarietà e simpatia. Con la musica possiamo esprimere come ci sentiamo .”

Schroeder ha continuato descrivendo come la pandemia abbia fatto capire a molte persone l’importanza della musica nelle nostre vite.

“Ha fatto un buco nelle nostre vite e sono grato che così tanti musicisti abbiano corso il rischio di tornare. Sono contento che le persone riescano a superare la paura e spero che passeranno dall’altra parte”.