Maggio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Slovacchia elegge un nuovo presidente tra le divisioni sulla guerra in Ucraina Notizie sulle elezioni

La Slovacchia elegge un nuovo presidente tra le divisioni sulla guerra in Ucraina  Notizie sulle elezioni

Russia e Ucraina rappresentano un importante punto di contesa tra due importanti candidati che si sono presentati a stretto contatto alle elezioni.

Sabato gli elettori slovacchi si sono recati alle urne per scegliere un nuovo presidente, scegliendo tra il candidato dell'opposizione filo-occidentale Ivan Korcok e Peter Pellegrini per la coalizione di governo della sinistra nazionalista.

I seggi si chiuderanno alle 22:00 ora locale (20:00 GMT). Le previsioni preliminari sono attese a breve e i risultati ufficiali dovrebbero arrivare durante la notte.

Secondo i sondaggi finali condotti in un paese di 5,4 milioni di abitanti, la competizione per la posizione prevalentemente cerimoniale è stata intensa.

Korcok ha vinto il primo turno il mese scorso con il 42,5% dei voti, mentre Pellegrini è arrivato secondo con il 37%. I due si sono affrontati in un secondo turno decisivo senza che nessuno dei due vincesse con almeno il 50% in quel momento.

Korcok (60 anni) è stato ministro degli Esteri slovacco nel periodo 2020-2022 e, prima ancora, ambasciatore negli Stati Uniti e in Germania. È stato anche l'inviato del paese presso la NATO e l'Unione Europea. Korcok sostiene fermamente l'adesione della Slovacchia all'Unione Europea e alla NATO.

Nel frattempo, Pellegrini (48 anni) è uno stretto alleato del primo ministro populista Robert Fico, noto per le sue politiche filo-russe.

Pellegrini è a capo del partito di sinistra Halas (Voce), che è arrivato terzo alle elezioni parlamentari dello scorso anno, ed è favorevole a un forte ruolo dello Stato. Il suo partito si è unito a una coalizione di governo con il partito di sinistra Smir (Trend) di Fico e l'estremista Partito nazionale slovacco.

READ  Un raro tornado nel nord del Michigan ne uccide uno, ne ferisce più di 40, capovolge le auto e distrugge i tetti

Il governo di Fico, salito al potere a settembre, ha immediatamente interrotto le spedizioni di armi all'Ucraina, provocando proteste a livello nazionale contro la sua posizione filo-russa e diverse altre politiche.

Pellegrini è attualmente presidente del Parlamento e una vittoria consoliderebbe il potere di Fico dando a lui e ai suoi alleati il ​​controllo dei siti strategici.

Pochi poteri esecutivi

Sebbene i presidenti slovacchi non abbiano molto potere esecutivo, possono porre il veto o impugnare le leggi presso la Corte costituzionale. Nominano anche i giudici della Corte Costituzionale, che potrebbero diventare importanti nella lotta politica sul destino delle riforme di Fico, che ridurrebbero significativamente le sanzioni per la corruzione.

Korcok si è concentrato nel chiarire che non voleva che Fico e la sua coalizione ricoprissero posizioni esecutive nel governo, nonché nel parlare apertamente contro il cambiamento nella politica antioccidentale di Fico.

“Voglio essere all'inizio di un processo che significherà migliorare la vita del nostro popolo e mostrare definitivamente a quale posto appartiene la Slovacchia”, ha detto Korcok dopo il voto a Senec, 35 chilometri a nord-est di Bratislava.

Pellegrini ha cercato di ritrarre Korcok come un guerrafondaio per aver sostenuto l'armamento dell'Ucraina e ha suggerito che avrebbe potuto coinvolgere le forze slovacche nella guerra, cosa che Korcok ha negato.

Ma Pellegrini era considerato più moderato di Fico. “Non si tratta della direzione futura della politica estera. Inoltre garantisco, come l'altro candidato, che rimarremo un membro forte dell'Unione europea e della NATO”, ha detto dopo il voto nella città di Rovenka, alla periferia di Kosovo. capitale.

Nel frattempo, la presidente uscente Zuzana Caputova, un avvocato per i diritti umani che non sta cercando un secondo mandato, ha criticato la retorica della guerra in un discorso televisivo mercoledì.

READ  Il presidente Gotabaya Rajapaksa e il primo ministro Ranil Wickremesinghe si dimettono

“Mi dispiace che giocare con la paura fosse parte di questa campagna”, ha detto.

“Ho avuto l’opportunità di conoscere entrambi i candidati alla presidenza durante i miei cinque anni di mandato, e posso dire in tutta coscienza che né Peter Pellegrini né Ivan Korcok ci trascineranno in una guerra né manderanno nessuno dei nostri soldati in guerra. Ucraina.”