Agosto 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La serie di ritratti di Rebecca Moses celebra le infermiere di New York durante la pandemia di COVID-19

Rebecca Mosè È una donna dalle molte parti: una New York spiritosa; Da 20 anni residente in uno sperduto paesino italiano; Stilista di moda; Un’artista che si diletta nelle donne e ritrae i suoi soggetti come gioiosi. Quindi è logico che la sua ultima impresa, “Thank You Mount Sinai Nurses” – una mostra itinerante di 46 fotografie dei membri delle varie équipe infermieristiche dell’ospedale multicampus di New York – si distingua per la straordinaria diversità e olistica di visione. Musa dipinge le donne con i propri vestiti, senza DPI, maschere o camici in vista. Durante l’inverno, le versioni ingrandite delle fotografie a colori sono state esposte gratuitamente nel reparto Guggenheim dell’ospedale in un’installazione progettata dall’architetto George Ranalli.

L’artista e stilista nel suo studio a New York. Fotografia di Courtney Douglas.

La carriera di Musa l’ha preparata per progetti di così vasta portata. Da quando aveva 14 anni, sapeva di voler essere nel mondo della moda. Dopo essersi laureata al FIT, è andata subito a lavorare in cappotti e abiti con licenza di Pierre Cardin. Tre anni dopo, “ha avuto una pazza idea di avviare un’attività in proprio”. Attraverso la sua etichetta di prêt-à-porter, Musa ha sperimentato angoscia, fascino e dramma nella scena dell’abbigliamento femminile. Per fortuna incontra un uomo, Giacomo Vista Bianchet, prima in Italia e poi di nuovo ad Hong Kong. Ma affinché Lamore potesse lavorare, i coniugi dovevano vivere nello stesso paese. Senza parlare una parola di italiano, Moses si trasferì a Quaruna (popolazione circa 5.000) e sposò Bianchet. Andarono e ebbero due figli, mentre lei continuava a dipingere senza sosta. I suoi schizzi alla fine hanno trovato il modo di guidare l’enorme gruppo di moda Jenny, Donatella Grumbelli, che ha assunto l’artista. Per cinque anni, Moses ha disegnato di tutto, dagli occhiali agli abiti. Ha poi continuato a rilanciare il suo marchio con una gamma di cashmere, trasformando la fiorentina Pineider in un marchio di lifestyle e consultando diverse aziende italiane. I suoi disegni sono decorati sulle pagine Vogue ItaliaE il Vogue Giappone, E il Marie Claire Italia.

Quando il marito di Moses è morto nel 2010, Vogue ItaliaLa stimata editrice Franca Sozzani la incoraggiò a tornare a New York ea concentrarsi sull’arte. Il che ci porta ai suoi libri. Mostre alle Fiere Internazionali Ralph Pucci di New York, Traffic NYC e Nilufar Galleries a Milano; E la collaborazione del 2020 con la Fragrance Foundation, una collezione di sette ritratti ispirati a una particolare fragranza. Oltre a celebrare le donne, Musa abbraccia la diversità stessa. “Ho tale
Una famiglia eclettica.» «Sono ebreo. I miei figli sono cresciuti ebrei e hanno trascorso la loro infanzia in Italia. Il mio compagno è nero. e mia nipote
È una parte cinese. Ci dice di più.

READ  La New York Restaurant Week dura cinque settimane

interior design: Come si sono evolute le Infermiere Thank You Mount Sinai?

Rebecca Moses: Grazie al potere dei social media e al pennello! Durante il blocco del COVID-19, ho avviato un progetto su Instagram chiamato Stay Home Sisters, in cui ho chiesto alle donne di condividere le loro storie e le loro foto e ho disegnato una loro foto. La risposta è stata ottima in termini di varietà. Non c’era fascia d’età, professione o categoria specifica. I messaggi provenivano da 23 paesi e queste donne iniziarono a scambiarsi messaggi. Uno dei messaggi che ho ricevuto proveniva da una donna di nome Ann Valentino, che voleva onorare sua sorella, Linda Valentino, che è vicepresidente dei servizi infermieristici e di assistenza ai pazienti per donne e bambini presso il Mount Sinai Health System e capo dell’assistenza infermieristica al Mount Sinai occidentale a New York. Linda ha condiviso ciò che stava vivendo professionalmente. Ad esempio, ha visto morire 26 persone in un giorno. Mi ha anche detto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha designato il 2020 come l’anno dell’infermiera e dell’ostetrica, e ho detto che mi piacerebbe fare qualcosa di speciale per questo. Attraverso le nostre pagine di corrispondenza, Linda Levy, presidente della Fragrance Foundation, ha cercato di fare 5.000 regali agli infermieri.

Vanessa Joseph, RN, BSN, Servizi per le donne, Mount Sinai Hospital. Fotografia per gentile concessione di Rebecca Moses.

Identità: perché solo donne? Anche gli uomini sono infermieri.

RM: Mi piacciono i ragazzi, ma non li disegno. Ma lo devo al Monte Sinai attraverso un uomo: un trapianto di fegato ha salvato la vita a mio padre lì.

ID: Come hai scelto i 46 infermieri?

Risposta: L’ospedale era responsabile di questo, diversificando tra i suoi diversi reparti: oncologia, ginecologia, ostetricia, radiologia.

READ  La riforma fiscale in cima all'agenda mentre i capi delle finanze del G20 si incontrano a Venezia
L’ufficio è nel suo studio a New York. Fotografia per gentile concessione di Rebecca Moses.

ID: Come è andato il processo?

RM: Le infermiere mi hanno mandato delle foto di loro stesse in abiti casual. Ho fatto una stampa diversa come sfondo per ogni pannello, così, quando messe insieme, si leggono come un collage. Tutte le foto sono 9 x 12 pollici, in acrilico, tempera e penna su carta.

Identità: dove e come sarà la mostra permanente?

RM: Il monte Sinai dovrebbe specificare dove, forse una scuola per infermieri. Non c’è la maquette. Questo è il bello: possiamo mettere insieme queste persone in qualsiasi modo scegliamo.

ID: E poi?

RM: Voglio trasferire tutte le mie immagini di Sister in the House, 412 di loro, in un museo per mostrare il potere e la consapevolezza delle donne durante questo periodo epico – e il potere del pennello e l’impegno su scala globale.
Non voglio venderli. Voglio che facciano parte della storia.

Shelley Burroughs, RN, Monte Sinai, Beth Israel. Fotografia per gentile concessione di Rebecca Moses.
Borse dipinte a mano sulla parete dello studio di Musa. Fotografia per gentile concessione di Rebecca Moses.
Linda Valentino, RN, MSN, NEA-BC, Vicepresidente dei servizi di assistenza infermieristica e di assistenza ai pazienti per i servizi per le donne e i bambini presso il Mount Sinai Health System e Chief Nursing Officer presso il Mount Sinai West. Fotografia per gentile concessione di Rebecca Moses.
L’artista dipinge. Fotografia per gentile concessione di Rebecca Moses.
Veneta Cherian, RN Medicina, Ospedale del Monte Sinai. Fotografia per gentile concessione di Rebecca Moses.
Monica Tse, MSN, BSN, RNC, Mount Sinai Medical Center. Fotografia per gentile concessione di Rebecca Moses.
Adaly Acosta, RN, Mount Sinai Morningside. Fotografia per gentile concessione di Rebecca Moses.
Serita Kleiman, RNC-MNN, MA, IBCLC Women’s Services. Fotografia per gentile concessione di Rebecca Moses.

Leggi il prossimo: Rebecca Moses e Cindy Allen Chat tramite Instagram Live